I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Nonostante l’ultimo timido colpo di coda di dicembre, +1,96% per 124.078 consegne rispetto alle 121.700 dello stesso mese del 2017, il mercato italiano dell’auto chiude l’anno con 1.910.025 immatricolazioni per una flessione del 3,11% sul 2017, circa 61.000 immatricolazioni in meno, rispettando in pieno l’ultima previsione Unrae. Di contro, il nostro Panel, assuefatto al segno meno che ha contraddistinto gran parte del 2018, si era espresso negativamente anche riguardo l’ultimo mese dell’anno, prevedendo il -3,62% rispetto a dicembre 2017, ma incamera comunque un discreto risultato previsionale, mancando la previsione di circa 6.500 vendite, per uno scostamento dall’immatricolato ufficiale del -5,3%. Un anno anomalo, segnato dai mesi di incertezza a cavallo dell’insediamento del nuovo Governo e, particolarmente, dall’introduzione della Wltp che ha drogato le vendite estive e autunnali. Un piccolo segnale positivo arriva dalle vendite a Privati, il cui dicembre segna +8,6% che permette una chiusura d’anno dignitosa al -2,4%, se si pensa che il primo semestre 2018 aveva chiuso a -5,1%. Fra gli altri canali di vendita, la performance di dicembre dei noleggi a breve termine (+86%), risolleva l’intero canale dei Noleggi che, in sofferenza per quasi tutto il 2018, chiude l’anno di un filo sopra la parità, +0,4%. Immatricolazioni a Società in forte flessione, -21% nel mese e -9,3% nel cumulato. Il 2019 si preannuncia altrettanto irto di ostacoli, a partire dall’introduzione della nuova Legge di Bilancio che prevede nuove tasse automobilistiche nonché il rinvio del previsto taglio delle accise sui carburanti, oltre ai vari futuri provvedimenti nei confronti del diesel che pesano come spade di Damocle sulle teste di milioni di automobilisti. Il Panel ripartendo dal confronto con il gennaio 2018, quando si registrarono 178.324 unità, +3,6% su gennaio 2017, si esprime ancora una volta con un segno negativo, prevedendo per gennaio un totale di 173.189 immatricolazioni per una diminuzione del 2,88% rispetto a gennaio 2018. In flessione vengono previsti anche gli ordini registrati in concessionaria, -2,41% rispetto agli ordini di gennaio 2018, previsione probabilmente influenzata da una quota di preventivi convertiti in ordini, il 23,78%, che a dicembre ha perso quasi due punti percentuali rispetto al mese precedente. Le Km0 si prevedono in diminuzione rispetto a dicembre, il 7,58% del venduto secondo il Panel che vede, invece, un aumento delle immatricolazioni di veicoli ad alimentazione alternativa, il 13,46% sul totale mercato mensile, oltre quattro punti percentuali in più rispetto alla previsione di dicembre. Nei sondaggi abbiamo chiesto ai nostri Concessionari quanto abbiano inciso, in percentuale, le Km0 sui volumi di vendita, ottenendo una risposta media del 10,94%. Riguardo gli utenti del nostro sito web www.interautonews.it, al momento di andare in stampa, una consistente maggioranza di essi, l’83,3%, ritiene che non vi sarà un’accelerazione nelle vendite del primo bimestre a causa dell’introduzione della nuova eco-tassa, prevista per il 1° marzo.

A dicembre aumento degli sconti a livello nazionale per tutte le alimentazioni, con in risalto i 2,25 punti percentuali in più su novembre per le alimentazioni diesel, mentre più contenuti sono gli aumenti per le benzina e le auto ad alimentazione alternativa, +1,36 e +1,35 punti rispettivamente. Nell’analisi delle aree geografiche, mentre l’unico segno negativo riguarda i -1,5 punti delle alternative al Centro Italia, l’aumento più consistente arriva dal Nord per le alternative, oltre 4 punti percentuali in più su novembre, seguito dai 2 punti in più per le benzina, sempre al Settentrione.

