I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

2018

Herbert Diess, Ceo del Gruppo Volkswagen, è stato nominato nuovo membro del consiglio di amministrazione della Verbandes der Automobilindustrie (VDA), l’associazione che raggruppa i costruttori tedeschi di automobili e veicoli pesanti. La decisione, presa nell’ultima riunione del consiglio presieduto da Bernhard Mattes, fa seguito all’uscita dalla gestione di VDA di Matthias Müller, presidente dimissionario del Gruppo di Wolfsburg. Contemporaneamente il CdA dell’associazione ha nominato un altro membro del board: si tratta di Wolf-Henning Scheider, presidente di ZF Friedrichshafen AG, che nell’azienda di componentistica succede a Stefan Sommer, giunto a fine mandato.

Feng Qing Feng, attuale vicepresidente di Geely Group con responsabilità per lo sviluppo tecnico (Chief tecnical officer) succede a Jean-Marc Gales nella posizione di Ceo di Lotus, azienda integralmente controllata dal 2017 dal Gruppo cinese che è anche proprietario di Volvo. Gales, che lascia il brand britannico di auto sportive per ragioni personali dopo averla guidata per quattro anni, resta in Lotus come Chief strategic advisor del presidente Daniel Donghui Li.

L’Amministratore Delegato di Smart, Annette Winkler, ha concluso dopo otto anni la sua esperienza alla guida della Casa automobilistica del Gruppo Daimler. Winkler (58), che comunque entrerà a far parte del consiglio di sorveglianza del Gruppo, lascerà la carica il 30 settembre. Il suo successore verrà comunicato in un secondo momento. * Antonio Picca Piccon è stato nominato Chief financial officer del Gruppo Ferrari. Il manager inizierà la sua esperienza in Ferrari il 30 luglio, sostituendo Alessandro Gili che ha deciso di lasciare l’azienda dal 31 maggio per perseguire altre opportunità di carriera. Picca Piccon proviene da Ariston Thermo Group, dove ha ricoperto dal novembre 2014 il ruolo di Cfo, oltre a essere responsabile dell’area legale e affari societari e dell’Ict. In precedenza ha lavorato per 15 anni nel gruppo Fiat e in Fiat Chrysler Automobiles dove ha ricoperto diversi ruoli in finanza e servizi finanziari, compreso il ruolo di Cfo per il Gruppo Iveco, quello di Ceo per Fga Capital (oggi Fca Bank) nonché di tesoriere e responsabile dei servizi finanziari per Fca. * Il vicepresidente esecutivo dell’Anfac, Associazione spagnola dei costruttori di automobili e autocarri, Mario Armero, ha annunciato che Luca De Meo, presidente Seat, è stato nominato nuovo membro del consiglio di amministrazione dell’associazione. In qualità di nuovo membro, De Meo parteciperà al processo decisionale del CdA che rappresenta tutti i produttori del settore in Spagna. * Nel prossimo autunno, Katja Bott assumerà la responsibilità della comunicazione globale di Mercedes-Benz Cars, includendo i Brand Mercedes-Benz, Mercedes-Maybach, Mercedes-AMG e Smart. La Bott succederà a Bettina Fetzer, che lascerà il ruolo per affrontare la maternità. Prima dell’autunno di quest’anno è Koert Groeneveld, capo dell’International Product and Technology Communications di Mercedes-Benz Cars, a occuparsi delle attività stampa globali. * Tobias Suhlmann, ex-direttore del design esterno di Bugatti, è ora alla Aston Martin con la stessa qualifica. Prende il posto di Miles Nurnberger, divenuto responsabile del design della Casa inglese di auto sportive di lusso. * L’ex-pilota del campionato Indy Car e vincitore di una 500 miglia di Indianapolis, Kenny Brack, è ora Chief Test Driver di McLaren. * Dal 22 maggio Marco Pascali è il nuovo vice direttore di alVolante, il mensile della Unimedia che vanta una diffusione di 280.000 copie. * Dopo il cambio al vertice di Lotus, Jean-Marc Gales, pur mantenendo uno stretto legame con l’azienda britannica come advisor del presidente, ha intrapreso una nuova avventura professionale in JD Classics. L’azienda specializzata nel restauro e nella vendita di auto da corsa classiche premium, attiva dal 1987, ha annunciato l’arrivo di Gales come Amministratore Delegato, con l’incarico di creare la nuova piattaforma dedicata a prodotti e servizi di alta qualità. * Dopo revisione dell’audit societario il Gruppo Volkswagen ha annullato ogni accusa nei confronti di Thomas Steg che riprende il suo ruolo di capo delle relazioni esterne. La sospensione di Steg era avvenuta in gennaio per la vicenda dei test sui gas di scarico effettuati con animali. * Il direttore del design Rolls-Royce, Giles Taylor, ha lasciato la Casa automobilistica per perseguire interessi commerciali alternativi. Taylor (50) era entrato a far parte del marchio del Gruppo BMW nel 2011 lasciando l’incarico di capo del design esterno di Jaguar. Nel 2012 poi, era stato promosso direttore del design di Rolls-Royce in seguito al ritiro di Ian Cameron. * Kia Motors America ha nominato Michael Cole Chief operating officer. Cole, che da novembre 2012 aveva analoga posizione per le operazioni europee di Kia, va a colmare il vuoto creatosi da quando, il 17 aprile, Michael Sprague ha lasciato il posto. Cole riporterà a Sean Yoon, che è stato nominato Amministratore Delegato Kia Motors America a marzo. * Porsche Cars Canada ha nominato Colas Henckes nuovo direttore marketing. Henckes si unisce all’unità canadese dopo aver lavorato per 10 anni come direttore marketing in Francia. Sostituisce Margareta Mahlstedt, che diventa direttore marketing di Porsche Cars Great Britain. * Andreas Bareis è stato nominato vehicle line director di McLaren Automotive per la linea di prodotti Super Series. La sua posizione sarà effetiva da luglio quando riporterà direttamente al Coo Jens Ludmann. * Matthias Hein, tra i maggiori esperti mondiali dell’apprendimento statistico per applicazioni relative all’elaborazione delle immagini e alla genetica, si aggiungerà al team dell’Università di Tuebingen grazie alla cattedra che è stata finanziata da Bosch con 5,5 milioni di euro per i prossimi 10 anni.

Di Claudio,  Marcello, la passione: parliamo un po’ di noi

Cose che non si dovrebbero mai fare in un articolo: cominciarlo con una citazione, parlare di sé. Su questo punto i maestri erano inflessibili, ai tempi in cui a essere giornalisti lo si insegnava ancora dentro le redazioni. Ma adesso i maestri non ci sono più, al massimo ci sono i professori. E poi questo forse non è un articolo in senso stretto. Quindi, intanto, ecco una citazione - non esattamente all’inizio, i maestri saranno clementi.
“I giornalisti... ah! Un branco di analfabeti con la forfora sul collo e le pezze al sedere, che spiano dai buchi delle serrature e svegliano le persone nel cuore della notte per domandare se hanno visto passare un bruto in mutande, che rubano alle vecchie madri le fotografie delle figlie violentate in Oak Park e tutto perché? Perché un milione di commesse e di mogli di camionisti ci piangono sopra. E poi... il giorno dopo la prima pagina serve per incartare un chilo di trippa”. 
Fine della citazione (da “Prima Pagina”, Billy Wilder, 1974).
E adesso parliamo di noi.

Leggi tutto...