I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

La grande confusione che ha ?governato? le consegne di marzo, ha avuto riflessi anche sulle indicazioni emerse dal lavoro dei nostri ?panelisti?, che avevano indicato 152.373 targhe, rispetto alle 138.137 unit? registrate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, valore che ha riportato il mercato indietro di oltre trent?anni.? D?altronde, i Concessionari che aderiscono al nostro Panel hanno dalla loro l?esperienza sul campo ma non la sfera di cristallo e quindi non hanno potuto dare un peso ragionevole all?agitazione delle bisarche, che ha assunto toni anche drammatici nel corso del mese, toni che hanno spinto Fiat Automobiles addirittura a sospendere il lavoro su alcune linee produttive.
D?altronde, enti molto autorevoli in termini previsionali come Anfia e Unrae avevano anch?essi indicato valori che ruotavano attorno alle 150.000 consegne, a conferma della oggettiva difficolt? di individuare quella che sarebbe stata la realt? dei fatti.
Ora ci troviamo ad affrontare un altro mese, quello di aprile, che porter? con s? altre incognite. Il trasporto delle vetture ? ripreso regolarmente, in attesa di un incontro chiarificatore fra le parti e con l?intervento di un rappresentante del governo. Ma il dubbio resta, perch? se ? vero che le bisarche hanno condizionato le immatricolazioni di marzo, ? anche vero che nell?ultimo giorno utile sono state consegnate 30.000 vetture, pi? o meno quante ne furono consegnate nel marzo del 2011, quando le bisarche facevano regolarmente il loro lavoro. Insomma, qualche dubbio ? pi? che lecito.
Per il mese di aprile, il Panel indica 136.100 targhe, superando di poco la previsione dell?Anfia (come si pu? rilevare a pagina 69 di questo numero) e quella non ufficializzata dell?Unrae, anch?essa? posizionata fra 132.000 e 135.000 immatricolazioni. Il nostro Panel ha anche indicato la dimensione delle immatricolazioni di Km0 che in aprile non dovrebbero superare - con 7.108 immatricolazioni - il 5,2% di quota,? mentre per quanto riguarda gli ordini, elemento che pi? degli altri serve per interpretare l?andamento del mercato, il valore emerso come media dai dati forniti del Panel ? di 137.698 contratti, confermando la tendenza ad un deprimente equilibrio fra ordini e targhe, cosa che riflette dunque l?assenza di un vero portafoglio di ordini, a parte le attese gi? in essere per alcuni modelli molto richiesti e poco disponibili, cosa che ovviamente fa la felicit? dei Dealer che gestiscono quelle situazioni e delle Case che essi rappresentano.
Interessante, infine, l?indicazione relativa alle previsioni di immatricolazione di vetture a gas (sia Gpl, sia metano) che per i Concessionari dovrebbe concretizzarsi in un significativo 13,7%, confermando come l?interesse per motorizzazioni alternative stia crescendo di nuovo, anche se non possiamo dimenticare che alcune Reti stanno offrendo le motorizzazioni a gas allo stesso prezzo delle motorizzazioni a benzina.
Ultima annotazione, decisamente allarmante: abbiamo chiesto ai Concessionari che gestiscono prodotti nuovi e usati gravati dal superbollo come stanno andando le vendite: il risultato ? allarmante, perch? la domanda si ? praticamente dimezzata, perdendo? per l?esattezza il 47,1%.

Al sud sconti pi? alti, per salvare il mercato

Periodo Marzo 2012?? Febbraio 2012??
? BENZINA DIESEL GPL BENZINA DIESEL GPL
NORD 14,11% 14,45% 12,60% 14,09% 14,34% 13,88%
CENTRO 12,41% 13,18% 12,92% 14,00% 13,82% 13,23%
SUD E ISOLE 16,10% 16,38% 16,55% 15,74% 15,20% 15,69%
MEDIA 14,21% 14,67% 14,02% 14,61% 14,45% 14,27%

?L?arma degli sconti continua ad essere lo strumento pi? usato nel tentativo di arginare la caduta delle vendite. La cosa assume particolare rilevanza al Sud e nelle Isole, dove per le auto a benzina si registrano 4 punti in pi? rispetto al Centro e 2 rispetto al Nord, che delle tre aree Nielsen ? quella pi? in linea con la media del mercato. Pi? elevata la scontistica per i diesel e meno per il Gpl, che ha ripreso a ?tirare? pi? che in un recente passato.

