I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Mercato italiano per marca (2018)
Mercato italiano consolidato per marca (2017)
Mercato italiano mese per mese dal 1994
Mercato italiano per marca dal 2008
Mercato italiano - quote % per mese
Top 100
Top 10 negli ultimi sei anni
Top 50 benzina e diesel
Top 50 per alimentazione
Top 20 per Regione
Top 10 diesel per Regione
Top 5 italiane ed estere per Regione
Mercato dell’usato dal 2010
Passaggi di proprietà autovetture
Passaggi di proprietà netti autovetture
Passaggi di proprietà netti per modello
Minivolture autovetture
Radiazioni autovetture
Passaggi netti e radiazioni nelle province
Rapporto usato netto/nuovo
Parco circolante italiano autovetture
Immatricolazioni di autovetture per modello
Immatricolazioni per carrozzeria
Immatricolazioni per segmento
Immatricolazioni di autovetture benzina per segmento
Immatricolazioni di autovetture diesel per segmento
Immatricolazioni di autovetture ibride per segmento
Immatricolazioni di autovetture Gpl per segmento
Immatricolazioni di autovetture elettriche per segmento
Immatricolazioni di autovetture a metano per segmento
Immatricolazioni per marca e alimentazione
Immatricolazioni per Provincia e per Regione
Immatricolazioni di autovetture per canali di vendita
Immatricolazioni nelle province per canali di vendita
Immatricolazioni per marca suddivise per utilizzatore finale
Unità e quote per provincia e per marca
Immatricolazioni di veicoli commerciali per modello


Governo, non politica: questo serve all’Italia (e all’auto)

D overoso commiato, per cominciare: arrivederci e grazie (?) a Salvini. Nessuna delusione, anche se per qualche minuto è stato bello credere che l’allora vice Premier facesse sul serio, quando – sul palco di Verona, Automotive Dealer Day, maggio scorso – disse “Mi impegno a mettere tutta l’energia possibile per passare dal 40 al 100% di detrazione Iva sulle auto aziendali”. È stato bello, perché per qualche minuto si è potuto assistere a uno spettacolo assai raro: il dialogo, che implica ascolto, tra imprenditori e governanti. Nessuna delusione, però, perché alla fine nessun imprenditore è uscito da quella sala con la certezza che quella promessa sarebbe stata mantenuta. “Vedremo”, era lo stato d’animo che tutti più o meno accomunava. E infatti abbiamo visto. 
Adesso, arriva la notizia che il nuovo Governo è al lavoro sul Decreto legge detto per brevità “Clima” (“Per il contrasto dei cambiamenti climatici e la promozione dell’economia verde”). La bozza è stata preparata, e andrà al vaglio del Consiglio dei ministri. Contiene, tra gli altri, alcuni capitoli che coinvolgono il mondo dell’auto. Per cominciare, è previsto un bonus fiscale da 2.000 euro per i cittadini che risiedono nelle città metropolitane inquinate nelle zone interessate dalle procedure di infrazione comunitaria (Piemonte, Lombardia, Veneto, Lazio, Liguria, Toscana, Molise e Sicilia) e che rottamano autovetture fino alla classe Euro4. In pratica, dunque, riguarda gli automobilisti di Torino, Milano, Venezia, Roma, Genova, Firenze, Palermo, Catania e Messina. Ma, attenzione: il bonus da 2.000 euro è un credito di imposta che può essere utilizzato, entro i successivi 5 anni alla rottamazione, per abbonamenti al trasporto pubblico locale (sarà valido anche per i parenti del rottamatore) e l’utilizzo di servizi di sharing mobility con veicoli elettrici o a zero emissioni. E non verrà riconosciuto a chi, nei 2 anni successivi alla rottamazione, dovesse acquistare nuovi veicoli ad alte emissioni.

Leggi tutto...