Il diesel continua nella sua imprevedibile altalena: le consegne di dicembre, a livello nazionale, aumentano di quasi 4,5 punti rispetto a novembre, mentre gli ordini segnano una leggera flessione, -0,93 punti rispetto a ottobre. Nelle aree geografiche è sempre il Sud, nel bene e nel male, a fare la differenza, +8,96 punti le consegne del mese, -8,35 gli ordini (unico dato negativo dell’analisi), dati che rispecchiano il momento incerto e il nebuloso futuro di questa alimentazione nel nostro Paese.


Barche diverse, ma il mare è uguale per tutti

In un film di qualche anno fa, Woody Allen raccontava la storiella delle due anziane signore ricoverate in una casa di cura. Sedute allo stesso tavolo, consumano un pasto. All’improvviso la prima dice: il mangiare qui è veramente orrendo. La seconda risponde: sì, e poi le porzioni sono così piccole... 
Ecco: più o meno la storia degli incentivi per l’acquisto delle auto stanziati dal Governo lo scorso anno e poi ancora nella Legge di Bilancio 2021. Si è sentito dire: sbagliata la tempistica, sbagliata la distribuzione, utili solo ad anticipare la domanda e quindi non realmente efficaci per rimettere in piedi il sistema. Eppure: perché porzioni così piccole?, si è alla fine sentito chiosare.
È vero: si poteva fare di più e si poteva fare meglio. E probabilmente sì, non hanno fatto e non faranno che anticipare la domanda, e si esauriranno troppo presto, e danneggeranno il mercato dei mesi a seguire… Tutto quel che si vuole. Ma resta il fatto che gli incentivi sono stati una conquista preziosa. Un passo avanti, e sudatissimo se si considera che una larga parte di quanti governano il Paese ritiene che l’unica auto realmente ecologica è l’auto che non esiste – non perché non è stata ancora inventata, ma perché l’auto non dovrebbe proprio esistere.
Per il settore auto italiano ci sono state cose buone anche dentro la tempesta del Covid, nell’infame 2020, ci ha ricordato il presidente di Federauto, De Stefani Cosentino. Su tutte la consapevolezza acquisita che, chiunque governi la nave, chiunque sia in sala macchine, il mare è lo stesso per tutti i naviganti. E quando si ingrossa a dismisura si fa squadra, si lavora tutti nella stessa direzione per portare la nave in porto. Le Case auto e le Reti di distribuzione, con l’eccezione di pochi casi, hanno lavorato insieme. E insieme hanno lavorato le associazioni della filiera. 
Al di là di risultati di mercato, fatturati, utili, questo è il lascito più prezioso del 2020. Non era scontato che andasse così, e lo conferma il fatto che – non appena svoltato l’angolo del 2021 – come se si fosse entrati in un’epoca altra, come se tutto fosse finito, il microcosmo di eletti che guida il Paese è subito tornato alle vecchie abitudini, nel tentativo forse di ristabilire la vecchia normalità (che invece non tornerà più), quella in cui all’improvviso c’è chi sfila una carta dal castello che fin lì si era miracolosamente tenuto in piedi e fa crollare tutto. La voglia di rissa, di menare le mani, è diffusa; la nuova normalità, gli impedimenti, i divieti generano pressioni enormi - ce lo dicono, anche, le torme di ragazzi che si danno appuntamento in questa o quella città per suonarsele di santa ragione. E ci si può spingere fino a comprendere come la costrizione possa generare desideri di rivolta. 
Ma è qualcosa che non porta da nessuna parte. Il sistema sano si salva proprio come tale, come sistema. Il settore auto in Italia ha certamente scelto questa strada. Non sarà per sempre, è certo: è stato però nel momento giusto, quando davvero serviva. 

Leggi tutto...