I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

  5 mesi 2019 5 mesi 2018 Diff. % Maggio 2019 Maggio 2018 Diff. %
Austria 143.380 154.846 -7,40 30.574 32.551 -6,07
Belgio 260.444 275.158 -5,35 51.081 54.999 -7,12
Bulgaria 15.068 14.496 3,95 3.641 3.308 10,07
Cipro 5.395 6.478 -16,72 1.120 1.231 -9,02
Croazia 29.983 29.700 0,95 9.160 8.760 4,57
Danimarca 101.908 98.500 3,46 19.178 22.648 -15,32
Estonia 11.509 11.624 -0,99 2.801 2.568 9,07
Finlandia 49.734 57.951 -14,18 10.884 12.487 -12,84
Francia 935.478 935.934 -0,05 193.948 191.702 1,17
Germania 1.523.769 1.497.723 1,74 332.962 305.057 9,15
Gran Bretagna 1.045.824 1.079.049 -3,08 183.724 192.649 -4,63
Grecia 52.424 49.741 5,39 13.832 12.467 10,95
Irlanda 79.316 85.868 -7,63 6.324 6.055 4,44
Italia 910.093 946.381 -3,83 197.307 199.692 -1,19
Lettonia 7.873 7.342 7,23 1.768 1.692 4,49
Lituania 18.940 12.745 48,61 4.245 3.138 35,28
Lussemburgo 25.924 25.028 3,58 5.415 5.361 1,01
Paesi Bassi 185.023 206.242 -10,29 36.830 36.710 0,33
Polonia 233.282 226.955 2,79 47.094 42.354 11,19
Portogallo 103.290 108.344 -4,66 22.724 23.634 -3,85
Repubblica Ceca 106.596 117.852 -9,55 24.059 25.720 -6,46
Romania 57.538 47.827 20,30 13.011 11.555 12,60
Slovacchia 42.679 42.424 0,60 9.888 9.674 2,21
Slovenia 33.053 34.299 -3,63 7.197 7.301 -1,42
Spagna 561.953 592.274 -5,12 125.625 135.525 -7,30
Svezia 136.052 159.299 -14,59 31.919 37.687 -15,31
Ungheria 60.963 56.543 7,82 14.207 12.873 10,36
Unione Europea* 6.737.491 6.880.623 -2,08 1.400.518 1.399.398 0,08
EU15 6.114.612 6.272.338 -2,51 1.262.327 1.269.224 -0,54
EU12 622.879 608.285 2,40 138.191 130.174 6,16
Islanda 5.935 9.287 -36,09 2.013 2.857 -29,54
Norvegia 62.857 60.900 3,21 13.117 13.046 0,54
Svizzera 128.745 126.434 1,83 28.060 27.826 0,84
EFTA 197.537 196.621 0,47 43.190 43.729 -1,23
Totale EU + EFTA 6.935.028 7.077.244 -2,01 1.443.708 1.443.127 0,04
       *i dati di Malta non sono attualmente disponibili      Fonte: National Automobile Dealers Association - Dati al 18/06/2019      

Se Torino va a Milano, e la politica gioca a fare autogol

Perciò Torino va a Milano, nel senso del Salone dell’auto che cambia residenza. Lascia la città che gli era propria, lascia la dimora, il Parco Valentino, che lo ha visto rinascere e prosperare e affermarsi addirittura come standard con il quale dovranno misurarsi da qui in avanti gli show dell’auto, laddove pochi, pochissimi, avrebbero scommesso sulla sua capacità di durare oltre due, tre edizioni. Sono state invece cinque, l’ultima delle quali illuminata dalla presenza di 700mila visitatori e di 54 Marchi auto. Un trionfo di pubblico e di critica. Poi, è entrata in scena la politica – bassa, rigorosamente con la minuscola. E Torino, perciò, se ne va a Milano. Naturalmente, il fulmine a ciel sereno scagliato da Andrea Levy, presidente del Salone, che annunciando il trasloco ha insieme fornito le date del primo appuntamento milanese e quella della conferenza stampa di presentazione, qualche dubbio consistente lo ha prodotto. Si è detto: non si può improvvisare su due piedi un trasloco di questa portata; e in Italia, poi, dove la burocrazia è padrona e per ottenere permessi ci possono volere anni; e per andare a Milano, infine, che ha un’agenda degli eventi in cui, per trovare un buco libero, bisogna fare i salti mortali… E ancora, si è detto, un imprenditore che ha dimostrato di saperci fare, e Andrea Levy lo è, procede per programmi, non per improvvisazioni o colpi di testa. Quindi, si è concluso, la decisione di lasciare Torino non nasce dall’ultimo scontro con l’amministrazione locale – il vicesindaco Guido Montanari in testa, con la sua “speranza nella grandine” affinché mandasse all’aria l’ultima edizione del Salone del Parco Valentino - ma era stata già presa da tempo, si aspettava solo un casus belli per metterla in atto, e il casus belli è puntualmente arrivato.

Leggi tutto...