I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Panel

Pur avendo indicato una crescita dell’8,3% sul giugno dello scorso anno, il nostro Panel non ha tenuto il ritmo della realtà dei fatti. Le nostre indicazioni erano di 138.900 nuove immatricolazioni, il dato fornito il 1° luglio dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha dato un responso più generoso: 146.682, in crescita quindi del 14,4% rispetto alle 128.272 targhe consegnate nel giugno dello scorso anno. I 13 mesi di trend positivo, quindi, proseguono con dati migliori di quelli ipotizzati dai nostri “panelisti”, che però - come abbiamo più volte sottolineato - non hanno la possibilità di valutare a fondo l’incidenza sull’immatricolato dei settori del noleggio e delle società, avendo però ben sotto controllo il polso dei privati, che comunque costituiscono la parte più significativa delle vendite di vetture. Ora, per luglio, la previsione del nostro Panel che, lo ricordiamo, è composto esclusivamente da 450 Concessionari (precisiamo, per correttezza, che non tutti rispondono ogni mese) indica un immatricolato complessivo di 129.600 unità, in crescita quindi del 12,9% rispetto alle 114.793 targhe consegnate nel luglio dello scorso anno. Oltre alla previsione del mese, il nostro Panel indica anche una serie di altre previsioni. A nostro avviso, di rilievo particolare quella riferita alla raccolta degli ordini: secondo il nostro Panel i contratti portati a casa in luglio saranno 112.753, in crescita del 10,8% rispetto ai 101.726 registrati nell’analogo mese dello scorso anno. E a proposito della raccolta contratti, merita sottolineare l’assoluta perfezione dell’indicazione del nostro Panel, che aveva indicato - sempre come media di tutte le risposte raccolte - 126.966 contratti. Lo scambio di informazioni fra Anfia e Unrae ha indicato 127.000 nuovi ordini, come dire che il nostro Panel ha centrato in pieno il bersaglio, mancando la perfezione numerica per sole 34 unità! A titolo puramente informativo, ricordiamo che nel primo semestre la raccolta ordini è stata di circa 880.000 contratti, con un incremento sul primo semestre dello scorso anno del 16,5%. Uno spazio ed un commento merita anche la risposta al nostro sondaggio mensile, che verteva sull’opportunità o meno di un ritorno agli incentivi statali per l’acquisto di auto contro rottamazione di vecchie “carrette”. Il 68% delle risposte è stato favorevole a questa misura, confermando la convinzione presente in gran parte degli operatori e cioè che solo con gli incentivi sia possibile incidere in modo significativo sull’età media del parco circolante italiano, ormai avviato ad un invecchiamento inevitabile, dato lo scarso ricambio che ha caratterizzato gli ultimi anni. Capitolo a parte - infine - per le Km0, che fanno parte integrante del business e per le quali noi ribadiamo la mancanza di trasparenza sul fronte dell’informazione, che ne impedisce una necessaria valutazione. Dopo aver indicato in poco meno di 11.400 unità quelle immatricolate nel mese di giugno, per luglio l’indicazione e assai più modesta: 5.158 unità, pari al 4% del totale indicato per le immatricolazioni del mese di luglio.

Frenata, sia pure con dimensioni diverse fra tipologie di motorizzazioni e territori di riferimento, sul fronte degli sconti. Notevoli, però, le differenze medie fra le tre aree del nostro Paese. Nel Sud e nelle Isole, almeno stando alle indicazioni dei nostri “panelisti”, si fa ancora fatica a vendere, mentre la pressione appare affievolirsi nel Nord e nel Centro Italia. Ricordiamo che le indicazioni riferite agli sconti marciano nello stesso ambito delle previsioni delle immatricolazioni del mese, e non sono quindi dei consuntivi. 

 

Sempre stando alle indicazioni dei nostri “panelisti”, le vetture con motorizzazioni Diesel stanno perdendo slancio in termini di immatricolazioni. Il fenomeno è evidente al Nord e nel Centro Italia, mentre mantiene slancio al Sud, dove evidentemente le vetture a gasolio trovano sempre maggior clientela. Appare forse surdimensionata l’indicazione delle consegne al Sud e nelle Isole, ma noi rispettiamo le indicazioni del Panel, ovviamente. Quella che appare certa, comunque, è la tendenza al ribasso nella raccolta degli ordini, che - lo ricordiamo - anche nelle indicazioni di Anfia e Unrae sono dati non ufficiali.

Di biciclette, automobili, integrazione (e qualche omissione)

Presa diretta. 1. Tipologia di cambio di velocità, ma anche: 2. Programma televisivo di approfondimento, in onda su Rai3 a partire dal 2009.
È in questa seconda veste che ne parleremo qui.
L’8 gennaio è andata in onda la prima puntata di “Presa diretta” della stagione 2018. È stata seguita da 1 milione 356 mila spettatori (share 5.2%) ed è stato il programma Rai più commentato sui social dell’intera serata: 52 mila interazioni. Il titolo della puntata era: “La bicicletta ci salverà”. Questa ne è stata l’introduzione: “Le nostre città e le nostre vite soffocano nel traffico, i livelli di inquinamento sono cronicamente al di sopra dei limiti consentiti, le malattie correlate alle polveri sottili aumentano, i tempi degli spostamenti urbani si allungano e il trasporto pubblico fatica a stare al passo delle esigenze di tutti. Così non possiamo andare avanti. E allora? Allora, a salvarci, sarà proprio la bicicletta”. Ancora: “In cima alla lista delle città da salvare c’è proprio la nostra capitale. A Roma ogni mattina si mettono in movimento 4 milioni e mezzo di persone, la maggior parte con la propria automobile. I romani infatti hanno il primato di auto per numero di abitanti, quasi 70 ogni 100 persone. D’altra parte gli investimenti sul trasporto pubblico sono in costante riduzione da molti anni così come la loro efficienza, 79 minuti è la durata media del viaggio per e dal posto di lavoro dell’eroico cittadino romano. Per non parlare degli investimenti sui mezzi meno inquinanti: meno 80% sui bus elettrici, meno 30% sui tram, e per quanto riguarda la metropolitana è stato calcolato che ci vorranno 80 anni per raggiungere la dotazione di altre capitali come Madrid, Berlino, o Londra”. Ancora, in conclusione: “Il mondo intero sta cercando il modo di risolvere il problema del traffico nelle grandi città, come abbattere l’inquinamento prodotto dalle macchine, come tornare a far vivere le città e farle diventare luoghi accoglienti e non posti dove ci si ammala”.

Leggi tutto...