I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Buono lo sforzo previsionale del Panel relativamente al mercato di giugno. I nostri Concessionari avevano pronosticato un risultato appena sotto la parità, un -0,05% rispetto allo stesso mese del 2018: il calo effettivo, complice il giorno lavorativo in meno, si è poi rivelato del -2,08%, con uno scostamento, per eccesso, di circa 3.600 unità. Il cumulato del semestre, dal canto suo, si attesta al -3,52%. I Privati risultano ancora in flessione registrando il -4,7% nel mese, mantenendosi solo di un soffio sopra la parità nel cumulato (+0,6%). Decrementi a doppia cifra per il settore Business/Società, seppur di entità più ridotta rispetto al mese precedente, ma la flessione rimane comunque sostanziale, -11,5% a giugno e -21,6%. Mercato, quindi, ancora una volta sostenuto dal canale dei Noleggi (+12,6% a giugno e +0,8% nel cumulato), in particolare grazie alla performance del breve termine, +35,6% nel mese e +4% nel semestre. Ancora di ostica interpretazione l’effetto del Bonus/Malus, come anche sottolineato da Unrae, vista l’altalena riguardante le vendite nelle varie fasce di emissioni: +205,9% per le vetture fino a 20 g/km di CO2 (ma erano in crescita già lo scorso anno), flessione a doppia cifra (-46,1%) invece, per quelle tra i 21 e i 70 g/km, anch’esse favorite dal bonus. Continuano a crescere, invece, le immatricolazioni di vetture appartenenti a tutte le fasce di emissioni penalizzate dal Malus, +120,1% per quelle dai 161 ai 175 g/km, + 85,7% per quelle dai 176 ai 200 g/km e +85,7% per quelle dai 201 ai 250 g/km. Fanno eccezione le autovetture che superano i 250 g/km di emissioni, le quali risultano in flessione del 3,3%. Per quanto riguarda le acquisizioni di giugno sono in calo anche gli ordini in concessionaria con il -2,60% rispetto a giugno 2018 e un più pesante -9,31% rispetto a maggio 2019. In discesa anche la percentuale dei preventivi convertiti in ordini: il dato di giugno dice 21,11%, quasi tre punti in meno rispetto al mese precedente. Negativi sono anche i pronostici per il mese di luglio, nonostante il giorno lavorativo in più: secondo il Panel ci saranno 148.360 immatricolazioni, pari a un decremento del 3,09% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, quando si registrarono 152.949 consegne. Ulteriore diminuzione per gli ordini in concessionaria, che risulterebbero in flessione del 3,05% rispetto a luglio 2019. Bassa la quota prevista per le Km0, sarebbero il 7,81% del mercato del mese. Per i sondaggi, abbiamo chiesto al Panel se l’opportunità di mercato offerta dal canale del noleggio a lungo termine sia stata definitivamente persa, o ci siano ancora dei margini di recupero: è quasi parità, con il fronte del “Sì” leggermente in vantaggio con il 50% dei votanti, rispetto al 47% di chi ha perso ogni speranza e al ridotto 3% degli astenuti. Sul sito è un’altra musica, vince il pessimismo, ove al momento di andare in stampa il 66,7% degli internauti ritiene che a fine anno non si raggiungerà il 1.850.000 di immatricolazioni, rispetto al 33% del fronte opposto.

 

Sconti in diminuzione a livello nazionale in particolare per il diesel (-2,22 punti rispetto a maggio) e per le benzina (-1,27 punti), mentre il calo è di pochi decimali per le auto ad alimentazione alternativa. Più marcata la situazione nelle aree geografiche, in particolare al Centro Italia dove la diminuzione degli sconti risulta più pesante per le benzina (-4,42 punti rispetto al mese precedente) e per le alternative (-5,05 punti). Altre diminuzioni sostanziali al Sud/Isole per Benzina (-2,56) e Diesel (-3,39), mentre l’unico aumento si registra al Nord per le alternative (+0,76 punti).

Ancora effetto fisarmonica per il diesel: mentre a maggio guadagnava terreno con le consegne e ne perdeva per gli ordini, a giugno si verifica esattamente il contrario, quasi 10 punti in meno rispetto al mese precedente per le consegne e +3,45 punti per gli ordini a livello nazionale. Anche qui, nel bene nel male, è protagonista il Centro Italia, con i -6,17 punti registrati dalle consegne e il decollo verticale degli ordini che segnano +19 punti rispetto a maggio. Cali sostanziali anche al Nord, con -7,7 e -3,5 punti per consegne e ordini rispettivamente.


Di speranza e di passione, ammissioni di colpa dovute

Ammissione di colpa, paragrafo 1. Su queste pagine si è molto scritto a proposito del disinteresse delle istituzioni italiane nei confronti del settore Automotive italiano. Si è scritto di disinformazione, non ascolto, non comprensione, ostilità, sfruttamento (del settore, come fosse un bancomat o una bestia da latte), eccetera. Lo si è fatto in passato, lo si è fatto con l’attuale Governo e le attuali istituzioni, perché – pur passando il tempo e i Governi – nel tempo è parso di intravedere una certa continuità di atteggiamento. D’altronde, fresco è ancora il ricordo di Salvini che si spende compiaciuto per l’Automotive italiano dal palco di Verona, ancora fresco – andando più indietro - è il ricordo della prima volta in cui si sentì parlare della necessità di istituire una cabina di regia, per coordinare e promuovere “la nuova cultura della mobilità, attenta alla coincidenza tra interessi individuali e collettivi”, perché la nuova mobilità “non accadrà girando una chiave, ma passerà attraverso un lungo periodo di transizione, dove sarà fondamentale la nostra capacità di fare sistema utilizzando al meglio le tecnologie disponibili, pianificando le necessarie infrastrutture e orientando le scelte di politica della mobilità verso l’equazione più efficiente per la collettività” (visione d’insieme, Massimo Nordio allora presidente di Unrae, luglio 2016). 
Ora. Appena qualche settimana fa, spettatori di una delle videoconferenze organizzate da #ADD20, l’Automotive Dealer Day in versione virtual-digitale, abbiamo appreso di essere in torto. E grandemente. Perché, ci è stato rivelato dal presidente di Unrae, Michele Crisci, e dal presidente di Federauto, Adolfo De Stefani Cosentino, Governo e istituzioni che oggi ci regolano e guidano, hanno più volte dimostrato disponibilità, interesse, perfino comprensione delle necessità, ragioni e argomentazioni del mondo dell’auto. Eravamo perciò pronti a rivedere la nostra posizione, ad accogliere con gioia il cambiamento epocale, quasi anche a fare ammenda e a riconoscere la nostra colpa. Senonché, quel giorno lì era l’8 ottobre e via mail ci è arrivato il comunicato congiunto Unrae-Federauto, che recava il titolo “Il mancato rifinanziamento dei fondi per il corrente anno vanifica…”, eccetera. 

Leggi tutto...