I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

La storia continua. Anche per maggio, il nostro Panel dei Concessionari ha apparentemente sottostimato le immatricolazioni del mese, indicando, come media, 132.876 targhe. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si ? ritrovato in pancia 147.102 targhe e tante ne ha dovute comunicare agli operatori. Tutto apparentemente regolare? I Dealer hanno per l?ennesima volta sottostimato il mercato? Probabilmente la verit? sta da un?altra parte, nel senso che certamente i Concessionari che hanno dato il loro contributo alla formazione della previsione media del mese del nostro Panel, non sono riusciti a valutare con esattezza? quante sarebbero state le vetture vendute negli ultimi tre giorni, all?interno delle quali si annidano molte migliaia di Km0 che deformano la realt?, disegnando il ritratto di un mercato che non esiste. Cos?, ancora un volta siamo andati corti, nel senso che c?? stata una significativa differenza fra la previsione del Dealer e i dati ufficiali del Ministero. D?altronde, come si pu? immaginare ragionevolmente che le Case continuino a riversar fiumi di denaro per trasformare un cadavere in un essere vivente. Gi? nella pagina qui a fianco esprimiamo la nostra posizione sulle Km0, ben sapendo cosa ne pensano i Concessionari e non staremo quindi qui a dilungarci su questo aspetto. Ma ? anche vero che persino nell?ambito di un fatto decisamente marginale come la previsione di un panel di Dealer alla fine c?entri lo zampino delle malfamate Km0. Il Panel, comunque, non si ? limitato ad indicare il possibile immatricolato di giugno, ma ha disegnato anche una cifra per quel che riguarda la raccolta degli ordini: 129.917 sarebbero i contratti previsti dai nostri ?panelisti?, decisamente meno delle immatricolazioni, a conferma che il mercato italiano dell?auto sta vivendo un periodo di forte imbarazzo, con le targhe consegnate sempre ben oltre il numero dei contratti stipulati e in attesa di essere trasformati in consegne finali. A puro titolo di curiosit? e per evitare ai nostri lettori di andare a scartabellare le pagine del mercato Italia, precisiamo che gli ordini raccolti nei primi 5 mesi sono stati 665.078 mentre le immatricolazioni sono state 684.962. Per il mercato la flessione ? stata sino a questo punto del 18,9%, mentre per la raccolta ordini si ? andati sotto del 20,24%. Sempre dai dati raccolti dai nostri ?panelisti?, le Km0 indicate dovrebbero essere in tutto 7.385 pari al 5,19% dell?intero mercato previsto per giugno. A titolo di cronaca, le Km0 di maggio sono state oltre 13.000, pari all?8,8%. E dal nostro punto di osservazione temiamo che anche a giugno la storia si ripeter?, magari con meccanismi pi? complessi, ma pur sempre riconducibili a vetture immatricolate ma non vendute a cliente finale.? Sempre dal Panel emerge che in giugno le vetture bifuel benzina-Gpl e benzina-metano, rappresenteranno il 17,3% dell?immatricolato.

Sconti sempre sostenuti pur di vendere

SCONTI
Periodo Maggio 2012?? Aprile 2012?
? BENZINA DIESEL GPL BENZINA DIESEL GPL
NORD 13,44% 16,10% 14,12% 15,38% 15,14% 15,95%
CENTRO 13,21% 13,08% 10,35% 12,91% 11,81% 12,00%
SUD E ISOLE 13,38% 13,44% 13,21% 11,69% 12,09% 12,13%
MEDIA 13,35% 14,21% 12,56% 13,33% 13,01% 13,36%

Nel corso del mese di maggio, secondo il nostro Panel, si ? registrata una lieve flessione nella media degli sconti riferiti alle vetture a gas, ovvia conseguenza dell?aumento di richiesta delle bifuel, mentre per le vetture a benzina la scontistica ? stabile ed ? in aumento per le vetture diesel. Notevole, e forse un tantino eccessiva, l?indicazione riferita agli sconti medi praticati al Nord per le vetture a gasolio, cos? come sopra la media sono anche gli sconti per le vetture benzina-Gpl. Ove ve ne fosse bisogno, ? evidente la forte pressione esercitata dai Dealer per convincere i clienti a fare l?acquisto.

Il Diesel viaggia sempre oltre il 50%

DIESEL
Periodo Maggio 2012 Aprile 2012
? CONSEGNE ORDINI CONSEGNE ORDINI
NORD 49,80% 48,78% 49,98% 48,79%
CENTRO 53,74% 52,30% 53,44% 52,94%
SUD E ISOLE 50,05% 49,62% 53,81% 53,47%
MEDIA 51,20% 50,23% 52,41% 51,73%

La domanda di vetture a gasolio ? sempre molto sostenuta, come conferma peraltro la suddivisione per tipo di alimentazione. Le Diesel hanno il fascino dell?economia di esercizio e ora, con la nuova campagna avviata dalla Fiat che offre il carburante a 1 euro al litro ai nuovi acquirenti sar? interessante vedere se i potenziali clienti delle vetture a gasolio si orienteranno sui benzina, tenuto conto che per l?uno e per l?altro carburante pagheranno la stessa cifra.

Inizio d’anno in salita, con quella strana voglia di farsi male

In disordine di apparizione, ad aprire il 2019 dell’auto sono stati l’ufficializzazione della chiusura in negativo del mercato 2018 e le previsioni di ulteriore contrazione per l’anno appena cominciato, la multa da 678 milioni di euro inflitta dall’Antitrust italiano ad alcune tra le maggiori Case e relative Finanziarie, oltre che ad Assofin e ad Assilea (e relativo spettro di una class action da parte dei consumatori), la risoluzione consensuale con cui Fca ha chiuso i contenziosi in materia di emissioni diesel negli Stati Uniti per un costo complessivo stimato di 800 milioni di dollari, le voci che corrono su un maxi richiamo (370.000 vetture) in Europa imposto in Germania al Gruppo Volkswagen. Tutto questo, naturalmente, senza dimenticare i colpi di chiusura 2018, ovvero l’Ecotassa introdotta nella Legge di Bilancio e la decisione, in sede Ue, di fissare al 37,5% il target di riduzione delle emissioni per le auto nel 2030.Per dirla con delicatezza, una partenza d’anno in salita per l’automobile. Che se a volte è vittima per mano d’altri, spesso riesce a farsi male da sé. E invece di tutto ha bisogno, agli occhi del proprio pubblico, tranne che di ulteriori aggressioni auto-inferte alla propria immagine. Se n’è già parlato, ma soffermiamoci ugualmente su questo aspetto dell’inizio d’anno in salita. I costi di modi e pratiche non trasparenti - al di là del concetto di presunzione d’innocenza fino a prova contraria e di eventuali ricorsi pendenti, come accade nella questione dell’Antitrust - sono elevatissimi e vanno ben oltre l’importo delle multe, ancorché milionarie. Perché piantano dentro la testa del pubblico dei consumatori due inalienabili convinzioni: la prima è che devono difendersi (dal Costruttore, dal Dealer, dall’assicuratore, e così via), la seconda è che “tanto sono tutti uguali”, anche quando poi nella realtà così non è. Customer care, customer journey, customer satisfaction: l’attenzione al cliente appare massima quando è già ‘preso’ - appare, sì: laddove la sua soddisfazione è solo merce di scambio, se sia davvero soddisfatto o meno poco importa... - del tutto assente quando è ancora nascosto nell’ombra.

Leggi tutto...