I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

Le previsioni del Panel dei nostri Concessionari relative al mese di luglio si sono rivelate sostanzialmente caute, probabilmente il mai abbastanza considerato giorno lavorativo in più ha fatto la differenza rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il risultato ottenuto è stato pari a uno scostamento del -2,91% rispetto all’immatricolato effettivo, quasi 4.500 unità di differenza, per difetto. Il mercato, a luglio, è riuscito quindi a mantenersi sugli stessi livelli dello scorso anno, perdendo giusto una manciata di unità (-0,1%). Decisivo il colpo di coda del canale Privati che nel mese si è prodotto in un +7%, solidificando il cumulato che raggiunge il punto e mezzo di crescita rispetto ai primi sette mesi dello scorso anno. Rallenta, nel mese, la crescita del Noleggio (+2,3%), mantenendo comunque il cumulato in territorio positivo (+1%). In caduta libera, invece, le immatricolazioni a Società, -19,3% nel mese e cumulato dei sette mesi a -21,2%. Il mercato archivia poi un mese di agosto dal bilancio pesante: Privati che soffrono di un -5,6% nel mese, mantenendosi di un solo punto sopra la parità negli otto mesi; Noleggi a picco (-19,9%) col cumulato che scende sotto la linea di galleggiamento (-0,1%); Società in ripresa inaspettata, a +14,5% nel mese, dopo sette mesi vissuti pericolosamente in territorio negativo, come testimoniato dal -18,3% del cumulato. Il Panel, dopo la pausa estiva, va a confrontarsi con il settembre del 2018. Considerato il giorno lavorativo in più, la media scaturita dalle previsioni del Panel rimane forse troppo cauta: 122.061 immatricolazioni stimate, pari a un calo del 2,63%, rispetto ad un mese già sofferente di un pesante -27% (il calo più ingente avvenuto lo scorso anno) rispetto al settembre del 2017 - nel quale si erano immatricolate 167.469 unità. Non roseo  anche il fronte previsionale riguardante gli ordini in concessionaria: si prevede un -6,73% rispetto agli ordini del settembre 2018, dopo l’acquisizione di luglio che aveva registrato già il -4%. Le Km0 sarebbero il 9,65% del mercato previsto per settembre, in calo quindi rispetto alle 166.395 registrate a luglio, che avevano contato per il 10,8% delle immatricolazioni totali del mese, mentre le alternative andrebbero ad aggirarsi intorno alla loro consueta fetta di mercato, 11,45%. Riguardo i sondaggi del mese abbiamo chiesto ai Concessionari del nostro Panel se il ritorno alla crescita delle immatricolazioni a Privati costituisca anche un ritorno a un mercato più sano: l’esito, pur abbastanza equilibrato, ha visto infine la bilancia pendere verso il fronte del No (58%) rispetto al rimanente 42% dei votanti che vede invece un progressivo ritorno a un mercato sempre meno adulterato. È plebiscito assoluto invece per gli utenti del nostro sito internet www.interautonews.it, ai quali è stato chiesto se nell’agenda del nuovo Governo, da poco costituitosi, il tema della mobilità troverà lo spazio che le concerne: non c’è stata partita. Al momento di andare in stampa, hanno tutti optato per il pessimismo, il 100% dei votanti non ci crede. Staremo a vedere.

A luglio nessun cambiamento di rilievo relativamente agli sconti su base nazionale, ove il maggior scostamento riguarda le auto ad alimentazione alternativa, i cui sconti aumentano di 1,4 punti. Le Benzina crescono di poco più di mezzo punto rispetto al mese precedente, in perfetta parità le Diesel. Più movimento nelle aree geografiche, con aumenti di rilievo per le auto a Benzina (+2,89 punti) e per le alimentazioni Alternative (+4,92) al Centro Italia. Ancora al Centro è il Diesel a registrare la diminuzione più evidente, -3,67 punti rispetto a giugno.

In declino il Diesel che fino a questo momento ci ha comunque abituato a risultati altalenanti. Luglio rispecchia l’attuale atmosfera da viale del tramonto per questa alimentazione, perdendo, su base nazionale, quasi un punto percentuale sulle consegne e oltre 3,5 punti sugli ordini rispetto a giugno. Anche il Sud/Isole, tradizionale roccaforte di possessori di auto diesel, segna 2 punti in meno per le consegne e quasi 9 punti in meno per gli ordini. Unico aumento di ordini al Centro Italia con +3,3 punti rispetto al mese precedente.

Altri articoli...

Di coraggio, leggi e convenienza (grazie Giugiaro…)

Davvero Internet è una miniera. Cerchi notizie su Trump che ha rispolverato la minaccia di imporre dazi del 25% sulle auto importate dall’Europa, questa volta per costringere Francia, Gran Bretagna e Germania ad accusare formalmente l’Iran di aver violato l’accordo sul nucleare del 2015. Mentre cerchi, e intanto ti chiedi quale razza di karma negativo abbia accumulato l’industria dell’auto europea, del tutto casualmente ti imbatti in un tesoro, ovvero quella che qui diventa la citazione del mese. 
Eccola: “L’innovazione da sola non basta. In molti casi l’uomo deve essere aiutato a prendere decisioni coraggiose. Ci vogliono le leggi. Altrimenti, anche per ragioni di convenienza immediata, tutto rimane come prima”.
Parole da leggere, rileggere, memorizzare. Il bello ulteriore è che a pronunciarle non è stato né Abramo Lincoln, né Winston Churchill, né Steve Jobs, ma Giorgetto Giugiaro, nel 2014. Uno che, innovando, con coraggio, aiutandosi con le leggi (avvalendosene cioè per definire il perimetro dentro il quale creare), tenendosi sempre alla larga dalla convenienza immediata, ha contribuito a fare – con le sue proprie mani – la storia dell’automobile.
Parole sante. E attualissime, anche solo restando all’industria dell’auto europea. Che in alcuni casi – prendiamo l’elettrificazione – probabilmente ben volentieri, per ragioni di convenienza immediata, tutto avrebbe lasciato come prima, se non ci fossero state le leggi a imporle il cambiamento (che richiede, pur se imposto, una dose enorme di coraggio). Che in altri casi – prendiamo la drammatica situazione della mobilità in Italia – chiede a voce alta, del tutto a ragione, leggi, ovvero regole precise e uguali per tutti e in ogni angolo del Paese, per uscire dallo stallo creato dalla convenienza immediata (dei cosiddetti decisori) e in cui tutto rimane come prima, così che l’uomo possa essere aiutato a prendere decisioni coraggiose (cambiare auto, oggi, lo è) e l’innovazione possa trovare la via dell’effettiva applicazione.

Leggi tutto...