I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Numeri, persone e fatti di prima pagina

Con una crescita del 2,9% e 8.449.247 nuove immatricolazioni va in archivio la prima metà del 2018 nei 28 mercati dell’Unione Europea, Malta esclusa. A giugno, i 5 mercati di riferimento hanno mostrato ancora una volta risultati molto diversi. Da un lato la Germania che trova nuovo vigore dopo il brutto mese di maggio e si produce in un positivo 4,1%. Dalla stessa parte, la Spagna che prosegue il proprio cammino all’inseguimento dei migliori risultati del decennio con l’incremento del targato dell’8%. E ancora, la Francia capace di ottenere a giugno una crescita di oltre il 9%. Sul fronte opposto, l’Italia di cui sappiamo (-7,2%) e il Regno Unito che torna a mettere la prua sotto la linea di galleggiamento con un -3,5%. Nei Paesi di seconda fascia, va segnalata la corsa della Svezia che a giugno cresce del 73% e, con 66mila nuove targhe, è sesta nella graduatoria per Paese sopravanzando Belgio, Paesi Bassi e Polonia. Quanto ai Gruppi, sempre facendo riferimento ai 28 mercati UE, il primo semestre del 2018 va in archivio con Volkswagen che cresce del 13,3% e porta la propria penetrazione al 24,9%, ormai a un solo decimale dal valere un quarto dell’intero mercato. In termini di volumi ci sono a seguire Psa (+65,8%), Renault (+4,7%) e Fca che a giugno perde, soprattutto per Fiat, il 2,6% e nel cumulato dei primi 6 mesi si ferma a -2,2%.
Mercato Europa - Giugno 2018 - Vendite per Gruppi e Marche
Mercato Europa - Giugno 2018 - Vendite per Paese

Come maggio così giugno: il mercato delle auto nuove ha chiuso il mese con un significativo -7,3%: 174.702 sono state le immatricolazioni comunicate dal Ministero, rispetto allo stesso mese dello scorso anno mancano all'appello 13.600 unità (allora furono 188.363). In negativo, quindi, si è chiuso anche il primo semestre del 2018: -1,45%, con 1.120.829 immatericolazioni (nel 2017 furono 1.137.299).

Analizzando la struttura del mercato, però, si vede come in realtà il canale dei privati sia stato quello che nel mese ha sofferto di meno. La flessione è stata leggera (-0,5%), alla quale ha corrisposto una risalita nella quota di mercato (55,4%) dovuta però alla diminuzione degli altri canali di vendita. Nel 1° semestre 2018, i privati segnano un -5,1% sullo stesso operiodo 2017 e registrano una perdita del 2% nella quota (al 53,7%).
Come si diceva, molto più sostenuta la caduta - a giugno - dei canali del noleggio e delle società.
Nel primo caso si è registrato un -11% complessivo, dovuto essenzialmente al -35% circa del breve termine, mentre il Nlt ha chiuso con un buon +5,2%. Nel cumulato gennaio-giugno, il noleggio registra comunque un +5,8% in volumi e un +2% di quota (26,5%).
Quanto alle società, il confronto con l'eccellente giugno 2017 è stato impietoso: -18,6%, frutto soprattutto dell'importante riduzione delle autoimmatricolazioni (quelle delle Case sono scese nel mese di oltre il 50%). Nell'arco dei 6 mesi, le vendite a società si mantengono sostanzialmente sui livelli del 2017, con una quota intorno al 20% del mercato.

Proprio alla forte frenata sulle autoimmatricolazioni è da ascriversi il risultato del Gruppo Fca, che non può passare inosservato: -19% e quota scesa al 25%, con la sola Jeep a performare positivamente (+91,7%) tra i Brand che fanno volumi.

Tornando al mercato in generale, sul fronte delle motorizzazioni anche a giugno è stata molto pesante - e declinata su tutti i canali di vendita - la flessione del diesel (-17% e quota scesa di 6 punti percentuali al 52,8% del totale). In flessione anche il Gpl (-9,2% nel mese, -4,7% nel cumulato). In crescita invece la benzina (che nel semestre rappresenta il 33,5% del mercato) e il metano, mentre si conferma l'ascesa forte di ibride (+25% a giugno e +30,7% nei 6 mesi) ed elettriche (+125%).

Insomma, un mese di giugno certo non memorabile. Un passo falso pesante, da imputare anche - secondo Michele Crisci, presidente di Unrae - "al clima di incertezza che si sta determinando sulla clientela potenziale, alimentato dalle evitabili anticipazioni sulle decisioni che verranno prese in futuro sulla mobilità”.

Adolfo De Stefani Cosentino, presidente di Federauto, ha parlato di un "mese di giugno particolarmente faticoso e, secondo le nostre valutazioni, fortemente condizionato da un generale calo del traffico dei clienti nei saloni, dal momento che le interessanti iniziative promozionali per lo smaltimento degli stock hanno solamente consentito di contenere la flessione della domanda dei privati". Inoltre, "il calo di oltre 16 punti delle immatricolazioni di autovetture diesel pone un'attenta riflessione sugli sviluppi futuri ma, soprattutto, lancia il tema della contrapposizione alla demagogia e, quindi, della transizione verso la mobilità del futuro e di come essa debba essere accompagnata e guidata senza che questa si trasformi in fattore di destabilizzazione anche per le imprese concessionarie e per l’indotto”.
Mercato Italia - Giugno 2018 - immatricolazioni per marca

