I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

L’inatteso risultato delle immatricolazioni nel mese di dicembre ha preso in contropiede non solo gli analisti più accreditati, ma anche gli altrettanto accreditati protagonisti del nostro Panel mensile, come noto composto dai Concessionari italiani, cioè da professionisti che sono in prima linea nel mercato dell’auto. Eppure,  rispetto alle 105.300 immatricolazioni da loro indicate come media (qualcuno si era effettivamente spinto molto oltre, ma si trattava di una sparuta minoranza mentre la maggioranza dei “panelisti” si è tenuta sul bordo delle 100.000 unità) il dato ufficiale diffuso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha preso tutti di sorpresa con le 109.395 immatricolazioni. La differenza in termini percentuali non è clamorosa, nel senso che si è trattato di uno scarto del 3,9%, ma quel che ha forse spiazzato chi formulava le previsioni è stato il pregresso: negli ultimi  tre anni, infatti, la cifra assoluta delle targhe consegnate non era mai andata oltre le 92.200 unità del dicembre 2014 (87.480 nel dicembre 2012, 89.415 nel dicembre 2013), anche se poi per ritrovare un saldo inferiore alle 100.000 immatricolazioni occorreva risalire al 1995 (98.947 targhe). Per farla breve, insomma, i nostri “panelisti” pur animati da un cauto ottimismo non si sono avventurati in un terreno poi frequentato nella realtà dei fatti, anche se - seguendo la nostra filosofia analitica che si basa su tutti gli aspetti del mercato - le immatricolazioni degli ultimi tre giorni hanno generato il solito “mostro”, con il 26,4% delle targhe (stiamo parlando di oltre un quarto del totale!) consegnate nel finale del mese di dicembre, cosa che in parte può trovare la sua spiegazione nel raggiungimento forzato degli obiettivi che ai Dealer portano come conseguenza i preziosi contributi variabili delle Case. In questa ottica, merita la segnalazione delle 8.653 immatricolazioni di Km0 previste dal nostro Panel per il mese di gennaio, valore che rappresenta il 5,7% di quelle 151.800 targhe che dovrebbero essere l’immatricolato che il nostro Panel prevede per il primo mese di quest’anno. Ciò detto, ecco per gennaio un inatteso ma comprensibile scatto in avanti. Il Panel indica, come media per la chiusura del primo mese del nuovo anno,  151.800 targhe. Se la previsione dovesse trovare conferma nei dati del Ministero, torneremmo a valori registrati per l’ultima volta nel 2011, quando le targhe consegnate furono 165.172. L’ottimismo manifestato dagli aderenti al nostro Panel è confermato anche dall’indicazione del numero degli ordini: 147.800, in aumento del 14,6%,  valore lievemente inferiore al +14,9% delle immatricolazioni. Interessante, poi, la valutazione sul futuro delle motorizzazioni Diesel. Al quesito se ci si aspetti un calo della domanda di vetture a gasolio, il 25% dei “panelisti” ha risposto di sì, indicando una flessione media dell’11,5%. E qui, al contrario di quanto manifestato per le immatricolazioni di gennaio, serpeggia un pessimismo forse eccessivo.  Comunque a noi non resta che attendere le indicazioni ufficiali, in agenda per lunedì 1° febbraio.

Scorrendo le cifre emerse dalle indicazioni del nostro Panel, si rileva una linea di continuità senza significative variazioni per gli sconti medi applicati alle vetture a benzina e a gasolio, mentre la flessione delle vendite di vetture con alimentazione bifuel benzina-Gpl trova conferma nel lieve aumento sulla relativa scontistica, manifestatasi con una crescita dello 0,7% in un mese. Certo, con la nuova campagna promozionale di FCA, forse i concorrenti dovranno fare ricorso a qualche significativa contromossa.

Sempre basandoci sui dati espressi dal nostro Panel,  emerge uno strano andamento del mercato delle Diesel, con gli ordini in significativa crescita fra novembre e dicembre, ma con le consegne in lieve contrazione. In effetti, la spiegazione può essere individuata nella mancanza di prodotto disponibile presso i Concessionari, con conseguente lista di attesa in aumento. Quanto alla dimensione dei valori, si verifica una lieve discrepanza con quanto indicato come media annua dai dati ufficiali, che nei conteggi di Unrae indicano la quota Diesel in Italia per l’intero 2015 in un 55,6% (56,9% nel solo mese di dicembre).


Di biciclette, automobili, integrazione (e qualche omissione)

Presa diretta. 1. Tipologia di cambio di velocità, ma anche: 2. Programma televisivo di approfondimento, in onda su Rai3 a partire dal 2009.
È in questa seconda veste che ne parleremo qui.
L’8 gennaio è andata in onda la prima puntata di “Presa diretta” della stagione 2018. È stata seguita da 1 milione 356 mila spettatori (share 5.2%) ed è stato il programma Rai più commentato sui social dell’intera serata: 52 mila interazioni. Il titolo della puntata era: “La bicicletta ci salverà”. Questa ne è stata l’introduzione: “Le nostre città e le nostre vite soffocano nel traffico, i livelli di inquinamento sono cronicamente al di sopra dei limiti consentiti, le malattie correlate alle polveri sottili aumentano, i tempi degli spostamenti urbani si allungano e il trasporto pubblico fatica a stare al passo delle esigenze di tutti. Così non possiamo andare avanti. E allora? Allora, a salvarci, sarà proprio la bicicletta”. Ancora: “In cima alla lista delle città da salvare c’è proprio la nostra capitale. A Roma ogni mattina si mettono in movimento 4 milioni e mezzo di persone, la maggior parte con la propria automobile. I romani infatti hanno il primato di auto per numero di abitanti, quasi 70 ogni 100 persone. D’altra parte gli investimenti sul trasporto pubblico sono in costante riduzione da molti anni così come la loro efficienza, 79 minuti è la durata media del viaggio per e dal posto di lavoro dell’eroico cittadino romano. Per non parlare degli investimenti sui mezzi meno inquinanti: meno 80% sui bus elettrici, meno 30% sui tram, e per quanto riguarda la metropolitana è stato calcolato che ci vorranno 80 anni per raggiungere la dotazione di altre capitali come Madrid, Berlino, o Londra”. Ancora, in conclusione: “Il mondo intero sta cercando il modo di risolvere il problema del traffico nelle grandi città, come abbattere l’inquinamento prodotto dalle macchine, come tornare a far vivere le città e farle diventare luoghi accoglienti e non posti dove ci si ammala”.

Leggi tutto...