I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

12 mesi 2019       Dicembre 2019    
1 Fiat Panda 138.132   1 Fiat Panda 10.434
2 Lancia Ypsilon 58.759   2 Smart Fortwo 6.902
3 Dacia Duster 43.701   3 Dacia Duster 3.950
4 Fiat 500X 42.554   4 Lancia Ypsilon 3.922
5 Renault Clio 41.792   5 Renault Captur 3.807
6 Jeep Renegade 41.683   6 Jeep Compass 2.844
7 Citroën C3 41.646   7 Fiat 500X 2.747
8 Volkswagen T-Roc 39.600   8 Renault Clio 2.740
9 Toyota Yaris 36.805   9 Jeep Renegade 2.706
10 Jeep Compass 35.568   10 Dacia Sandero 2.606
             
BENZINA 12 mesi 2019       BENZINA Dicembre 2019    
1 Fiat Panda 110.187   1 Fiat Panda 8.430
2 Lancia Ypsilon 38.995   2 Smart Fortwo 6.663
3 Citroën C3 30.422   3 Renault Captur 3.452
4 Fiat 500 29.993   4 Suzuki Vitara 2.469
5 Smart Fortwo 23.674   5 Lancia Ypsilon 2.354
6 Volkswagen Polo 23.123   6 Renault Clio 1.857
7 Peugeot 208 21.723   7 Citroën C3 1.791
8 Ford Ecosport 21.080   8 Ford Fiesta 1.753
9 Volkswagen T-Roc 20.321   9 Dacia Sandero 1.719
10 Ford Fiesta 20.240   10 Volkswagen Polo 1.566
             
DIESEL 12 mesi 2019       DIESEL Dicembre 2019    
1 Jeep Compass 30.386   1 Jeep Compass 2.397
2 Jeep Renegade 28.625   2 Peugeot 3008 2.019
3 Fiat 500X 26.158   3 Mercedes Classe A 1.743
4 Peugeot 3008 21.567   4 Jeep Renegade 1.734
5 Nissan Qashqai 21.186   5 Fiat 500X 1.612
6 Volkswagen Tiguan 19.932   6 Volkswagen T-Roc 1.276
7 Renault Clio 19.420   7 Alfa Romeo Stelvio 1.260
8 Volkswagen T-Roc 19.279   8 Ford Kuga 1.158
9 Fiat 500-L 18.906   9 Fiat Tipo 1.135
10 Fiat Tipo 18.835   10 Nissan Qashqai 1.039
             
METANO 12 mesi 2019       METANO Dicembre 2019    
1 Volkswagen Golf 5.745   1 Volkswagen Golf 688
2 Volkswagen up! 5.629   2 Seat Arona 469
3 Fiat Panda 4.667   3 Volkswagen Polo 344
4 Seat Arona 3.901   4 Fiat Qubo 321
5 Volkswagen Polo 3.402   5 Volkswagen up! 297
6 Skoda Octavia 2.902   6 Fiat Panda 296
7 Seat Ibiza 1.994   7 Skoda Octavia 285
8 Fiat Qubo 1.729   8 Audi A3 228
9 Audi A3 1.551   9 Seat Ibiza 155
10 Opel Astra 1.392   10 Seat Leon 132
             
GPL 12 mesi 2019       GPL Dicembre 2019    
1 Dacia Duster 23.398   1 Dacia Duster 2.972
2 Fiat Panda 21.391   2 Fiat Panda 1.706
3 Lancia Ypsilon 18.409   3 Lancia Ypsilon 1.518
4 Dacia Sandero 11.551   4 Kia Stonic 437
5 Opel Corsa 10.736   5 Kia Picanto 407
6 Renault Clio 5.419   6 Hyundai ix20 385
7 Kia Stonic 4.960   7 Hyundai i10 356
8 Fiat 500 4.930   8 Ford Fiesta 312
9 Kia Picanto 4.763   9 Fiat 500 301
10 Opel Mokka 3.820   10 Kia Sportage 283
             
