I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Gaetano Thorel dal 1° febbraio, è il nuovo direttore generale di Psa Italia al posto di Massimo Roserba che assume l’incarico di direttore generale di Dongfeng Peugeot e Citroën AutomobilesThorel riporta a Maxime Picat, Executive vice president Europe. Mentre Roserba risponde a Carlos Gomes, capo della direzione Cina e Asia.

Il CdA del Gruppo Renault ha nominato Jean-Dominique Senard nuovo direttore generale e Thierry Bolloré amministratore delegato a seguito delle dimissioni di Carlos Ghosn che ricopriva le due funzioni. Le nuove nomine introducono una nuova struttura di governance e una divisione delle funzioni di presidente del consiglio di amministrazione e di amministratore delegato. * CNH Industrial ha annunciato la nomina di Brad Crews in qualità di Brand President di Case IH, uno dei marchi agricoli global di CNH Industrial, con effetto dal 4 marzo 2019. Brad Crews torna in CNH Industrial dopo essere stato director di Titan Machinery Inc. * Colin Maddocks, attuale Cfo di Mazda Motor Europe, ha assunto la guida dello sviluppo della strategia finanziaria Mazda  per l’Europa e il Nord America con la nuova carica di vice president e chief sales finance officer. Maddocks, che ha iniziato la sua carriera in Mazda nel 2005, nella sua nuova posizione, riporta a Jeff Guyton, president e Ceo di Mazda Motor Europe, e a Masahiro Moro, president e Ceo di Mazda North American Operations. A seguito di questa nomina, Giovanni Barbieri, attuale director of finance di Mazda Motor Europe, viene nominato con effetto immediato vice president e Cfo, e assume la guida delle funzioni finanziarie in Mazda Europe. * A pochi giorni dalla nomina a Ceo di CNH Industrial per il settore Commercial and Speciality Vehicles Gerrit Marx prende il posto di Pierre Lahutte, che lascia l’azienda, a capo del comitato veicoli da trasporto di Acea. * Mitsubishi Motors ha costituito una divisione sales & marketing in Europa che si aggiungerà alle già attive divisioni di after sales e parts and logistics nella sede olandese di Amstelveen, sotto la guida del Ceo, Bernard Loire, la nuova organizzazione si compone del direttore vendite Frank Krol, del direttore marketing Alex Thomas e del direttore after sales Ganesh Jawahar. * Wayne Griffiths, attuale vice presidente esecutivo di Seat con responsabilità per le vendite, assumerà anche la carica di consigliere delegato di Cupra, il cui consiglio di amministrazione è guidato dal presidente di SeatLuca de Meo, insieme con altri tre consiglieri; si tratta di Holger KintsherMatthias Rabe e Luis Comas. * Tristan Torres Velat è il nuovo Ceo di hive, il servizio di monopattini elettrici in condivisione, lanciato nel 2018 a Lisbona da mytaxi. Nel suo nuovo ruolo, b fa riferimento a Jonas Gumny, Chief operations officer di Intelligent Apps. * Il designer di JaguarWayne Burgess, uno dei candidati per la sostituzione del direttore del design del marchio britannico, Ian Callum, ha lasciato la Jaguar Land Rover per raggiungere Geely Auto GroupBurgess è ora a capo del design e vice presidente di Geely Design UK, una nuova unità della Casa automobilistica cinese. * Rolls-Royce ha nominato un dirigente di BMW Group Australia nuovo vice presidente delle vendite per le Americhe. Matthew Boguradzki subentrerà a Martin Fritsches (41) che era stato nominato presidente di Rolls-Royce Motor Cars Americas in agosto. b (30) era a capo delle operazioni di vendita nazionali per BMW Group Australia. * Il Gruppo Volkswagen ha nominato Stephan Woellenstein, Ceo di Volkswagen Cina, nel consiglio di amministrazione del marchio VolkswagenWoellenstein (55) è diventato Ceo di Volkswagen Cina nel 2016. Per lui si tratta della seconda promozione nel mese di gennaio: oltre a essere stato nominato Ceo Gruppo Volkswagen Cina, ha mantenuto il ruolo di Ceo del marchio Volkswagen in Cina. Precedentemente Woellenstein era dirigente senior presso b. * Il dirigente del marketing BMWPatrick McKenna, è stato nominato responsabile della pianificazione del prodotto presso Mini b. Dopo aver lavorato per diverse agenzie pubblicitarie, McKenna è entrato nel Gruppo BMW nel 1997 come BMW media communications manager ed è stato responsabile delle comunicazioni del marchio Mini Usa dal 2017. In questo ruolo viene sostituito da Steve Ambeau, che arriva da Rapid Rtc, un fornitore di software automobilistico del gruppo tedesco. McKenna e Ambeau riporteranno a Thomas Felbermair, vice presidente di Mini Region Americas. * L’azienda di aspirapolvere Dyson ha reclutato l’ex-dirigente BMW e InfinitiRoland Krueger, per dirigere la sua attività nel settore delle auto elettriche. Krueger (53) è stato presidente del marchio Infiniti di Nissan dal 2014 fino all’inizio del mese di gennaio. In precedenza, ha lavorato per la BMW, assumendo la posizione di responsabile del mercato domestico tedesco del marchio. * Tommaso Ebhardt è il nuovo responsabile della redazione milanese di Bloomberg News, succede a Dan Liefgreen che ha diretto l’agenzia negli ultimi 18 anni. La redazione romana rimane sotto la guida di Alessandra MigliaccioDaniele Lepido succede a Ebhardt come “senior reporter” per occuparsi del settore auto. Persone & Poltre -


Se Torino va a Milano, e la politica gioca a fare autogol

Perciò Torino va a Milano, nel senso del Salone dell’auto che cambia residenza. Lascia la città che gli era propria, lascia la dimora, il Parco Valentino, che lo ha visto rinascere e prosperare e affermarsi addirittura come standard con il quale dovranno misurarsi da qui in avanti gli show dell’auto, laddove pochi, pochissimi, avrebbero scommesso sulla sua capacità di durare oltre due, tre edizioni. Sono state invece cinque, l’ultima delle quali illuminata dalla presenza di 700mila visitatori e di 54 Marchi auto. Un trionfo di pubblico e di critica. Poi, è entrata in scena la politica – bassa, rigorosamente con la minuscola. E Torino, perciò, se ne va a Milano. Naturalmente, il fulmine a ciel sereno scagliato da Andrea Levy, presidente del Salone, che annunciando il trasloco ha insieme fornito le date del primo appuntamento milanese e quella della conferenza stampa di presentazione, qualche dubbio consistente lo ha prodotto. Si è detto: non si può improvvisare su due piedi un trasloco di questa portata; e in Italia, poi, dove la burocrazia è padrona e per ottenere permessi ci possono volere anni; e per andare a Milano, infine, che ha un’agenda degli eventi in cui, per trovare un buco libero, bisogna fare i salti mortali… E ancora, si è detto, un imprenditore che ha dimostrato di saperci fare, e Andrea Levy lo è, procede per programmi, non per improvvisazioni o colpi di testa. Quindi, si è concluso, la decisione di lasciare Torino non nasce dall’ultimo scontro con l’amministrazione locale – il vicesindaco Guido Montanari in testa, con la sua “speranza nella grandine” affinché mandasse all’aria l’ultima edizione del Salone del Parco Valentino - ma era stata già presa da tempo, si aspettava solo un casus belli per metterla in atto, e il casus belli è puntualmente arrivato.

Leggi tutto...