I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

La storia continua. Anche per maggio, il nostro Panel dei Concessionari ha apparentemente sottostimato le immatricolazioni del mese, indicando, come media, 132.876 targhe. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si ? ritrovato in pancia 147.102 targhe e tante ne ha dovute comunicare agli operatori. Tutto apparentemente regolare? I Dealer hanno per l?ennesima volta sottostimato il mercato? Probabilmente la verit? sta da un?altra parte, nel senso che certamente i Concessionari che hanno dato il loro contributo alla formazione della previsione media del mese del nostro Panel, non sono riusciti a valutare con esattezza? quante sarebbero state le vetture vendute negli ultimi tre giorni, all?interno delle quali si annidano molte migliaia di Km0 che deformano la realt?, disegnando il ritratto di un mercato che non esiste. Cos?, ancora un volta siamo andati corti, nel senso che c?? stata una significativa differenza fra la previsione del Dealer e i dati ufficiali del Ministero. D?altronde, come si pu? immaginare ragionevolmente che le Case continuino a riversar fiumi di denaro per trasformare un cadavere in un essere vivente. Gi? nella pagina qui a fianco esprimiamo la nostra posizione sulle Km0, ben sapendo cosa ne pensano i Concessionari e non staremo quindi qui a dilungarci su questo aspetto. Ma ? anche vero che persino nell?ambito di un fatto decisamente marginale come la previsione di un panel di Dealer alla fine c?entri lo zampino delle malfamate Km0. Il Panel, comunque, non si ? limitato ad indicare il possibile immatricolato di giugno, ma ha disegnato anche una cifra per quel che riguarda la raccolta degli ordini: 129.917 sarebbero i contratti previsti dai nostri ?panelisti?, decisamente meno delle immatricolazioni, a conferma che il mercato italiano dell?auto sta vivendo un periodo di forte imbarazzo, con le targhe consegnate sempre ben oltre il numero dei contratti stipulati e in attesa di essere trasformati in consegne finali. A puro titolo di curiosit? e per evitare ai nostri lettori di andare a scartabellare le pagine del mercato Italia, precisiamo che gli ordini raccolti nei primi 5 mesi sono stati 665.078 mentre le immatricolazioni sono state 684.962. Per il mercato la flessione ? stata sino a questo punto del 18,9%, mentre per la raccolta ordini si ? andati sotto del 20,24%. Sempre dai dati raccolti dai nostri ?panelisti?, le Km0 indicate dovrebbero essere in tutto 7.385 pari al 5,19% dell?intero mercato previsto per giugno. A titolo di cronaca, le Km0 di maggio sono state oltre 13.000, pari all?8,8%. E dal nostro punto di osservazione temiamo che anche a giugno la storia si ripeter?, magari con meccanismi pi? complessi, ma pur sempre riconducibili a vetture immatricolate ma non vendute a cliente finale.? Sempre dal Panel emerge che in giugno le vetture bifuel benzina-Gpl e benzina-metano, rappresenteranno il 17,3% dell?immatricolato.

Sconti sempre sostenuti pur di vendere

SCONTI
Periodo Maggio 2012?? Aprile 2012?
? BENZINA DIESEL GPL BENZINA DIESEL GPL
NORD 13,44% 16,10% 14,12% 15,38% 15,14% 15,95%
CENTRO 13,21% 13,08% 10,35% 12,91% 11,81% 12,00%
SUD E ISOLE 13,38% 13,44% 13,21% 11,69% 12,09% 12,13%
MEDIA 13,35% 14,21% 12,56% 13,33% 13,01% 13,36%

Nel corso del mese di maggio, secondo il nostro Panel, si ? registrata una lieve flessione nella media degli sconti riferiti alle vetture a gas, ovvia conseguenza dell?aumento di richiesta delle bifuel, mentre per le vetture a benzina la scontistica ? stabile ed ? in aumento per le vetture diesel. Notevole, e forse un tantino eccessiva, l?indicazione riferita agli sconti medi praticati al Nord per le vetture a gasolio, cos? come sopra la media sono anche gli sconti per le vetture benzina-Gpl. Ove ve ne fosse bisogno, ? evidente la forte pressione esercitata dai Dealer per convincere i clienti a fare l?acquisto.

