I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Articoli

Una chiusura di anno all’insegna della prudenza per il nostro Panel il quale, avendo previsto per lo scorso mese di dicembre poco meno di 118.000 vendite, lascia infine sul campo un -5,3% di differenza rispetto a quanto poi consuntivato dal Ministero dei Trasporti, 124.438 unità. Un risultato che è forse lo specchio di quanto successo lungo tutto il corso del 2016, annata caratterizzata da diverse crescite mensili a doppia cifra, spinte soprattutto dalle forti promozioni attuate dalle Case nella prima parte d’esercizio e dallo spauracchio della cessazione del superammortamento sul finale, che ha spinto non poco le vendite a Società. Le (consistenti) quote mensili di autoimmatricolazioni, consegne di autovetture a Km0 e vendite degli ultimi tre giorni lavorativi di ogni mese, completano il quadro di un’annata che chiude sì in maniera positiva, +15,8% sul 2015, ma certamente di laboriosa interpretazione, con un 2017 che si prepara a essere la vera cartina al tornasole della salute del nostro mercato. In particolare sarà importante capire se, ora che le vendite a Società risentiranno probabilmente del ridimensionamento del superammortamento, il settore dei Privati, che ha chiuso l’anno con un buon +13,0%, riuscirà a tenere botta e a sostenere il mercato insieme al Noleggio, settore in lenta ma costante crescita (+16,6%). E come si è chiuso il 2016, anche il nuovo anno inizia, per il Panel, all’insegna della cautela. I nostri Concessionari vedono una partenza positiva, ma con dimensioni contenute. Le previsioni per gennaio 2017, che, bisogna dirlo, presenta due giorni lavorativi in più, è infatti di 161.321 unità, con una crescita del 3,51% sul gennaio del 2016, che a sua volta aveva registrato un  +17,4% sulle vendite di gennaio 2015. In misura analoga è previsto anche l’aumento degli ordini, +3,49%. Si comincia bene, quindi, ma con prudenza. Diminuisce il numero di Km0 previsto per questo mese, 7,29%, in calo di quasi un punto e mezzo percentuale rispetto a quanto avvenuto nell’ultimo mese del 2016, quando le Km0 costituirono l’8,75% del totale mercato. Riguardo la quota mensile di preventivi convertiti in ordini, c’è stato un calo a dicembre, la percentuale è scesa al di sotto del 40%, dopo che a novembre lo share si era attestato a oltre il 42%. Due sono infine i sondaggi che abbiamo proposto ai nostri lettori. Al Panel abbiamo chiesto quale sarà il segmento che registrerà la miglior performance nel 2017 e i nostri Concessionari hanno confermato il risultato di quanto avvenuto nel 2016, anno nel quale è stato il segmento C delle Compatte a registrare l’aumento percentuale maggiore. Il 40% dei votanti si è espresso a favore del segmento C, il 39% delle preferenze sono state per il  B, come a dire che le medio-piccole sono sempre nel cuore degli italiani. I Suv sono stati scelti dall’11% dei votanti. Segmento A e Crossover si appaiano con il 4% dei voti, mentre solo il 2% dice Segmento D. Il sondaggio sul nostro sito verte invece sul noleggio a lungo termine. Crescerà nel 2017? I nostri lettori non hanno dubbi, per l’80% è sì.

Piccole variazioni nel Paese, a dicembre, per gli sconti per tutte le alimentazioni. Leggero calo per le Benzina, -0,33 punti percentuali rispetto a novembre, mentre la diminuzione per le Gpl supera il punto percentuale. Aumentano gli sconti per il Diesel, ma per meno di mezzo punto. Nelle aree geografiche aumento sotto il punto percentuale al Centro per Benzina e al Nord per Gpl, mentre al Centro gli sconti per il Diesel crescono di quasi 3,5 punti. La diminuzione più consistente è invece quella del Gpl nel Sud/Isole con quasi tre punti in meno.

 

Sempre a dicembre diminuzione sia nelle consegne sia negli ordini di Diesel. Le consegne perdono quasi quattro punti rispetto a novembre, e gli ordini poco meno di un punto e mezzo di percentuale. Nell’analisi delle aree geografiche, spiccano i quasi cinque punti di diminuzione delle consegne al Nord, ma soprattutto gli oltre sette punti percentuali in meno relativi alle consegne al Centro. Gli unici dati positivi riguardano le consegne al Sud e gli ordini al Centro con crescite però al di sotto del mero punto percentuale.

Altri articoli...

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...