I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

2016

Il Consiglio di Amministrazione della Automobile Association European Manufacturers (ACEA) ha confermato anche per il 2017 Dieter Zetsche alla presidenza dell’Associazione. Dieter Zetsche, Presidente di Daimler AG e responsabile Mercedes-Benz Cars, è nato a Istanbul, in Turchia, il 5 maggio 1953, ha studiato ingegneria presso l’Università di Karlsruhe ed è entrato in Daimler nel 1976 presso il dipartimento di ricerca dell’allora Daimler-Benz AG.

 

Maria Conti, responsabile comunicazione del brand Fiat (Emea), arriva in Alfa Romeo per sostituire Roberto Toro nel ruolo di responsabile comunicazione. Silvia Cassani, capo comunicazione di Jeep (Emea), prende il posto di Maria Conti in Fiat. * Roberto Toro ha lasciato il ruolo di responsabile comunicazione del brand Alfa Romeo del Gruppo Fca. La sua carriera proseguirà all’estero, in Volkswagen per il brand Seat. * Dal 1° dicembre Eugenio Franzetti ha lasciato la posizione di direttore comunicazione e relazioni esterne di Peugeot, Citroën e DS Italia per assumere il ruolo di direttore vendite Citroën Italia. Al suo posto è subentrato Carlo Leoni già responsabile della comunicazione di Peugeot Italia. * Maximilian Szwaj è il nuovo vicepresidente e direttore tecnico di Aston Martin, prende in carico tutto il settore dell’engineering, riportando direttamente al presidente e Ceo Andy Palmer. Szwaj ha esperienze in Porsche, BMW e in Ferrari dove, da marzo 2011, ha ricoperto la carica di head of body engineering and innovations. * Raul Garcia Gil è stato nominato direttore delle marche Fiat e Abarth per la Spagna, in sostituzione di Alberto de Aza. Garcia (46) mantiene la posizione occupata in precedenza, cioè di responsabile per le flotte, il remarketing e i veicoli d’occasione per tutti i marchi Fca in Spagna. * Carlo Bonzanigo (50) dal 9 gennaio 2017 assume il nuovo Direttore dello Stile della Pininfarina S.p.A., alle dirette dipendenze dell’amministratore delegato Silvio Pietro Angori. Bonzanigo prende il posto di Fabio Filippini, che lascerà l’azienda il 31 marzo 2017 per ragioni personali. * Luca Ocone a partire dal 5 dicembre è Sales Area Manager di Suzuki Italia. Lascia la posizione di Technical Zone Manager Fca, ruolo che Ocone ricopriva dal settembre 2014. * Giancarlo Perlini (36) ha assunto la carica di Responsabile Marketing di Italscania, nell’ambito della Direzione Business Support & Development guidata da Paolo Carri. Nel team di Perlini, Elisa Casagrande si occuperà delle relazioni esterne e ufficio stampa dell’azienda. * Il Supervisory Board del Gruppo Europcar ha annunciato la nomina di Caroline Parot a Chief executive officer. Succede a Philippe Germond. * ALD Automotive Italia ha annunciato cambiamenti organizzativi. Gianni Giulitti è stato nominato general manager. Roberto Bruno ha assunto il ruolo di corporate direct sales director. A Giampiero Rosati è andata la carica di corporate indirect & sales consultant senior manager. Crescenzo Ilardi ha ricevuto la nomina di head of retail & customer assistance. A riporto di Ilardi, Stefano Contini è stato nominato retail indirect sales senior manager. A Massimo Fiore è andato il ruolo di retail direct sales senior manager. Laura Papa è ora customer assistance senior manager. Proseguendo con i cambiamenti in area marketing, Alessio Francese Circosta ha ricevuto la nomina di marketing and strategic planning director e a Riccardo Palmeri Lolli è andato il ruolo di customer experience senior manager. Infine Giuliana Sollai è stata nominata sourcing & logistics senior manager.  * Volvo Cars ha nominato Atif Rafiq (43) senior vice president IT con lo scopo di affidargli la direzione della trasformazione digitale della società. Nomina in Volvo Cars anche per Henrik Green  che assume il ruolo senior vice president research & development. Green (43) attualmente enior vice president sales & production planning and customer service, sostituisce Peter Mertens che di recente ha deciso di lasciare Volvo Cars per assumere una nuova posizione in Audi. * Federal-Mogul Motorparts ha annunciato i seguenti cambiamenti nel suo team dirigenziale Emea, Braking and Corporate Development: Andrew Sexton è stato nominato president Emea aftermarket. Neville Rudd è stato nominato senior vice president, global braking. Detlev Baudach è stato nominato senior vice president, global OE sales e Emea aftermarket commercial strategy. Alok Agrawal è stato nominato vice president, strategy e corporate development. * Moia, il nuovo servizio di mobilità del Gruppo Volkswagen, ha assunto Robert Henrich con il ruolo di chief operating officer. Henrich è una delle figure di primo piano nel settore dei servizi di car-sharing tanto da essere stato parte dei fondatori nel 2009 dell’allora  progetto pilota di Daimler  car2go. * Renault-Nissan ha nominato Philippe Brunet, manager veterano di Renault,  per sostituire il dirigente incaricato di motori e cambi. Brunet è il nuovo responsabile globale per l’ingegneria dei veicoli elettrici in sostituzione di Alain Raposo destinato comunque a rimanere nel team tecnico dell’Alleanza. * Visteon Corp. ha annunciato la nomina di Matthias Schulze di Daimler a capo dello sviluppo del sistema di assistenza alla guida. Schulze (54) si stabilisce a Karlsruhe, in Germania, riferendo direttamente al Chief Technology Officer di Visteon, Markus Schupfner. * La Varroc Lighting Systems - azienda nata da uno spin off di Visteon Corp. - ha nominato Stephane Vedie Amministratore Delegato. Vedie (42), che era a capo della divisione luci di Magneti Marelli in Nord America e in Francia, sostituisce Jeff Stevenson, che ha lasciato l’azienda.

