I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Il Commento

Sono ormai nel dimenticatoio i clienti sprovveduti. Oggi chi entra in una concessionaria, spesso e volentieri ne sa pi? del venditore che gli si fa incontro. I tempi sono cambiati, le fonti di informazione infinite, specialmente (ma non solo) per via dei social media troppo spesso (a parere nostro)? presi per oro colato per quel che vi si legge, anche quando sarebbe opportuno un double check, come amano definire il controllo della notizia i giornalisti di lingua anglosassone.

Qui stiamo scrivendo di mercato dell?auto, di approccio al cliente, di offerte e di comunicazione e il problema si riflette sul modo di promuovere il prodotto e le offerte, secondo canoni che stanno diventando obsoleti, anche se i comunicatori non sempre se ne accorgono.

Progetti e dignità, il settore torna a schierarsi

Si è levato un bel vento, tra Roma e Verona, dove l’automobile si è data convegno. Vento di programmi. Programma è una bella parola: promette impegno. 
Molto ce ne ha messo l’Unrae nel costruire la propria visione strategica della mobilità. Una visione indubbiamente lucida, sorretta da un ragionamento che, anche a prima vista, è di una logica disarmante. La natura non fa salti; l’industria (e i mercati) nemmeno, nonostante a volte le apparenze sembrano dire il contrario. L’evoluzione procede per gradi, insomma. L’industria dell’auto non si arrocca, non si chiude a riccio, tutt’altro. È disponibile al cambiamento, si è preparata. Sa e capisce. Questo è quello che ci è stato dimostrato a Verona. Insieme, in una sorta di prova generale, ci è stata mostrata l’ampia documentazione - creata anche con il contributo del Cnr e del Censis - che, facendo vera informazione, sostiene in modo solido e concreto l’impresa. Che non si annuncia semplice: per i rappresentanti delle Case estere il prossimo passo del progetto è far capire alle istituzioni italiane, ai decisori, la necessità di programmare anche (soprattutto) loro. Ma questo è il mare nel quale l’auto deve navigare in Italia. Lo sa, e anche a questo - a non mollare - si è preparata.

Leggi tutto...