I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Il nostro Panel di Concessionari, per il mese di febbraio, aveva indicato 110.847 immatricolazioni, di fatto mancando la previsione di 7.000 unit?. Di certo non ? stata la migliore prestazione, ma va detto con chiarezza che i Concessionari non sono in grado di controllare quanto avviene nei due segmenti di mercato del noleggio e delle societ?, basando i loro ragionamenti principalmente sul vero mercato del nuovo, che ? quello dei privati. Non ? nostra intenzione giustificare l?operato dei Dealer che compongono il nostro Panel, perch? non hanno certo bisogno di avvocati difensori. Sappiamo bene, perch? l?informazione ? venuta da una fonte certa come ? l?Unrae, che nel mese di febbraio il noleggio ? stato protagonista di un vero e proprio boom, con una crescita - rispetto al febbraio dello scorso anno - di oltre il 33,6% e - in cifre assolute - con un immatricolato aumentato di 6.321 unit?. Guarda caso, valore assai vicino alla differenza fra previsione del nostro Panel e immatricolato comunicato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Quelle 7.481 immatricolazioni in pi?, quindi, sono da addebitarsi quasi per intero appunto al noleggio, che nei primi due mesi dell?anno ha totalizzato una crescita del 28,9% salendo, in cifre assolute, a 43.085 unit?. Stabilito dunque che i nostri ?panelisti? non potevano immaginare la stratosferica impennata del noleggio, vediamo cos?altro ? emerso dalle risposte dei Concessionari che ci hanno inviato la loro scheda. Intanto, abbiamo appreso che le mefitiche Km0 continuano ad imperversare, visto che alla domanda se le Km0 fatte in febbraio erano di pi? o di meno di quelle fatte in gennaio il 53,1% ? stato comunicato un aumento. Certo, si tratta di poco pi? della met? degli interpellati, ma siamo sempre a livelli molto, troppo elevati, visto che la previsione delle Km0 si ? stabilizzata con una quota vicina al 6% mensile, che a nostro avviso e per l?esperienza pregressa ? pi? una speranza che un fatto definitivo. D?altronde, sappiamo bene cosa offrono gli ispettori di zona ai Concessionari in questa sublime e folle caccia alla quota di mercato. Sono storie che i protagonisti negano, ma che circolano ormai con la stessa frequenza dei gossip sulle riviste femminili. Li chiamano gossip (?voci, chiacchiere?) che per? sono fatti poi effettivamente acclarati, insomma.

Andiamo avanti. Gli ordini, sempre secondo i nostri ?panelisti?, dovrebbero posizionarsi di un filino sopra quota 137.000 (137.026 per chi ama la precisione). Se cos? fosse, quindi, sarebbe quanto meno un segnale di stabilizzazione, visto che il mercato ormai da tempo viaggia con un portafoglio che si aggira attorno al mese, troppo poco per poter quindi parlare di segnali concreti di ripresa della domanda. Sostanzialmente stabile anche la previsione di immatricolazione delle vetture a gas, Gpl o Metano che sia. Siamo attorno al 14,6%, cosa che riflette con qualche decimale in pi? l?ormai consolidata quota per questo tipo di motorizzazioni.

Sconti in altalena, sostanziale la stabilit?

Periodo Febbraio 2014 Gennaio 2014
  BENZINA DIESEL GPL BENZINA DIESEL GPL

Nord

13,81% 15,33% 14,89% 14,59% 14,55% 15,21%
Centro 12,20% 13,09% 11,00% 11,00% 10,88% 10,40%
Sud e Isole 15,31% 15,52% 14,74% 16,56% 16,75% 15,01%
Media 13,77% 14,65% 13,54% 14,05% 14,06% 13,54%

La ripresa del mercato, ancorch? non certo consolidata si riflette su una sostanziale stabilit? della dimensione degli sconti indicati dai nostri ?panelisti?, sia pure con valori lievemente altalenanti. I tagli sono decisamente pi? contenuti per le vetture mosse da motori benzina-Gpl che costituiscono la fetta pi? importante delle cosiddette motorizzazioni a gas. Gli sconti continuano ad avere valori diversi secondo l?area territoriale del mercato, con forbici anche piuttosto ampie specie per il Gpl fra Centro Italia e le altre due aree del Paese.

Il gasolio continua ad andare a tavoletta

Periodo Febbraio 2014 Gennaio 2014
  CONSEGNE ORDINI CONSEGNE ORDINI
Nord 46,81% 46,79% 50,58% 48,65%
Centro 55,80% 54,71% 58,21% 51,73%
Sud e Isole 66,31% 64,31% 57,59% 58,44%
Media 56,31% 55,33% 55,46% 52,94%

Le vendite di vetture Diesel restano al vertice del mercato, mentre le auto a benzina continuano a far registrare significative contrazioni. Anche qui la forbice fra i valori minimi e massimi ? decisamente significativa, con aperture vicine ai 20 punti di differenza fra Nord e Sud sia per le vendite, sia per gli ordini. Questi ultimi, registrano cali consistenti nelle aree del Nord del nostro Paese e accelerazioni altrettanto significative al Centro e al Sud. Da segnalare anche la forte scalata (poco meno di 9 punti percentuali) delle consegne al Sud e nelle Isole da un mese all?altro.


Di biciclette, automobili, integrazione (e qualche omissione)

Presa diretta. 1. Tipologia di cambio di velocità, ma anche: 2. Programma televisivo di approfondimento, in onda su Rai3 a partire dal 2009.
È in questa seconda veste che ne parleremo qui.
L’8 gennaio è andata in onda la prima puntata di “Presa diretta” della stagione 2018. È stata seguita da 1 milione 356 mila spettatori (share 5.2%) ed è stato il programma Rai più commentato sui social dell’intera serata: 52 mila interazioni. Il titolo della puntata era: “La bicicletta ci salverà”. Questa ne è stata l’introduzione: “Le nostre città e le nostre vite soffocano nel traffico, i livelli di inquinamento sono cronicamente al di sopra dei limiti consentiti, le malattie correlate alle polveri sottili aumentano, i tempi degli spostamenti urbani si allungano e il trasporto pubblico fatica a stare al passo delle esigenze di tutti. Così non possiamo andare avanti. E allora? Allora, a salvarci, sarà proprio la bicicletta”. Ancora: “In cima alla lista delle città da salvare c’è proprio la nostra capitale. A Roma ogni mattina si mettono in movimento 4 milioni e mezzo di persone, la maggior parte con la propria automobile. I romani infatti hanno il primato di auto per numero di abitanti, quasi 70 ogni 100 persone. D’altra parte gli investimenti sul trasporto pubblico sono in costante riduzione da molti anni così come la loro efficienza, 79 minuti è la durata media del viaggio per e dal posto di lavoro dell’eroico cittadino romano. Per non parlare degli investimenti sui mezzi meno inquinanti: meno 80% sui bus elettrici, meno 30% sui tram, e per quanto riguarda la metropolitana è stato calcolato che ci vorranno 80 anni per raggiungere la dotazione di altre capitali come Madrid, Berlino, o Londra”. Ancora, in conclusione: “Il mondo intero sta cercando il modo di risolvere il problema del traffico nelle grandi città, come abbattere l’inquinamento prodotto dalle macchine, come tornare a far vivere le città e farle diventare luoghi accoglienti e non posti dove ci si ammala”.

Leggi tutto...