Se Torino va a Milano, e la politica gioca a fare autogol

Perciò Torino va a Milano, nel senso del Salone dell’auto che cambia residenza. Lascia la città che gli era propria, lascia la dimora, il Parco Valentino, che lo ha visto rinascere e prosperare e affermarsi addirittura come standard con il quale dovranno misurarsi da qui in avanti gli show dell’auto, laddove pochi, pochissimi, avrebbero scommesso sulla sua capacità di durare oltre due, tre edizioni. Sono state invece cinque, l’ultima delle quali illuminata dalla presenza di 700mila visitatori e di 54 Marchi auto. Un trionfo di pubblico e di critica. Poi, è entrata in scena la politica – bassa, rigorosamente con la minuscola. E Torino, perciò, se ne va a Milano. Naturalmente, il fulmine a ciel sereno scagliato da Andrea Levy, presidente del Salone, che annunciando il trasloco ha insieme fornito le date del primo appuntamento milanese e quella della conferenza stampa di presentazione, qualche dubbio consistente lo ha prodotto. Si è detto: non si può improvvisare su due piedi un trasloco di questa portata; e in Italia, poi, dove la burocrazia è padrona e per ottenere permessi ci possono volere anni; e per andare a Milano, infine, che ha un’agenda degli eventi in cui, per trovare un buco libero, bisogna fare i salti mortali… E ancora, si è detto, un imprenditore che ha dimostrato di saperci fare, e Andrea Levy lo è, procede per programmi, non per improvvisazioni o colpi di testa. Quindi, si è concluso, la decisione di lasciare Torino non nasce dall’ultimo scontro con l’amministrazione locale – il vicesindaco Guido Montanari in testa, con la sua “speranza nella grandine” affinché mandasse all’aria l’ultima edizione del Salone del Parco Valentino - ma era stata già presa da tempo, si aspettava solo un casus belli per metterla in atto, e il casus belli è puntualmente arrivato.

Leggi tutto...