I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

2015

Hyundai Motor Europe ha annunciato la nomina di Thomas A. Schmid a Chief Operating Officer dell’azienda. Dal 2013, Thomas A. Schmid ha guidato il settore vendite (privati e corporate) di Hyundai Motor Europe nel ruolo di Vice President Sales and Fleet Operations. Promosso oggi a nuovo responsabile esecutivo europeo (COO), riporterà direttamente a Byung Kwon Rhim, Presidente di Hyundai Motor Europe. L’incarico affidato a Schmid prevede la guida esecutiva di tutte le operations di Hyundai nel Vecchio Continente, fra cui la supervisione dei vari settori vendite, marketing e customer service, in linea con l’obiettivo della Casa di consolidare il proprio percorso di crescita sul mercato.

Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato oggi che Ralph Gilles è stato nominato Head of Design e membro del Group Executive Council. Gilles è attualmente responsabile del Design Office di FCA North America, come Senior Vice President, posizione assunta nel 2009. Gilles succede a Lorenzo Ramaciotti, che si ritira dopo molti anni dedicati al servizio della Società. Ramaciotti continuerà a mettere a disposizione del Gruppo la sua competenza nella veste di Special Advisor del CEO, Sergio Marchionne. Gilles aveva in precedenza ricoperto le cariche di CEO di Motorsports; di President e CEO di SRT Brand e di CEO del Brand Dodge per FCA US, in aggiunta alla sua posizione di responsabile del Design. Gilles fa parte della Società dal 1992 e ha conseguito un Master in Business Administration presso la Michigan State University e una laurea in Fine Arts in Industrial Design presso il College for Creative Studies di Detroit. FCA ha inoltre annunciato che Mauro Fenzi è stato nominato Chief Operating Officer (COO) Systems e CEO di Comau. Fenzi entrerà inoltre a far parte del Product Committee del Gruppo. Fenzi è entrato a far parte di Comau nel 2001, assumendo diverse posizioni di crescente responsabilità, sino a quella recente di Systems - Comau COO e Head of NAFTA Region. Fenzi si è laureato in Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Milano. Fenzi sostituisce Riccardo Tarantini, che continua a rivestire la posizione di Chief Operating Officer Castings.

Si rinnova il team dedicato alla comunicazione di Kia Motors Company Italia con l’obiettivo di continuare a rispondere al meglio alle esigenze comunicative del brand e a quelle dei propri interlocutori. Claudia Drago lascia la subsidiary italiana per proseguire il rapporto di lavoro con Kia Motors Europe. Chiara Diomaiuto affianca Luca Contartese (PR Specialist) all’interno dell’ufficio PR di Kia Motors Italia sotto la supervisione e il coordinamento di Giuseppe Mazzara (PR & Marketing Comunication Manager).

 

