I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

Dopo la buona prova di settembre con l’obiettivo mancato del -3,3%, il Panel, con la sua previsione, si avvicina ancora di più al bersaglio sfiorando le vendite di ottobre per sole 1.500 unità o poco più, uno scostamento del -0,96% rispetto alle 157.900 consegne comunicate dal Ministero dei Trasporti. Il rallentamento di ottobre (+7,1% rispetto al +10,3% di ottobre 2016) non sembra poter comunque precludere quelli che sono gli obiettivi previsti dagli addetti ai lavori: si sfioreranno quest’anno i 2.000.000 di immatricolazioni ma, salvo colpi di coda di Km0 e auto-immatricolazioni degli ultimi tre giorni del mese, non si supereranno. È quanto emerge sia dai pronostici di Unrae (1.980.000 unità), sia dalla nostra previsione di luglio (1.978.308 consegne), maturata, quest’ultima, dalla media delle previsioni delle Case, da noi interpellate. Il totale venduto supererà comunque le vendite del 2010, ultimo anno in cui si applicarono gli incentivi statali. Analizzando la struttura del mercato, vediamo una leggera ripresa su base mensile dei Privati che si riappropriano del -3,9% perso a settembre con una analoga crescita ad ottobre (+4% su ottobre 2016). Rimane in negativo il cumulato con un calo dell’1,5% rispetto ai primi nove mesi del 2016. Chiusa la stagione estiva, il ridimensionamento dei noleggi a breve (dal +93% di settembre al +11% di ottobre) mantiene comunque uno scenario generale similare a quello che ha caratterizzato tutto il 2017: Privati sulla linea di galleggiamento e mercato sostenuto principalmente da Noleggi (+13% a ottobre e +18% nei 9 mesi) e Società (+10,1% e +31,2%).

 

Per quanto riguarda le previsioni di novembre si rimane in territorio positivo, anche se la crescita pronosticata dal Panel non è particolarmente sostanziosa, +2,90%, pari a 150.643 vendite rispetto alle 146.399 del novembre 2016, uno scarto, in termini unitari, di poco più di 4.000 vendite. Il Panel si muove quindi con prudenza, forse influenzato dal rallentamento della crescita a ottobre e dalla parità di giorni lavorativi novembre su novembre, nonché dalla staticità dei preventivi convertiti in ordini in concessionaria che perdono quasi mezzo punto percentuale rispetto ad ottobre. Poco rilevante anche la crescita prevista per gli ordini di novembre, +1,50% su novembre 2016. Tre punti percentuali in più, invece, per le auto ad alimentazione alternativa che, secondo il Panel, costituiranno l’11,4% del mercato di novembre. Riguardo le Km0, spina nel fianco del nostro mercato, vengono viste in forte calo, stando alle previsioni non arriveranno al 7% del venduto, nonostante a ottobre abbiano superato l’11%. Nel sondaggio del mese l’89% del Panel pensa che nel 2018, seppur con una leggera crescita, si confermeranno i numeri del 2017. Verte sull’elettrico invece il sondaggio per il quale si può ancora votare sul nostro sito www.interautonews.it. Mentre andiamo in stampa, per il 62,5% dei nostri utenti la quota di auto elettriche circolanti nell’anno 2025 si aggirerà tra il 5% e il 10%, mentre per il 37,5% supererà il 10%. Nessun utente ha scelto, invece, la fascia 0-5%.

Nonostante l’autunno inoltrato, a livello nazionale non si muove una foglia sul fronte degli sconti per tutte le alimentazioni, con variazioni, sia positive sia negative, che non raggiungono il punto percentuale. Aumento, ad ottobre, solo per le auto a benzina (+0,43 punti) mentre è statico il diesel (+0,1) e in calo le alternative (-0,83 punti) rispetto al mese precedente. Nell’analisi delle aree geografiche spiccano i 2,04 punti percentuali in più al Nord per le benzina e i -2,17 punti delle alternative al Centro, dove comunque gli sconti diminuiscono per tutte le alimentazioni.

Curioso, invece, l’andamento del mercato del diesel che, sulla base di quanto comunicatoci dal Panel, passa da mesi di calma piatta (luglio) a riprese tonificanti (settembre), per poi crollare, come è successo a ottobre, mese che, a livello nazionale, ha visto pesanti diminuzioni sia per le consegne (oltre 9 punti percentuali in meno), sia per gli ordini (-12,73%). Fra le aree geografiche la vera débâcle riguarda il Centro con diminuzioni di 18 punti percentuali per le consegne e oltre 28 per gli ordinativi.

Altri articoli...

Concessionari ad un bivio, non solo nel business

Federauto ha dunque scelto di procedere secondo consuetudine e ha eletto un uomo di apparato, Adolfo De Stefani Cosentino, quale suo nuovo presidente. Contestualmente, la Federazione dei Concessionari ha annunciato di aver “varato il processo di evoluzione” che la porterà “verso un nuovo assetto organizzativo in sinergia con la struttura centrale e territoriale della Confcommercio”. Ha affermato che “intende rafforzare l’azione sindacale di rappresentanza a difesa delle imprese concessionarie in una fase storica delicata e densa di trasformazioni, che chiama in causa l’interesse dei Dealer a prescindere dalla loro dimensione”. Ha informato che le cariche sociali sono state rinnovate: i vice-presidenti saranno Francesco Ascani, Cesare De Lorenzi, Gianandrea Ferrajoli e Maurizio Spera, mentre nel nuovo Comitato Esecutivo entrano a far parte anche Roberto Bolciaghi e Marco Oetiker. Resta inoltre aperta “la possibilità di procedere ad ulteriori nomine nell’ambito del Comitato Esecutivo”. Prime parole post-elezione da parte del neo-presidente De Stefani Cosentino, al netto dei ringraziamenti: “Ci aspetta un lavoro molto impegnativo in cui sarà importante lo spirito di squadra. Abbiamo davanti a noi sfide ineludibili su cui la nostra categoria deve giocare una partita in prima linea. Questo a partire dal tema dei futuri rapporti contrattuali con le Case rappresentate, passando per temi altrettanto importanti quali l’effetto disintermediativo svolto da altri player del mercato, l’evoluzione della mobilità e la fiscalità specifica dell’automotive”.

Leggi tutto...