IBRIDE 12 mesi 2019       IBRIDE Dicembre 2019    
1 Toyota Yaris 24.083   1 Toyota Yaris 1.281
2 Toyota CH-R 15.520   2 Toyota CH-R 959
3 Toyota Rav4 10.231   3 Toyota Corolla 777
4 Toyota Corolla 8.889   4 Toyota Rav4 646
5 Land Rover R.R. Evoque 5.125   5 Land Rover R.R. Evoque 553
6 Suzuki Ignis 4.601   6 Lexus UX 422
7 Audi A6 4.591   7 Audi A6 416
8 Kia Niro 4.374   8 Suzuki Ignis 368
9 Suzuki Swift 4.259   9 Audi A4 361
10 Lexus UX 3.118   10 Hyundai Tucson 335
             
ELETTRICHE 12 mesi 2019       ELETTRICHE Dicembre 2019    
1 Smart Fortwo 2.359   1 Tesla Model 3 296
2 Renault Zoe 2.180   2 Smart Fortwo 239
3 Tesla Model 3 1.943   3 Hyundai Kona 56
4 Nissan Leaf 1.266   4 Nissan Leaf 55
5 Smart Forfour 613   5 Tesla Model X 40
6 BMW i3 487   6 Renault Zoe 39
7 Hyundai Kona 470   7 BMW i3 36
8 Tesla Model S 258   8 Smart Forfour 35
9 Tesla Model X 249   9 Tesla Model S 28
10 Jaguar I-Pace 211   10 Citroën C-Zero 4

Manifesto per chi vuole resistere

Nulla sarà più come prima, è il mantra che ci stiamo ripetendo davanti all’ignoto e ai relativi interrogativi – quando finirà? E come sarà quella che allora chiameremo “normalità”? – generati dalla pandemia di Coronavirus. E la storia del mondo domani o dopo potrà essere datata a.C. (avanti Coronavirus) e d.C. (dopo Coronavirus).
Non sfugge, né sfuggirà, a tale destino il mondo automotive a livello globale, ben dentro la tempesta perfetta. Sorpreso, travolto, molto preoccupato. Fabbriche chiuse, concessionarie chiuse, tutto fermo, immobile. Scenario di guerra. 
Il dramma – che è molto vicino a essere una tragedia – non è uguale per tutti. Soffrono tutti, ma qualcuno di più: per restare all’Italia, il comparto della distribuzione auto. Il colpo subìto lo ha messo in ginocchio, la terra non è mai stata tanto vicina. Nell’intervista che pubblichiamo, Adolfo De Stefani Cosentino, presidente dei Concessionari, dice tra l’altro: “Tra il 10% e il 20% delle aziende è a rischio chiusura”. Il Governo ha varato provvedimenti per le imprese ritenuti inadeguati dai Dealer, non idonei alla loro realtà: con fermezza e chiarezza gli è stato fatto notare, si aspettano risposte. Il Governo anche su questo tavolo si gioca la faccia, ma i Concessionari ci si giocano la vita. Non è lo stesso gioco. Insistere, e resistere: è ciò che la Federazione farà, e si spera che lo facciano anche le Case auto. Se davvero si è partner, alla guerra si va insieme.
Ma poi non c’è a.C. senza d.C. E il dopo, quella “normalità” per nulla somigliante alla normalità che fino a ieri abbiamo praticato, forse non è immaginabile, ma desiderabile certo lo è. Può bastare, per resistere. Per conservare o ritrovare la voglia di combattere. Esploratori dell’ignoto, forse in numero ridotto, ma sul pezzo, con rabbia e per amore (del proprio lavoro, dell’impresa che hanno ereditato o creato dal nulla): i Concessionari ci saranno.
Come tutti noi, oggi sono reclusi ma non per forza esclusi. Dal domani, quando verrà.
@