Maggio sul filo della parità per il mercato dell’auto del Vecchio Continente. Per quel che riguarda il bilancio dei 28 Paesi UE, Malta esclusa, il mese chiude con una crescita dello 0,8%, e il cumulato del periodo gennaio-maggio si porta a +2,4%.  Un maggio dunque nient’affatto eccitante che, dopo la concretezza di aprile a +9%, raccoglie i sintomi di pazienti assai diversi. Analizzando i  5 grandi mercati, da un lato c’è la Spagna, capace di chiudere maggio con un incremento del 7,2%, accompagnata da un redivivo Regno Unito al secondo risultato positivo consecutivo con un +3,4%. Sul versante opposto c’è la Germania in grado di erodere da sola tutto il vantaggio costruito da Spagna e Regno Unito, cui va aggiunto il brutto dato italiano (-2,8%). Nel mezzo, come ulteriore elemento per tracciare il profilo di un’Europa poco unita,  la Francia che fa di maggio un mese amorfo e chiude a +0,15%. Quanto ai risultati conseguiti a maggio dai Gruppi, esclusa Psa, è Renault a fare meglio di tutti in termini percentuali (+6,5%), poi Jaguar Land Rover (+5,7%) e Toyota (+4,2%). Dando poi priorità ai volumi, sempre tra i Gruppi troviamo Volkswagen a 363mila auto, Psa (con Opel) a 227mila e poi Renault a 164mila. Fca chiude maggio proprio sulla sottile cresta della parità (+0,16%) sorretto da Jeep e Alfa Romeo, mentre Fiat perde, insieme con 0,7 punti di quota, l’11,1%.
Mercato Europa - Maggio 2018 - Vendite per Paese
Mercato Europa - Maggio 2018 - Vendite per Gruppi e Marche

Con il mese di maggio torna il segno negativo per il mercato Italia delle auto nuove. I dati diffusi dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dicono che nel mese le immatricolazioni sono state 199.113, vale a dire -2,8% rispetto a maggio 2017. Il cumulato dei primi 5 mesi dell’anno si è portato a quota 945.677 immatricolazioni, circa 3300 in meno delle 948.938 raccolte nel periodo gennaio-maggio 2017: la contrazione è dello 0,3%. L’approfondimento della struttura del mercato effettuata da Unrae rileva come, nel mese appena conclusosi, il solo canale di vendita in territorio positivo sia stato quello dei Privati (+0,6%, con 112.731 immatricolazioni), la cui quota di mercato è salita 56,3% del totale. Nel cumulato dei 5 mesi la flessione resta comunque evidente: -6% rispetto allo stesso periodo del 2017, mentre la rappresentatività sul totale è al 53,4% (-3,2%). Per il resto dei canali, come detto, flessione generale: il Noleggio a -1,9% (breve termine a -15,5%, lungo termine a -4,7% – anche se si segnala la progressiva crescita dei noleggi effettuati da Case e Reti), le Società a -13,1% (risultato determinato dal -16,6% delle autoimmatricolazioni nel confronto con lo stesso periodo dello scorso anno, mentre le società vere e proprie segnano una flessione contenuta e pari al -2,3%. Sul fronte delle alimentazioni, forte calo del diesel: -10,1% e quota mercato scesa, di 4 punti, al 51,7% del mercato; nel cumulato la flessione è del 4,2% (quota al 54,1%). In discesa anche il Gpl (-3,5% nel mese e -3,7% in gennaio-maggio), mentre hanno ben performato benzina (+3,1%), ibride (+12,3%), elettriche (+298%) e metano (+107%). Venendo ai Marchi, si segnala l’ulteriore rallentamento di Fiat: a maggio -22,81%, nel cumulato dei 5 mesi siamo a -16,52%, con la quota scesa al 18,22% (era del 21,76%). Nonostante l’ottimo andamento di Jeep (a maggio +129,62%, nei 5 mesi +102%), per il Gruppo Fca il mese appena concluso ha dato un -8,22% che corrisponde a un -7,16% nel cumulato e a una quota scesa al 27,58%.
Mercato Italia - Maggio 2018 - immatricolazioni per marca

Rimbalzo forte del mercato europeo. Dopo il consistente calo di marzo, i mercati del Vecchio Continente trovano nuovo vigore e ad aprile chiudono con una crescita del 9,6%. Nei 28 Paesi dell’Unione, Malta esclusa, le vendite hanno riguardato 1.306.273 nuove auto, 114mila in più rispetto ad aprile 2017. In termini di volumi il grosso del lavoro lo ha fatto la Germania che sfonda quota 314mila, e crescendo dell’8% copre da sola il 20% del progresso dei 27. Giubilo per il Regno Unito che realizza in aprile una crescita a due cifre da 10,4 punti in grado di mitigare il passivo già consistente del cumulato che passa dal -12,4% di marzo a un meno imbarazzante -8,8%. Un segno da ricondurre – probabilmente – verso la non più procrastinabile domanda di sostituzione determinata dai fattori politici che ancora interessano il Paese. La Francia mantiene alto il suo ritmo e arriva alla boa del primo terzo di anno con aprile in crescita del 9,0% che le vale un +4,4% nel cumulato. Spagna sempre tonica con crescita del 12% ad aprile e dell’11% nel cumulato. Nel periodo gennaio-aprile i 27 Paesi consuntivano un progresso del 2,7% sull’analogo periodo del ’17. Gruppi, aprile: Toyota +20,3%; Volkswagen +13,1%; Psa (al netto di Opel) +12,3; Fca chiude aprile in positivo a +2,2% grazie al +75% di Jeep e a un lampo di Alfa Romeo a +6,3%.
Mercato Europa - Aprile 2018 - Vendite per Gruppi e Marche
Mercato Europa - Aprile 2018 - Vendite per Paese

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...

 

Il Sondaggio

Ritenete sia realistico il piano Di Maio per portare su strada, in Italia, entro 5 anni, un milione di vetture "ricaricabili" (al costo, secondo Bloomberg, di 9 miliardi di euro)?