I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

 

  11 mesi 2017 11 mesi 2016 Diff. % Nov. 2017 Nov. 2016 Diff. %
Austria 327.669 303.942 7,81 29.547 25.491 15,91
Belgio 518.486 505.996 2,47 39.645 39.645 0,00
Bulgaria 28.180 22.815 23,52 3.082 1.983 55,42
Cipro 12.367 11.825 4,58 990 1.131 -12,47
Croazia 48.312 39.632 21,90 3.427 2.755 24,39
Danimarca 205.298 203.523 0,87 18.051 17.998 0,29
Estonia 23.522 21.125 11,35 2.100 1.837 14,32
Finlandia 110.512 110.849 -0,30 9.668 9.008 7,33
Francia 1.917.376 1.820.805 5,30 180.005 163.161 10,32
Germania 3.187.312 3.095.074 2,98 302.636 276.567 9,43
Gran Bretagna 2.388.144 2.514.764 -5,04 163.541 184.101 -11,17
Grecia 82.687 74.108 11,58 6.523 5.897 10,62
Irlanda 131.187 146.215 -10,28 686 754 -9,02
Italia 1.848.919 1.700.830 8,71 156.332 146.397 6,79
Lettonia 15.393 15.215 1,17 1.278 1.275 0,24
Lituania 23.898 18.902 26,43 2.425 1.541 57,37
Lussemburgo 49.931 47.496 5,13 4.389 3.838 14,36
Paesi Bassi 399.547 346.380 15,35 37.713 32.082 17,55
Polonia 437.178 372.402 17,39 41.210 37.191 10,81
Portogallo 205.079 190.342 7,74 17.629 16.483 6,95
Repubblica Ceca 251.628 237.780 5,82 22.925 23.161 -1,02
Romania 98.116 85.588 14,64 9.311 9.645 -3,46
Slovacchia 88.056 80.153 9,86 8.275 7.830 5,68
Slovenia 66.853 59.596 12,18 6.292 5.337 17,89
Spagna 1.131.988 1.050.121 7,80 104.170 92.653 12,43
Svezia 344.435 335.037 2,81 32.484 31.801 2,15
Ungheria 105.387 86.802 21,41 12.368 9.415 31,36
EU28* 14.047.460 13.497.317 4,08 1.216.702 1.148.977 5,89
EU15 12.848.570 12.445.482 3,24 1.103.019 1.045.876 5,46
EU12 1.198.890 1.051.835 13,98 113.683 103.101 10,26
Islanda 20.372 17.736 14,86 1.026 954 7,55
Norvegia 142.573 141.001 1,11 13.743 13.194 4,16
Svizzera 282.956 281.993 0,34 26.749 26.415 1,26
EFTA 445.901 440.730 1,17 41.518 40.563 2,35
Totale EU + EFTA 14.493.361 13.938.047 3,98 1.258.220 1.189.540 5,77

Dealer, quando la lotta fa bene alla pace

Dentro la sollevazione pronta e unitaria del settore auto italiano seguita all’introduzione dell’Ecotassa – sollevazione che è stata fin qui il solo e unico benefico effetto sortito dalla non comprensibile decisione del Governo – sono scomparsi d’incanto le turbolenze e il progetto di scissione all’interno del mondo delle rappresentanze dei Concessionari italiani. Una conquista enorme, considerato il clima dello scorso anno e i toni forti della diatriba.

Della nuova associazione dei Dealer non si parla più. Il che non significa che i grandi Gruppi abbiano perso la voglia (la forza non la perderanno certo) di essere attivi e pure rappresentativi: una delle richieste avanzate a Federauto prima dell’avvio della procedura di scissione di inizio estate 2018, all’epoca non accolta dal presidente De Stefani Cosentino, ovvero l’adesione diretta dei Concessionari alla Federazione, senza quindi l’obbligo di passare attraverso le associazioni di marca, è adesso argomento di pacata discussione (in corso) e le probabilità che ottenga il via libera sono più che alte – per non scontentare nessuno si potrà aderire alla Federazione sia tramite associazione di marca sia liberamente, l’una possibilità non escluderà l’altra. Un’apertura di dialogo concreta, sui fatti: buona notizia.

Ma c’è altro. In sede di Unione europea, dove si è almeno abituati, per cultura, ad ascoltare, è stata rappresentata da Federauto la delicata questione della vendita dei veicoli alle flotte da parte delle Case – a prezzi e condizioni che i Concessionari nemmeno si sognano, e soprattutto vendita diretta. E sempre per rimanere alla Ue, un intervento in quella sede per rappresentare le problematiche legate ai contratti tra Case e Concessionari (sul nodo del recesso, in particolare) era stata indicata tra le possibili azioni da intraprendere al più presto dai promotori della nuova Associazione, quando ancora sembrava che questa dovesse realizzarsi. 

Nel nuovo scenario di collaborazione che sembra aprirsi per il settore, potrebbe realizzarsi così compiutamente l’idea di quanti – tra i fondatori della nuova Associazione – non erano del tutto propensi alla scissione da Federauto né allo scontro, e immaginavano il nascente soggetto più come una task force cui affidare questo o quel compito particolare da portare a termine. Fiancheggiando la Rappresentanza ufficiale e non entrando con la stessa in rotta di collisione: ciascuno porta le proprie competenze, le proprie conoscenza e capacità e le mette a disposizione della collettività.

Leggi tutto...