I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

2009

Luca De Meo, responsabile dei marchi?Alfa Romeo,?Abarth e del Group Marketing, lascia su sua richesta il?Gruppo Fiat. La posizione di AD di?Alfa Romeo viene affidata a?Sergio Cravero, mentre?Harald Wester, che mantiene gli incarichi di Chief Technical Officer di?Fiat Group e AD di?Maserati, assume anche la responsabilit? del brand?Abarth. In seno al?Fiat Group Automobiles vengono costituite quattro nuove funzioni cos? articolate: Sales, affidata a?Lorenzo Sistino, che avr? la responsabilit? di coordinare le attivit? commerciali a livello globale dei brand?Fiat,?Lancia e?Alfa Romeo; Brand Marketing Communication, affidata a?Olivier Fran?ois, con il compito di coordinare le attivit? di comunicazione per tutti i brand; Product Portfolio Planning & Automotive Institutional Relations, affidata a?Daniele Chiari, con la responsabilit? di assicurare la pianificazione di vetture e motori e curare le relazioni istituzionali del Settore; Product Concept, affidata a?Sergio Cravero, che avr? la responsabilit? di coordinare lo sviluppo dei singoli modelli e l?impostazione delle iniziative di prodotto per i marchi?Fiat,?Lancia e?Alfa Romeo. *?Romano Valente ? stato nominato Vice President Sales & Marketing di?Hyundai Motor Company Italy.?Valente lascia la Direzione Generale di?Suzuki Italia a?Massimo Nalli gi? Direttore Post-Vendita. * Dal 1? gennaio 2009,?Maurizio Pompei ha assunto l?incarico di Direttore TruckStore, nell?ambito della Direzione Generale Veicoli Industriali di?Mercedes-Benz. * Come gi? anticipato, dall?inizio dell?anno il nuovo Direttore Generale di?Renault Italia ??Jacques Bousquet. Sostituisce?Philippe Dauger. * L?assemblea generale dell?Anfia ha riconfermato?Eugenio Razelli alla Presidenza dell?Associazione per il triennio 2009-2011. * Dal 1? aprile?Lothar Alexander Harings diverr? membro del Management della?Kuehne +?Nagel International AG, con la responsabilit? delle risorse umane. *?Mazda Motor Europe ha promosso?Philip Waring, attualmente Vice President alle vendite, al ruolo di Chief Operating Officer (COO) con responsabilit? per marketing e vendite. Sempre da?Mazda Europe l?annuncio che riguarda?Wojciech Halarewicz divenuto Managing Director della societ? dedicata alle vendite in Polonia. *?Bernd Osterloch, leader sindacale dalla?Volkswagen, ha assunto la guida del consiglio sindacale della holding?Porsche Automobil. * Dal 1? gennaio?Roelant de Waard ? il responsabile vendite della?Ford Europe,?Joe Greenwell lo ha sostituito alla presidenza della?FordGB, mentre il ruolo di AD ? andato a?Nigel Sharp; in Austria?Bernhard Soltermann ? il neo direttore generale della nuova entit? costituita dall?unione di?Ford Austria e?Ford Svizzera; infine?Wolfgang Kopplian ? stato nominato direttore marketing del prodotto di?Ford Europe. * Dopo 4 anni in?Mitsubishi Motors Europe in qualit? di Presidente e CEO,?Tim Tozer ha deciso di lasciare la societ?. ȠGen Nishina, il nuovo Presidente & CEO, effettivo dal 23 dicembre 2008, mentre?Naoya Nakamuraaggiunger? al suo attuale ruolo di Vice Presidente Corporate Planning la carica di Vice Presidente Sales & Marketing. *?Nissan Italia annuncia due cambiamenti nel proprio organico, nell?ambito delle Direzioni Vendita e Post Vendita.?Marco Toro ? stato designato Sales General Manager e subentra ad?Andrea Alessi (che ha lasciato l?azienda) nella guida della Direzione Vendite.?Achille Nicastri viene nominato After Sales General Manager in sostituzione di?Marco Toro. *?Alberto di Filippo torna in?JaguarItalia con l?incarico di Direttore Vendite. * Nuovi contatti per la?Kroymans Import Italia, importatrice dei marchi?Cadillac,?Corvette e?Hummer. Si tratta di?Giuseppe Antonelli, Marketing & PR Manager e di?Adriano Papi responsabile dell?ufficio stampa. *Luisa Chiaberta ? entrata a far parte del settore PR di?Suzuki Italia, in seguito alle dimissioni della responsabile dell?ufficio PR e Stampa,?Paola Maina. *?Vincenzo Bajardi, responsabile della pagina dei motori del?Corriere dello Sport, ? stato riconfermato nella posizione, nonostante i raggiunti limiti di et?. *?Anne Belec, direttore globale del marketing di?Ford, ha rassegnato le dimissioni.

Governo, non politica: questo serve all’Italia (e all’auto)

Doveroso commiato, per cominciare: arrivederci e grazie (?) a Salvini. Nessuna delusione, anche se per qualche minuto è stato bello credere che l’allora vice Premier facesse sul serio, quando – sul palco di Verona, Automotive Dealer Day, maggio scorso – disse “Mi impegno a mettere tutta l’energia possibile per passare dal 40 al 100% di detrazione Iva sulle auto aziendali”. È stato bello, perché per qualche minuto si è potuto assistere a uno spettacolo assai raro: il dialogo, che implica ascolto, tra imprenditori e governanti. Nessuna delusione, però, perché alla fine nessun imprenditore è uscito da quella sala con la certezza che quella promessa sarebbe stata mantenuta. “Vedremo”, era lo stato d’animo che tutti più o meno accomunava. E infatti abbiamo visto. 
Adesso, arriva la notizia che il nuovo Governo è al lavoro sul Decreto legge detto per brevità “Clima” (“Per il contrasto dei cambiamenti climatici e la promozione dell’economia verde”). La bozza è stata preparata, e andrà al vaglio del Consiglio dei ministri. Contiene, tra gli altri, alcuni capitoli che coinvolgono il mondo dell’auto. Per cominciare, è previsto un bonus fiscale da 2.000 euro per i cittadini che risiedono nelle città metropolitane inquinate nelle zone interessate dalle procedure di infrazione comunitaria (Piemonte, Lombardia, Veneto, Lazio, Liguria, Toscana, Molise e Sicilia) e che rottamano autovetture fino alla classe Euro4. In pratica, dunque, riguarda gli automobilisti di Torino, Milano, Venezia, Roma, Genova, Firenze, Palermo, Catania e Messina. Ma, attenzione: il bonus da 2.000 euro è un credito di imposta che può essere utilizzato, entro i successivi 5 anni alla rottamazione, per abbonamenti al trasporto pubblico locale (sarà valido anche per i parenti del rottamatore) e l’utilizzo di servizi di sharing mobility con veicoli elettrici o a zero emissioni. E non verrà riconosciuto a chi, nei 2 anni successivi alla rottamazione, dovesse acquistare nuovi veicoli ad alte emissioni.

Leggi tutto...