I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

  Gen. 2017 Gen. 2016 Diff. % 12 mesi 2016 12 mesi 2015 Diff. %
Austria 26.352 24.019 9,71 329.604 308.555 6,82
Belgio 51.701 44.326 16,64 539.519 501.066 7,67
Bulgaria 1.802 1.508 19,50 26.370 23.500 12,21
Cipro 1.243 1.065 16,71 12.643 10.344 22,23
Croazia 2.807 2.271 23,60 43.015 34.820 23,54
Danimarca 19.534 16.435 18,86 222.927 207.556 7,41
Estonia 2.026 1.785 13,50 22.429 20.347 10,23
Finlandia 12.742 11.794 8,04 118.986 108.819 9,34
Francia 153.046 138.400 10,58 2.015.177 1.917.226 5,11
Germania 241.399 218.365 10,55 3.351.607 3.206.042 4,54
Gran Bretagna 174.564 169.678 2,88 2.692.786 2.633.503 2,25
Grecia 6.460 5.700 13,33 78.873 75.805 4,05
Irlanda 38.991 39.722 -1,84 146.603 124.804 17,47
Italia 171.556 155.851 10,08 1.824.968 1.575.737 15,82
Lettonia 1.445 1.089 32,69 16.359 13.765 18,84
Lituania 1.829 1.560 17,24 20.320 17.085 18,93
Lussemburgo 4.108 3.477 18,15 50.561 46.473 8,80
Paesi Bassi 51.536 40.542 27,12 382.825 448.927 -14,72
Polonia 38.076 31.796 19,75 416.123 354.975 17,23
Portogallo 15.029 13.940 7,81 207.330 178.503 16,15
Repubblica Ceca 20.818 17.500 18,96 259.693 230.857 12,49
Romania 7.059 5.800 21,71 94.924 81.162 16,96
Slovacchia 5.410 5.473 -1,15 88.163 77.968 13,08
Slovenia 6.472 5.823 11,15 63.674 59.450 7,11
Spagna 84.515 76.334 10,72 1.147.007 1.034.232 10,90
Svezia 23.282 21.648 7,55 372.318 345.108 7,88
Ungheria 6.418 5.568 15,27 96.552 77.171 25,11
EU28* 1.170.220 1.061.469 10,25 14.641.356 13.713.800 6,76
EU15 1.074.815 980.231 9,65 13.481.091 12.712.356 6,05
EU11 95.405 81.238 17,44 1.160.265 1.001.444 15,86
Islanda 1.232 1.213 1,57 18.442 14.004 31,69
Norvegia 13.055 10.991 18,78 154.603 150.686 2,60
Svizzera 19.451 20.205 -3,73 317.318 323.783 -2,00
EFTA 33.738 32.409 4,10 490.363 488.473 0,39
Totale EU + EFTA 1.203.958 1.093.878 10,06 15.131.719 14.202.273 6,54
*i dati di Malta non sono attualmente disponibili      
Fonte: ACEA - Dati al 16/02/2017      

Di biciclette, automobili, integrazione (e qualche omissione)

Presa diretta. 1. Tipologia di cambio di velocità, ma anche: 2. Programma televisivo di approfondimento, in onda su Rai3 a partire dal 2009.
È in questa seconda veste che ne parleremo qui.
L’8 gennaio è andata in onda la prima puntata di “Presa diretta” della stagione 2018. È stata seguita da 1 milione 356 mila spettatori (share 5.2%) ed è stato il programma Rai più commentato sui social dell’intera serata: 52 mila interazioni. Il titolo della puntata era: “La bicicletta ci salverà”. Questa ne è stata l’introduzione: “Le nostre città e le nostre vite soffocano nel traffico, i livelli di inquinamento sono cronicamente al di sopra dei limiti consentiti, le malattie correlate alle polveri sottili aumentano, i tempi degli spostamenti urbani si allungano e il trasporto pubblico fatica a stare al passo delle esigenze di tutti. Così non possiamo andare avanti. E allora? Allora, a salvarci, sarà proprio la bicicletta”. Ancora: “In cima alla lista delle città da salvare c’è proprio la nostra capitale. A Roma ogni mattina si mettono in movimento 4 milioni e mezzo di persone, la maggior parte con la propria automobile. I romani infatti hanno il primato di auto per numero di abitanti, quasi 70 ogni 100 persone. D’altra parte gli investimenti sul trasporto pubblico sono in costante riduzione da molti anni così come la loro efficienza, 79 minuti è la durata media del viaggio per e dal posto di lavoro dell’eroico cittadino romano. Per non parlare degli investimenti sui mezzi meno inquinanti: meno 80% sui bus elettrici, meno 30% sui tram, e per quanto riguarda la metropolitana è stato calcolato che ci vorranno 80 anni per raggiungere la dotazione di altre capitali come Madrid, Berlino, o Londra”. Ancora, in conclusione: “Il mondo intero sta cercando il modo di risolvere il problema del traffico nelle grandi città, come abbattere l’inquinamento prodotto dalle macchine, come tornare a far vivere le città e farle diventare luoghi accoglienti e non posti dove ci si ammala”.

Leggi tutto...