I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

Per il mese di aprile, dalle schede che il nostro Panel di Concessionari ci ha fatto pervenire, emerge una media di 122.671 immatricolazioni, cosa che segnerebbe una flessione ad una sola cifra (-5,9%) rispetto all?analogo mese dello scorso anno. ? un dato che indica un valore assai pi? basso di quello portato a bilancio negli anni precedenti, anche in periodo di crisi g? concretizzata: 158.171 furono infatti le targhe consegnate nell?aprile del 2011 e 130.321 nell?analogo mese dello scorso anno. Guardare indietro, comunque, serve a poco. La flessione ad una sola cifra, dopo le tante cadute ben pi? gravi registrate dal dicembre 2011 a tutto il febbraio di quest?anno (15 consecutivi in totale) potrebbe rianimare un poco l?esangue mercato nazionale, a patto che poi i dati ufficiali forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti confermino quanto previsto dal nostro Panel, che per il mese di marzo si era dimostrato eccessivamente pessimista con la sua previsione di 120.200 immatricolazioni messa a confronto con la realt? delle 132.020 targhe consegnate e quindi con una flessione del solo 4,9%: sappiamo bene che il confronto con il marzo 2012 non era da considerarsi normale, poich? si confrontava con un periodo vessato dagli scioperi delle bisarche, cosa che paralizz? per un certo tempo il mercato, bloccando le consegne e quindi le immatricolazioni. Ma il nostro Panel ha dato anche altre indicazioni, che qui ci accingiamo a ricordare. Intanto, per gli ordini si manifesta un?improvvisa ventata di ottimismo, con l?indicazione di 113.956 contratti, l?1,6% in pi? rispetto a quanto registrarono Anfia e Unrae nell?aprile del 2012. Quanto ai Km0 la previsione media di aprile ? di 5.815 unit?, equivalente ad una quota del 4,7% dell?immatricolato complessivo previsto dal Panel. A proposito di Km0, ?malattia? che continua a colpire senza ritegno il mercato nazionale, il consuntivo indicato dal Panel per il mese di marzo ? di 8.608 unit?, pari ad una quota del mercato di marzo del 6,5%. Interessante anche la quota prevista per aprile dell?immatricolazione di vetture bifuel (benzina-Gpl e benzina-Metano) indicata in un ricco 16,2% del totale immatricolato. Per pura curiosit?, segnaliamo che il mercato ufficiale, nei primi tre mesi dell?anno in corso, riporta una quota del 14%, che ? la somma dei benzina-Gpl (9,1%) e dei benzina-Metano (4,9%). Il sondaggio mensile proposto al Panel di questo mese era incentrato sul rapporto del venduto fra nuovo ed usato registrato nel primo trimestre dell?anno. Ci ha un po? sorpreso quanto ? emerso dalle risposte dei Concessionari interpellati, che hanno dato i seguenti due valori: vendite nuovo 61,4%, vendite usato 38,6%. Per rispetto al lavoro del nostro Panel riportiamo le indicazioni, anche se poi ad una verifica dei dati dei passaggi di propriet? effettivi (minivolture escluse) di Aci-Pra e alle immatricolazioni fornite dal ministero i due valori risultano essere i seguenti, per il trimestre iniziale dell?anno: vendite nuovo 34,8%, vendite usato 65,2%. Aggiungiamo che Aci-Pra, nel suo comunicato, afferma che ogni 100 vetture nuove se ne sono vendute 178 usate.

Sconti nel caos per colpa di un mercato paralizzato

Periodo Marzo 2013 Febbraio 2013
Benzina Diesel Gpl Benzina Diesel Gpl
Nord 13,52% 13,79% 14,53% 13,02% 13,27% 13,82%
Centro 11,92% 11,68% 11,54% 12,53% 12,00% 12,20%
Sud e isole 16,76% 17,06% 14,82% 15,20% 15,17% 14,09%
Media 14,07% 14,18% 13,63% 13,58% 13,48% 13,37%

Ormai appare sempre pi? complicato, da parte dei Dealer del nostro Panel, fornire indicazioni significative sulle dimensioni degli sconti, al punto che abbiamo ricevuto anche messaggi polemici su questo argomento. In attesa di riformulare in modo pi? esaustivo ci? che intendiamo noi per ?sconto? (cosa che ci accingiamo a fare per comunicarlo poi ai ?panelisti?) proponiamo ancora i valori emersi dalle indicazioni giunte in redazione.

Il Gasolio resta al vertice della domanda

Periodo Marzo 2013 Febbraio 2013
Consegne Ordini Consegne Ordini
Nord 50,55% 49,96% 51,96% 48,07%
Centro 58,33% 53,79% 58,55% 54,25%
Sud e Isole 53,55% 52,74% 58,02% 58,29%
Media 54,14% 52,16% 56,18% 53,53%

Ordini e consegne di vetture Diesel continuano ad essere al vertice delle scelte delle motorizzazioni, come appare evidente nel quadro che riassume lo stato nelle tre aree prese in considerazione. Fa un poco effetto quel 58,3% delle consegne indicato per le regioni del Centro del Paese e va messa in evidenza la contrazione di marzo rispetto al precedente mese di febbraio. Tutto ci?, in coerenza con quanto avviene a livello nazionale, con le immatricolazioni dei Diesel a quota 54,7% in marzo e al 53,8% nel primo trimestre dell?anno.

Altri articoli...

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...