I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

  4 mesi 2018 4 mesi 2017 Diff. % Apr. 2018 Apr. 2017 Diff. %
Austria 122.295 118.694 3,03 31.821 30.201 5,36
Belgio 220.159 215.841 2,00 54.602 51.132 6,79
Bulgaria 11.188 9.086 23,13 2.852 2.479 15,05
Cipro 5.247 4.728 10,98 1.058 1.088 -2,76
Croazia 20.927 17.065 22,63 7.068 6.255 13,00
Danimarca 75.675 77.532 -2,40 18.718 17.610 6,29
Estonia 9.056 7.949 13,93 2.424 2.206 9,88
Finlandia 45.459 42.525 6,90 11.044 9.399 17,50
Francia 744.232 712.925 4,39 187.390 171.871 9,03
Germania 1.192.666 1.135.381 5,05 314.055 290.697 8,04
Gran Bretagna 886.400 972.092 -8,82 167.911 152.076 10,41
Grecia 37.274 29.549 26,14 10.498 8.452 24,21
Irlanda 79.864 83.823 -4,72 8.077 7.841 3,01
Italia 745.945 744.131 0,24 171.379 160.969 6,47
Lettonia 5.650 5.481 3,08 1.465 1.417 3,39
Lituania 9.607 7.778 23,52 3.130 2.254 38,86
Lussemburgo 19.667 18.205 8,03 5.371 4.864 10,42
Paesi Bassi 170.313 148.880 14,40 34.290 29.183 17,50
Polonia 184.601 165.408 11,60 44.716 39.476 13,27
Portogallo 84.659 78.699 7,57 21.430 18.830 13,81
Repubblica Ceca 92.132 90.808 1,46 24.259 22.749 6,64
Romania 36.272 28.916 25,44 7.629 6.640 14,89
Slovacchia 32.750 30.086 8,85 8.407 7.272 15,61
Slovenia 26.998 24.691 9,34 6.592 6.001 9,85
Spagna 454.130 409.286 10,96 113.816 101.375 12,27
Svezia 121.612 119.880 1,44 34.215 30.476 12,27
Ungheria 43.664 33.028 32,20 12.056 8.681 38,88
Unione Europea* 5.478.442 5.332.467 2,74 1.306.273 1.191.494 9,63
EU15 5.000.350 4.907.443 1,89 1.184.617 1.084.976 9,18
EU12 478.092 425.024 12,49 121.656 106.518 14,21
Islanda 6.427 6.707 -4,17 1.812 2.054 -11,78
Norvegia 47.854 49.580 -3,48 14.055 11.339 23,95
Svizzera 98.608 98.584 0,02 26.519 25.815 2,73
EFTA 152.889 154.871 -1,28 42.386 39.208 8,11
Totale EU + EFTA 5.631.331 5.487.338 2,62 1.348.659 1.230.702 9,58
             
*i dati di Malta non sono attualmente disponibili      
Fonte: National Automobile Dealers Association - Dati al 17/05/2018      

Se Torino va a Milano, e la politica gioca a fare autogol

Perciò Torino va a Milano, nel senso del Salone dell’auto che cambia residenza. Lascia la città che gli era propria, lascia la dimora, il Parco Valentino, che lo ha visto rinascere e prosperare e affermarsi addirittura come standard con il quale dovranno misurarsi da qui in avanti gli show dell’auto, laddove pochi, pochissimi, avrebbero scommesso sulla sua capacità di durare oltre due, tre edizioni. Sono state invece cinque, l’ultima delle quali illuminata dalla presenza di 700mila visitatori e di 54 Marchi auto. Un trionfo di pubblico e di critica. Poi, è entrata in scena la politica – bassa, rigorosamente con la minuscola. E Torino, perciò, se ne va a Milano. Naturalmente, il fulmine a ciel sereno scagliato da Andrea Levy, presidente del Salone, che annunciando il trasloco ha insieme fornito le date del primo appuntamento milanese e quella della conferenza stampa di presentazione, qualche dubbio consistente lo ha prodotto. Si è detto: non si può improvvisare su due piedi un trasloco di questa portata; e in Italia, poi, dove la burocrazia è padrona e per ottenere permessi ci possono volere anni; e per andare a Milano, infine, che ha un’agenda degli eventi in cui, per trovare un buco libero, bisogna fare i salti mortali… E ancora, si è detto, un imprenditore che ha dimostrato di saperci fare, e Andrea Levy lo è, procede per programmi, non per improvvisazioni o colpi di testa. Quindi, si è concluso, la decisione di lasciare Torino non nasce dall’ultimo scontro con l’amministrazione locale – il vicesindaco Guido Montanari in testa, con la sua “speranza nella grandine” affinché mandasse all’aria l’ultima edizione del Salone del Parco Valentino - ma era stata già presa da tempo, si aspettava solo un casus belli per metterla in atto, e il casus belli è puntualmente arrivato.

Leggi tutto...