Il Diesel viaggia sempre oltre il 50%

DIESEL
Periodo Maggio 2012 Aprile 2012
? CONSEGNE ORDINI CONSEGNE ORDINI
NORD 49,80% 48,78% 49,98% 48,79%
CENTRO 53,74% 52,30% 53,44% 52,94%
SUD E ISOLE 50,05% 49,62% 53,81% 53,47%
MEDIA 51,20% 50,23% 52,41% 51,73%

La domanda di vetture a gasolio ? sempre molto sostenuta, come conferma peraltro la suddivisione per tipo di alimentazione. Le Diesel hanno il fascino dell?economia di esercizio e ora, con la nuova campagna avviata dalla Fiat che offre il carburante a 1 euro al litro ai nuovi acquirenti sar? interessante vedere se i potenziali clienti delle vetture a gasolio si orienteranno sui benzina, tenuto conto che per l?uno e per l?altro carburante pagheranno la stessa cifra.

Mercato, stock, Km0: chi vince al gioco dell’oca?

Ci risiamo. Il mercato ha dato numeri buoni a luglio, eccellenti ad agosto, il solito mese jolly. Un’estate apparentemente a gonfie vele, in Italia - in Europa  è stata addirittura clamorosa.  L’effetto Wltp, si è subito detto, ben sapendo quello che si diceva. Ovvero: la spinta delle campagne promosse da Concessionari e Case per smaltire gli stock di auto non conformi alle nuove procedure di omologazione in vigore dal 1° settembre ha prodotto quei volumi e quelle percentuali di crescita. Il punto è che, una volta di più, c’è da chiedersi se immatricolazione sia sinonimo di vendita. A occhio, non lo è, specie se si parla di vendita al cliente privato - che continua a tenersi abbastanza lontano dal mercato. Dunque, il giro appare essere il solito: si sono smaltiti gli stock rimpinguando altri stock. Che, in un modo o nell’altro, vanno a rimpinguare la flotta delle Km0, in carico ai Concessionari. Ad agosto, le Case non hanno praticamente fatto auto-immatricolazioni (e Fiat ha sacrificato così il 1° posto di Panda nella classifica dei modelli più venduti). I Dealer ne hanno fatto il 44,28% in più rispetto al 2017 - senza contare le 1.835 immatricolazioni intestate alle proprie società di noleggio a breve termine. Negli 8 mesi del 2018, sono arrivati a quota 160mila (+22.000 circa sul 2017), a fronte del -25,6% di quelle delle Case (-19.000 unità). I dati sono di Data Force e dicono che i vasi continuano a comunicare: da una parte le auto-immatricolazioni calano, dall’altra crescono. Che si tratti di forzature, lo lasciamo dire a chi le fa e poi se ne lamenta. Che il mercato finirà per pagare questo gioco è fuor di dubbio. Resta da capire quando. La speranza è che non sia necessario sedere sulla riva del fiume, per capire quando accadrà.

xxxxxx

Nessuna nuova sul fronte delle rappresentanze dei Dealer. Il che non è una buona nuova. Le strade, tra Federauto e i promotori della nuova associazione, si sono definitivamente separate con lo scambio di lettere di inzio estate. Posizioni inconciliabili, dialogo inesistente. Fine della possibile collaborazione. Che era la strada auspicata da qualcuno, all’interno della compagnia dei “fuoriusciti”: la Federauto a fare la propria politica, il nuovo gruppo con funzione di task force e l’incarico di occuparsi di uno dei tanti temi che incombono sul business e sugli imprenditori che lo portano avanti. Oggi lo spettro dell’aumento dell’Iva, domani quello del Regolamento europeo - solo per citare due delle aree di intervento in cui il lavoro di lobby potrebbe (avrebbe potuto?) risultare più che utile. Ma no: separati nella stessa casa, si procederà così.

Leggi tutto...