I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

Continua il periodo-no del nostro Panel, che dopo aver mancato il bersaglio in gennaio, per febbraio ha nuovamente mostrato un eccesso di ottimismo, indicando 117.461 immatricolazioni contro le effettive 108.419 registrate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Non per difendere l?operato dei Concessionari che accettano di aiutarci a definire il possibile mercato del mese, ma va detto che anche i pi? conservativi non si aspettavano un inizio di anno cos? negativo, con flessioni a doppia cifra che fanno seguito ad altre flessioni della stessa dimensione. E aggiungiamo anche - ma questo non depone a favore della previsione troppo ottimistica - che le immatricolazioni degli ultimi tre giorni del mese di febbraio hanno superato la soglia del 45%, dando all?intero mese un colore grigio scuro, che di fatto fa immaginare che senza quello scatto di reni artificiale del finale del mese il mercato di febbraio sarebbe stato assai pi? drammatico rispetto a quel che ? stato messo insieme dalle Case e dalle Reti a costo di forti sacrifici. Ora, per marzo, il nostro Panel, frutto delle previsioni dei Concessionari, indica 120.200 immatricolazioni, con una flessione del 13,41% e una raccolta ordini di 127.304 contratti, anche qui con una flessione a due cifre (-16,87%) pi? pesante rispetto a quanto indicato per le immatricolazioni di nuove vetture. A questo punto non resta che attendere il 2 aprile per sapere se anche per il terzo mese dell?anno il Panel avr? mancato la previsione. Il quadro di quanto ha espresso la raccolta delle schede viene completato da alcune altre previsioni. Per quanto riguarda le Km0 l?indicazione ? di 7.609 unit?, pari al 6,33% dell?immatricolato di marzo, mentre per febbraio il dato dice 8.251 unit?, pari al 7,61%. Interessante anche l?indicazione della quota attesa per le versioni bifuel (benzina con Gpl o con metano) che dovrebbe ammontare al 16,06% del totale mercato. Come al solito, abbiamo posto poi una domanda specifica ai nostri ?panelisti?, questa volta chiedendo se l?attuale rapporto con le banche era migliorato rispetto all?anno precedente. La risposta ? stata emblematica: il 92,5% di coloro che hanno risposto hanno detto che il rapporto non era migliorato, confermando - ove ve ne fosse bisogno - che le banche continuano a non fare il loro dovere con il mondo dell?auto, di fatto bloccando la ruota che potr? cominciare nuovamente a girare solo in presenza di un ritorno ad un pi? ragionevole impiego del credito al consumo. A parte quanto indicato in sede previsionale dal nostro Panel di Concessionari, c?? da registrare un diffuso pessimismo espresso dagli organi di governo delle associazioni. Unrae, Anfia e Federauto, in rappresentanza rispettivamente delle Case estere, della filiera dei produttori nazionali e delle Reti di vendita, hanno infatti evidenziato la totale assenza di segnali che possano in qualche modo ricondurre ad un avvio di dialogo con le istituzioni, in vista della nascita del nuovo Governo che non potr? non tenere conto del comparto dell?automobile e delle sue sacrosante richieste.

In flessione gli sconti per benzina e Diesel, non il Gpl

?

Periodo Febbraio 2013 Gennaio 2013
BENZINA DIESEL GPL BENZINA DIESEL GPL
Nord 13,02% 13,27% 13,82% 14,22% 14,22% 14,48%
Centro 12,53% 12,00% 12,20% 12,23% 12,29% 10,08%
Sud e Isole 15,20% 15,17% 14,09% 15,85% 15,72% 15,15%
Media 13,58% 13,48% 13,37% 14,10% 14,07% 13,23%

Gli sconti stabilmente a doppia cifra al Nord, al Centro, al Sud e nelle isole hanno registrato - per marzo - qualche lieve contrazione, fatta eccezione per il Gpl, che essendo l?unico tipo di motorizzazione ad interessare una parte significativa dei potenziali clienti, ha fatto registrare una sia pur lieve crescita. Interessante rilevare come lo sconto medio indicato per le regioni del Centro del Paese siano lievemente inferiori rispetto a quelli indicati per le altre due aree Nielsen, con le quali ? consuetudine suddividere il nostro mercato.

Motorizzazioni a gasolio in notevole ripresa

Periodo Febbraio 2013 Gennaio 2013
CONSEGNE ORDINI CONSEGNE ORDINI
Nord 51,96% 48,07% 48,16% 45,41%
Centro 58,55% 54,25% 51,05% 51,54%
Sud e Isole 58,02% 58,29% 46,89% 47,58%
Media 56,18% 53,53% 48,70% 48,18%

Sempre mantenendo la suddivisione del Paese nelle tre aree Nielsen, si rileva - ovviamente a livello previsionale - una forte tendenza al recupero delle motorizzazioni a gasolio rispetto alle altre. Nei confronti del mese di gennaio, infatti, si rileva un significativo balzo in avanti? del gasolio sia per le consegne aumentate sino a 12 punti in pi?, trasformando medie piuttosto equilibrate in medie decisamente fuori dalla norma, sia per gli ordini che per? crescono in modo assai pi? contenuto.

Altri articoli...

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...