Le vetture a gasolio corrono sempre di pi?

Periodo Marzo 2012 Febbraio 2012
? CONSEGNE ORDINI CONSEGNE ORDINI
NORD 48,71% 46,78% 46,01% 42,34%
CENTRO 53,82% 49,39% 54,15% 47,67%
SUD E ISOLE 65,42% 60,42% 58,43% 58,29%
MEDIA 55,98% 52,19% 52,86% 49,43%

Nel mese di marzo le consegne di vetture Diesel si avvicinano al 56%, mantenendosi in quota rispetto alle indicazioni che emergono dai dati ministeriali, registrando un aumento di 3 punti rispetto a febbraio sia per quanto riguarda le consegne, sia per quanto attiene gli ordini. Da sottolineare che il gasolio raccoglie pi? consensi al Sud e nelle Isole che non al Nord e al Centro del nostro Paese.

Barche diverse, ma il mare è uguale per tutti

In un film di qualche anno fa, Woody Allen raccontava la storiella delle due anziane signore ricoverate in una casa di cura. Sedute allo stesso tavolo, consumano un pasto. All’improvviso la prima dice: il mangiare qui è veramente orrendo. La seconda risponde: sì, e poi le porzioni sono così piccole... 
Ecco: più o meno la storia degli incentivi per l’acquisto delle auto stanziati dal Governo lo scorso anno e poi ancora nella Legge di Bilancio 2021. Si è sentito dire: sbagliata la tempistica, sbagliata la distribuzione, utili solo ad anticipare la domanda e quindi non realmente efficaci per rimettere in piedi il sistema. Eppure: perché porzioni così piccole?, si è alla fine sentito chiosare.
È vero: si poteva fare di più e si poteva fare meglio. E probabilmente sì, non hanno fatto e non faranno che anticipare la domanda, e si esauriranno troppo presto, e danneggeranno il mercato dei mesi a seguire… Tutto quel che si vuole. Ma resta il fatto che gli incentivi sono stati una conquista preziosa. Un passo avanti, e sudatissimo se si considera che una larga parte di quanti governano il Paese ritiene che l’unica auto realmente ecologica è l’auto che non esiste – non perché non è stata ancora inventata, ma perché l’auto non dovrebbe proprio esistere.
Per il settore auto italiano ci sono state cose buone anche dentro la tempesta del Covid, nell’infame 2020, ci ha ricordato il presidente di Federauto, De Stefani Cosentino. Su tutte la consapevolezza acquisita che, chiunque governi la nave, chiunque sia in sala macchine, il mare è lo stesso per tutti i naviganti. E quando si ingrossa a dismisura si fa squadra, si lavora tutti nella stessa direzione per portare la nave in porto. Le Case auto e le Reti di distribuzione, con l’eccezione di pochi casi, hanno lavorato insieme. E insieme hanno lavorato le associazioni della filiera. 
Al di là di risultati di mercato, fatturati, utili, questo è il lascito più prezioso del 2020. Non era scontato che andasse così, e lo conferma il fatto che – non appena svoltato l’angolo del 2021 – come se si fosse entrati in un’epoca altra, come se tutto fosse finito, il microcosmo di eletti che guida il Paese è subito tornato alle vecchie abitudini, nel tentativo forse di ristabilire la vecchia normalità (che invece non tornerà più), quella in cui all’improvviso c’è chi sfila una carta dal castello che fin lì si era miracolosamente tenuto in piedi e fa crollare tutto. La voglia di rissa, di menare le mani, è diffusa; la nuova normalità, gli impedimenti, i divieti generano pressioni enormi - ce lo dicono, anche, le torme di ragazzi che si danno appuntamento in questa o quella città per suonarsele di santa ragione. E ci si può spingere fino a comprendere come la costrizione possa generare desideri di rivolta. 
Ma è qualcosa che non porta da nessuna parte. Il sistema sano si salva proprio come tale, come sistema. Il settore auto in Italia ha certamente scelto questa strada. Non sarà per sempre, è certo: è stato però nel momento giusto, quando davvero serviva. 

Leggi tutto...