Yasushi Okamoto ha assunto la presidenza della filiale italiana di Honda Motor Europe, subentrando a Shingo Kimata che lascia il timone dopo 3 anni. In Honda dal 1986, Yasushi Okamoto ha ricoperto numerosi incarichi in Giappone, dal 2005 al 2007 è stato a capo della divisione moto in Cina e dal 2012 ad oggi presidente e direttore Generale di Honda Filippine. * L’Assemblea di Piaggio & C. S.p.A. ha nominato il CdA. Tra gli altri amministratori, è stato nominato Andrea Formica come consigliere indipendente. * Massimiliano Lo Bosco è stato nominato Communication Director di AstraZeneca Italia, filiale della multinazionale farmaceutica che nel nostro Paese ha sede a Milano. Lo Bosco lascia dunque il settore automotive, dove come ultima posizione aveva ricoperto quella di responsabile Comunicazione di Fiat Chrysler Automobiles area EMEA, dopo aver cominciato la sua carriera nel settore auto con Opel Italia e successivamente con Toyota Italia e poi con DaimerChrysler per i marchi del gruppo Chrysler. A Lo Bosco è stata affidata la comunicazione Corporate oltre a quella esterna ed interna. AstraZeneca è il sesto più grande gruppo farmaceutico mondiale. * Cesare De Lorenzi è stato confermato alla presidenza di ACCI, l’associazione che rappresenta i Concessionari Citroën italiani.* Francesco Spagnuolo è stato nominato Country Manager Italia per Jato Dynamics. * Dal 1° aprile 2015, Valerio Brenciaglia è il nuovo AD di Ford Romania. Laureato in economia, Brenciaglia è in Ford dal 1999, dove ha ricoperto diverse posizioni nei settori Sales, Marketing e Service di Ford Italia, tra le quali quella di Field Operation Manager. Inoltre, Riccardo Magnani è il nuovo Field Operation Manager di Ford Italia, riportando a Luca Caracciolo, FCSD Manager di Ford Italia. Laureato in ingegneria aeronautica, Magnani torna in Ford Italia dopo un’esperienza in Ford Europa, dove ha ricoperto il ruolo di Global Dealer and Consumer Experience Manager. * L’alleanza Renault-Nissan ha annunciato la nomina, a partire dal 1° aprile, di Arnaud Deboeuf, 47 anni, in qualità di direttore RNBV & Direzione Delegata alla Presidenza Alleanza, in sostituzione di Christian Mardrus, nominato direttore della regione Africa, Medio Oriente e India di Nissan. Tra le sue nuove funzioni, Deboeuf dovrà favorire il rafforzamento della cooperazione dell’alleanza, in particolare per quanto attiene a ingegneria, fabbricazione e supply chain, acquisti e risorse umane. * Dal 1° aprile , Olivier Murguet è nominato Direttore delle Operazioni della Regione Americhe, in sostituzione di Denis Barbier. Olivier Murguet diventa membro del Comitato di Direzione Renault (CDR), riportando a Jérôme Stoll, Direttore Delegato alla Performance e Direttore Commerciale Gruppo. Alla stessa data, Denis Barbier è nominato Direttore Aggiunto al Direttore della Qualità e della Soddisfazione Cliente, membro del Comitato di Direzione Renault (CDR), riportando a Christian Vandenhende, Direttore della Qualità e della Soddisfazione Cliente. * Dal 1° aprile, Armelle Volkringer entra a far parte del Gruppo Renault come Direttore della Comunicazione Gruppo. Dal 16 marzo, Florence de Goldfiem è stata nominata Direttore di Progetto Comunicazione - Affari Istituzionali - RSE Cina. * Dal 1° aprile, nel quadro della riorganizzazione delle attività del Gruppo Volvo in Italia, Giovanni Lo Bianco è stato nominato Vice-President del Volvo Group Trucks Sales Italia. Nel nuovo ruolo Lo Bianco assume la responsabilità delle attività di Renault Trucks Italia e di Volvo Trucks Italia. * Dopo i cambiamenti nella struttura di Volvo Car Italia, l’assetto delle Relazioni Esterne è costituito come segue. Roberto Lonardi è confermato nel ruolo di PR di Volvo Car Italia. A lui sono affidati i contatti con il dipartimento Corporate Communications della Casa e le funzioni di Pubbliche Relazioni in rappresentanza dell’Azienda. Gianluca Fabbri, nel ruolo di responsabile dell’Ufficio Stampa, coordina l’attività di PR a contatto con la Presidenza di Volvo Car Italia. Fra le sue mansioni c’è anche la supervisione dell’attività del Registro Italiano Volvo d’Epoca. * Infiniti Motor Company Ltd ha nominato Gayle Antony nuovo Direttore Generale delle Risorse Umane Globali che riporterà direttamente al Presidente di Infiniti, Roland Krueger. Gayle Antony, succede ad Antonio Lasaga che ha deciso di perseguire nuove opportunità lavorative. * Chep Automotive and Industrial Solutions - azienda di soluzioni della gestione di contenitori - ha nominato David Mayo vicepresidente per il mercato automotive in Europa.

Di speranza e di passione, ammissioni di colpa dovute

Ammissione di colpa, paragrafo 1. Su queste pagine si è molto scritto a proposito del disinteresse delle istituzioni italiane nei confronti del settore Automotive italiano. Si è scritto di disinformazione, non ascolto, non comprensione, ostilità, sfruttamento (del settore, come fosse un bancomat o una bestia da latte), eccetera. Lo si è fatto in passato, lo si è fatto con l’attuale Governo e le attuali istituzioni, perché – pur passando il tempo e i Governi – nel tempo è parso di intravedere una certa continuità di atteggiamento. D’altronde, fresco è ancora il ricordo di Salvini che si spende compiaciuto per l’Automotive italiano dal palco di Verona, ancora fresco – andando più indietro - è il ricordo della prima volta in cui si sentì parlare della necessità di istituire una cabina di regia, per coordinare e promuovere “la nuova cultura della mobilità, attenta alla coincidenza tra interessi individuali e collettivi”, perché la nuova mobilità “non accadrà girando una chiave, ma passerà attraverso un lungo periodo di transizione, dove sarà fondamentale la nostra capacità di fare sistema utilizzando al meglio le tecnologie disponibili, pianificando le necessarie infrastrutture e orientando le scelte di politica della mobilità verso l’equazione più efficiente per la collettività” (visione d’insieme, Massimo Nordio allora presidente di Unrae, luglio 2016). 
Ora. Appena qualche settimana fa, spettatori di una delle videoconferenze organizzate da #ADD20, l’Automotive Dealer Day in versione virtual-digitale, abbiamo appreso di essere in torto. E grandemente. Perché, ci è stato rivelato dal presidente di Unrae, Michele Crisci, e dal presidente di Federauto, Adolfo De Stefani Cosentino, Governo e istituzioni che oggi ci regolano e guidano, hanno più volte dimostrato disponibilità, interesse, perfino comprensione delle necessità, ragioni e argomentazioni del mondo dell’auto. Eravamo perciò pronti a rivedere la nostra posizione, ad accogliere con gioia il cambiamento epocale, quasi anche a fare ammenda e a riconoscere la nostra colpa. Senonché, quel giorno lì era l’8 ottobre e via mail ci è arrivato il comunicato congiunto Unrae-Federauto, che recava il titolo “Il mancato rifinanziamento dei fondi per il corrente anno vanifica…”, eccetera. 

Leggi tutto...