I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

 

Top 10 BENZINA 9 mesi 2017     Top 10 BENZINA Settembre 2017  
1 Fiat Panda 78.842   1 Fiat Panda 8.326
2 Fiat 500 35.356   2 Fiat 500 3.596
3 Lancia Ypsilon 32.149   3 Lancia Ypsilon 3.327
4 Volkswagen Polo 18.269   4 Volkswagen Polo 1.781
5 Citroën C3 15.425   5 Peugeot 208 1.415
6 Smart Fortwo 14.109   6 Citroën C3 1.407
7 Fiat Punto 13.284   7 Smart Fortwo 1.344
8 Renault Clio 12.807   8 Hyundai i10 1.287
9 Peugeot 208 12.136   9 Toyota Aygo 1.098
10 Opel Corsa 10.930   10 Toyota Yaris 1.026
             
Top 10 DIESEL 9 mesi 2017     Top 10 DIESEL Settembre 2017  
1 Fiat Tipo 33.418   1 Fiat Tipo 3.490
2 Fiat 500X 29.862   2 Fiat 500X 3.277
3 Fiat 500L 29.208   3 Fiat 500L 3.002
4 Jeep Renegade 25.843   4 Jeep Renegade 2.603
5 Renault Clio 24.161   5 Volkswagen Golf 2.525
6 Nissan Qashqai 23.701   6 Fiat Panda 2.445
7 Fiat Panda 21.769   7 Volkswagen Tiguan 2.420
8 Volkswagen Golf 21.690   8 Renault Clio 2.272
9 Volkswagen Tiguan 20.928   9 Nissan Qashqai 2.186
10 Ford Fiesta 19.348   10 Hyundai Tucson 2.003
             
Top 10 METANO 9 mesi 2017     Top 10 METANO Settembre 2017  
1 Fiat Panda 5.323   1 Volkswagen Golf 983
2 Volkswagen Golf 3.246   2 Fiat Panda 621
3 Fiat Punto 3.003   3 Volkswagen up! 450
4 Volkswagen up! 2.685   4 Skoda Octavia 334
5 Skoda Octavia 2.268   5 Fiat Punto 179
6 Lancia Ypsilon 1.130   6 Lancia Ypsilon 103
7 Seat Leon 1.094   7 Audi A3 97
8 Fiat Qubo 1.058   8 Seat Leon 72
9 Fiat 500L 982   9 Fiat 500L 67
10 Audi A3 580   10 Fiat Qubo 64
             
Top Ten GPL 9 mesi 2017     Top Ten GPL Settembre 2017  
1 Fiat Panda 8.082   1 Fiat Panda 1.063
2 Lancia Ypsilon 8.041   2 Opel Corsa 972
3 Opel Corsa 7.986   3 Lancia Ypsilon 681
4 Ford Fiesta 6.947   4 Dacia Duster 668
5 Dacia Duster 6.568   5 Renault Clio 516
6 Dacia Sandero 5.967   6 Fiat 500X 450
7 Renault Clio 5.754   7 Citroën C3 426
8 Fiat Tipo 5.124   8 Ford B-Max 403
9 Fiat Punto 3.863   9 Fiat Tipo 380
10 Opel Mokka 3.785   10 Opel Mokka 372
             
Top Ten IBRIDE 9 mesi 2017     Top Ten IBRIDE Settembre 2017  
1 Toyota Yaris 14.458   1 Toyota Yaris 1.972
2 Toyota C-HR 12.074   2 Toyota C-HR 1.080
3 Toyota Auris 6.295   3 Toyota Auris 635
4 Toyota Rav4 4.509   4 Toyota Rav4 528
5 Lexus NX 1.855   5 Lexus NX 377
6 Suzuki Ignis 1.838   6 Suzuki Ignis 245
7 Kia Niro 1.815   7 Suzuki Swift 241
8 Hyundai Ioniq 718   8 Kia Niro 180
9 Suzuki Swift 601   9 BMW Serie 2 89
10 Toyota Prius 519   10 Hyundai Ioniq 68
             
Top ELETTRICHE 9 mesi 2017     Top ELETTRICHE Settembre 2017  
1 Nissan Leaf 396   1 Renault Zoe 36
2 Renault Zoe 265   2 Tesla Model S 26
3 Tesla Model S 200   2 Tesla Model X 26
4 Tesla Model X 146   4 BMW i3 15
5 BMW i3 101   4 Nissan Leaf 15
6 Citroën C-Zero 69   6 Volkswagen up! 14
7 Smart ForTwo 65   7 Smart Fortwo 11
8 Volkswagen up! 40   8 Volkswagen Golf 8
9 Citroën E-Mehari 28   9 Citroën E-Mehari 7
10 Mercedes Classe B 22   10 Citroën C-Zero 5

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...