I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

Ad aprile il Panel dei nostri Concessionari si produce in un’ottima performance previsionale, con l’immatricolato effettivo mancato dal pronostico per poco meno di 2.000 unità, uno scarto dell’1,1% per eccesso. Dopo i tre segni negativi consecutivi relativi ai primi tre mesi dell’anno sarebbe stato forse più facile o logico prevederne di seguito un quarto, quando già da qualche parte si parlava di crisi conclamata, ma, complice il giorno lavorativo in più rispetto al mese precedente, questa volta tenuto in considerazione, i nostri Concessionari offrono una corretta interpretazione del mercato del mese. Ritorno al segno positivo, quindi, per il mercato italiano, i cui canali di vendita principali vedono sostare in territorio negativo solo quello delle vendite a Società che perdono oltre il 30% ad aprile e il 26% nel quadrimestre. Risorgono i Privati (+2,2%) dopo il passo falso di marzo, mantenendosi in attivo anche nel quadrimestre (+4%). Più che bene i Noleggi, sia col Breve (+43,5% ad aprile e -5,9% nel periodo gennaio-aprile) che col Lungo Termine (+12,1% e -7,95% rispettivamente), che in totale crescono a doppia cifra nel mese (+22,7%), risollevando parzialmente anche le sorti del cumulato (-6,9% rispetto al -15,5% relativo al primo trimestre). Secondo l’Unrae, però, non c’è da rilassarsi perché “lo stato di salute del mercato rimane preoccupante” con un “contesto economico in peggioramento”. La stima per l’intero 2019 va infatti al ribasso con 1.850.000 immatricolazioni finali pronosticate “con possibili rischi di ulteriori ribassi”. Il Panel, dal canto suo, nel confronto con un mese di maggio nel quale, lo scorso anno, a parità di giorni lavorativi, si registrarono 199.692 consegne, prevede una diminuzione del 6,79% per 186.133 immatricolazioni. In leggero decremento vengono previsti anche gli ordinativi in concessionaria, -1,14% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. In aumento, invece, il conteggio delle Km0 previste, costituirebbero l’8,30% del mercato di maggio, rispetto a quanto successo ad aprile dove hanno contato per il 6,68% del totale immatricolato. Stabili i tempi di consegna, rispetto a quelli del mese precedente, per una media di 43 giorni di attesa. In calo vengono previste le immatricolazioni di auto ad alimentazione alternativa, sarebbero il 13,14% del totale mercato di maggio, dopo il 14,71% registrato ad aprile. Per quanto riguarda i sondaggi del mese abbiamo chiesto ai nostri Panelisti in che percentuale ha inciso il nuovo Ecobonus sui volumi globali di vendita in concessionaria: la percentuale espressa mediamente non è ancora particolarmente consistente, il 5%, avremo cifre più veritiere nei prossimi mesi, quando l’influenza dei contratti registrati a marzo non avrà più eco sugli acquisti. Agli utenti del nostro sito Internet www.interautonews.it abbiamo invece domandato se fossero d’accordo con l’ultima previsione maturata da Unrae riguardo le vendite dell’intero anno: al momento di andare in stampa solo il 32,8% dei partecipanti si trova in linea con le 1.850.000 immatricolazioni pronosticate per fine 2019.

Ad aprile poco o nulla si muove nell’orizzonte nazionale degli sconti relativi a tutte le alimentazioni, in leggera diminuzione in tutta la penisola, con il calo più deciso, di un filo oltre il mero punto percentuale, per le auto alimentate a benzina, -1,02. Scendono di poco anche gli sconti per le alternative, -0,61, e per le diesel, -0,44 punti. Un po’ più movimentato il panorama delle aree geografiche con gli aumenti degli sconti al Centro Italia per Benzina (+1,33 punti) e Alternative (+1,66) che stemperano i cali registrati nel Sud/Isole, -2,34 e -3,47 punti rispettivamente.

Stabilità per il Diesel, dopo le altalenanti vicende degli ultimi mesi, con le consegne che, ad aprile, si attestano a livello nazionale a meno di mezzo punto percentuale rispetto a marzo, -0,22; ancora più vicini alla parità, -0,9 punti rispetto al mese precedente, gli ordini. Nel dettaglio delle aree geografiche risalta il calo degli ordini al Centro Italia, parzialmente mitigato dai +2,39 punti registrato al Sud/Isole. Più stabili le consegne ove solo al Centro Italia si segna un punto percentuale in meno.

Altri articoli...

Manifesto per chi vuole resistere

Nulla sarà più come prima, è il mantra che ci stiamo ripetendo davanti all’ignoto e ai relativi interrogativi – quando finirà? E come sarà quella che allora chiameremo “normalità”? – generati dalla pandemia di Coronavirus. E la storia del mondo domani o dopo potrà essere datata a.C. (avanti Coronavirus) e d.C. (dopo Coronavirus).
Non sfugge, né sfuggirà, a tale destino il mondo automotive a livello globale, ben dentro la tempesta perfetta. Sorpreso, travolto, molto preoccupato. Fabbriche chiuse, concessionarie chiuse, tutto fermo, immobile. Scenario di guerra. 
Il dramma – che è molto vicino a essere una tragedia – non è uguale per tutti. Soffrono tutti, ma qualcuno di più: per restare all’Italia, il comparto della distribuzione auto. Il colpo subìto lo ha messo in ginocchio, la terra non è mai stata tanto vicina. Nell’intervista che pubblichiamo, Adolfo De Stefani Cosentino, presidente dei Concessionari, dice tra l’altro: “Tra il 10% e il 20% delle aziende è a rischio chiusura”. Il Governo ha varato provvedimenti per le imprese ritenuti inadeguati dai Dealer, non idonei alla loro realtà: con fermezza e chiarezza gli è stato fatto notare, si aspettano risposte. Il Governo anche su questo tavolo si gioca la faccia, ma i Concessionari ci si giocano la vita. Non è lo stesso gioco. Insistere, e resistere: è ciò che la Federazione farà, e si spera che lo facciano anche le Case auto. Se davvero si è partner, alla guerra si va insieme.
Ma poi non c’è a.C. senza d.C. E il dopo, quella “normalità” per nulla somigliante alla normalità che fino a ieri abbiamo praticato, forse non è immaginabile, ma desiderabile certo lo è. Può bastare, per resistere. Per conservare o ritrovare la voglia di combattere. Esploratori dell’ignoto, forse in numero ridotto, ma sul pezzo, con rabbia e per amore (del proprio lavoro, dell’impresa che hanno ereditato o creato dal nulla): i Concessionari ci saranno.
Come tutti noi, oggi sono reclusi ma non per forza esclusi. Dal domani, quando verrà.
@