I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

2020

31 dicembreFrank Rhodes, erede diretto di Walter Chrysler, ha presentato a Fca una proposta alternativa alla fusione dalla quale nascerebbe Stellantis, in pratica viene suggerito di cambiare il nome della società in Chrysler-Dodge-Jeep-Ram Corporation spostando la sede negli Stati Uniti con un quartier generale a Londra, “oltre al prezzo in contanti da negoziare e il pagamento del debito esistente, tale proposta alternativa è superiore alla proposta di fusione e si tradurrebbe in un ritorno negli Usa dei marchi americani del Gruppo Fca”, ha affermato Rhodes. Nell’accordo commerciale della Brexit firmato il 30 dicembre figurano come punti chiave quello della pesca e dell’automotive, un settore “come nessun altro integrato in Europa con complesse catene di fornitura che si estendono in tutta la regione”, ha detto Eric-Mark Huitema, Direttore generale dell’Acea, per quanto riguarda il Regno Unito, la sua industria automobilistica fa affidamento all’Europa per il 60% dei componenti necessari alla fabbricazione dei veicoli che a sua volta sono esportati nell’Ue per l’80% e nonostante non verranno applicati dazi “il commercio sarà ora soggetto a controlli la cui entità e complessità devono ancora essere valutate”, ha affermato ancora Huitema. “Il mondo del design e della progettazione che ruota intorno all’auto ha un grande futuro, oggi però ci sono troppe aziende piccole che non riescono a fare sistema. La strada è quella dell’aggregazione. Le grandi aziende dovrebbero incoraggiare questo percorso”, lo ha affermato Silvio Angori, Ad Pininfarina e presidente del Gruppo Carrozzieri e Progettisti dell’Anfia

30 dicembre – La Fabbrica di Vetro di Dresda di proprietà di Volkswagen produrrà a partire dalla fine di gennaio 2021, le nuove ID.3. Audi sta utilizzando la realtà aumentata per ottimizzare l’efficienza nella pianificazione logistica, sfruttando ologrammi 3D a grandezza naturale inseriti all’interno dell’ambiente reale per aiutare gli operatori a valutare meglio la situazione in divenire. Dal primo gennaio 2022 in Francia sarà operativa l’imposta sul peso delle vetture, che non potrà superare il massimo della penale per le emissioni della CO2, questa tassazione penalizza i modelli a benzina rispetto ai diesel per cui questi ultimi stanno per essere esclusi dal sistema di bonus in vigore per la rottamazione. Enel X ha annunciato la chiusura di un accordo con Wetmeister, marchio di veicoli elettrici parte di WM Motor Technology Co Ltd, società automobilistica cinese specializzata nella creazione di veicoli elettrici a batteria. 

29 dicembreFca ha stanziato nuovi investimenti destinati alla sua fabbrica di Tychy in Polonia per il rinnovamento della linea produttiva che servirà per tre nuovi modelli a marchio Jeep, Fiat e Alfa Romeo in arrivo nella seconda metà 2022, tutti con alimentazione ibrida o completamente elettrica. Hyundai Motors ha acquistato lo stabilimento ex-GM di Shushary nei pressi di San Pietroburgo in Russia capace di produrre in un anno oltre 200.000 veicoli. Tesla consegnerà le sue prime vetture sul mercato indiano a partire da giugno 2021, si tratta di alcune unità di Model 3 che saranno vendute senza intermediari direttamente dalla Casa. Secondo l’ultimo rapporto del TUV sull’affidabilità delle vetture, Opel Adam domina il segmento delle citycar con età fino a 3 anni con una quota media di difettosità del 3,7%, mentre l’ammiraglia della Casa tedesca del Gruppo Psa, la Insignia è al vertice del segmento delle medie con il 2,2% di quota di difettosità, valore che le assicura anche il secondo posto in classifica generale alle spalle della Mercedes GLC che ha registrato una quota media di difettosità dell’1,7%. 

28 dicembre – Secondo l’analista Ming-chi Kuo, Apple non riuscirà a mettere in commercio la sua auto autonoma ed elettrica prima del 2025 o 2027, per cui il lancio potrebbe slittare addirittura al 2028. Fca, insieme a Engie e Terna, ha dato il via alla realizzazione della prima fase del progetto Vehicle to Grid (V2G) per testare le potenziali connessioni dei suoi veicoli con la rete in un nuovo impianto apposito nei pressi di Mirafiori a Torino. Per fronteggiare la crisi economica legata all’emergenza Covid-19, la Legge di Bilancio 2021 prevede una serie di misure, tra gli incentivi fiscali introdotti anche nuovi bonus per l’acquisto di nuove auto per svecchiare il parco circolante; la nuova agevolazione per l’acquisto di auto elettriche nel 2021 con prezzo di listino fino a 30mila euro, è destinata a nuclei familiari con ISEE fino a 30mila euro, vengono inoltre rimodulati gli attuali eco-incentivi per l’acquisto di auto nuove, con prezzo di listino fino a 50mila euro, in più proroga fino al 2026 per il bonus per l’acquisto di moto elettriche o ibride, pari al 30% (o 40% con rottamazione), fino a un tetto di 3 o 4mila euro. Erion Energy, il Consorzio del Sistema Erion dedicato ai rifiuti di pile e accumulatori, stima che se nel 2030 dovessimo riciclare tutte le batterie del parco di autovetture elettriche immesse sul mercato fino al 2020, dovremmo attrezzarci per la raccolta e il trattamento di circa 28.000 tonnellate di rifiuti. 

24 dicembre – Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale due bandi per un valore complessivo di oltre 1,5 miliardi di euro per la manutenzione programmata della rete viaria gestita da Anas, in particolare figura un bando di gara relativo ad accordi quadro quadriennali del valore complessivo di 640 milioni di euro, esecuzione di lavori di manutenzione per il risanamento strutturale e impiantistico delle gallerie del valore di 880 milioni di euro. 

23 dicembre – A due anni di distanza dalla presentazione alla Commissione europea della proposta di indicizzare il prezzo del pedaggio alle emissioni di CO2 delle autovetture, Bruxelles ha validato lo scorso 8 dicembre questa norma; gli Stati membri potranno, in pratica, imporre una sovrattassa al pedaggio in base al livello di inquinamento di ogni veicolo.

22 dicembre Apple sembra aver ripreso i lavori sul suo progetto per un’auto autonoma elettrica, l’azienda californiana si è data come obiettivo l’anno 2024 per la presentazione al mondo. Fca Messico ha celebrato la produzione nella fabbrica di Saltillo Sur del motore Pentastar numero 5 milioni. Toyota ha anticipato di qualche giorno lo stop alla produzione nei suoi stabilimenti in Gran Bretagna e in Francia a fronte delle difficoltà logistiche determinate dalla chiusura dei confini a causa della nuova variante di Covid. Acea, l’azienda di energia del Comune di Roma, ha dato il via al suo progetto per la e-mobility con l’installazione delle prime 100 colonnine di ricarica per i veicoli sul territorio comunale della Capitale, questo progetto fa parte del piano industriale dell’azienda 2020-2024 nel quale è prevista l’installazione di 2.200 colonnine di ricarica, delle quali oltre 2.000 a Roma per un investimento complessivo di 29 milioni di euro. 

21 dicembre – La Commissione Ue ha dato il via libera alla fusione tra Peugeot e Fiat Chrysler. La UFI Filters ha acquisito il 24,9% di BeonD, startup e spin-off del Politecnico di Torino specializzata nello studio e progettazione di pacchi batterie per applicazioni terrestri e marine, nonché nella gestione termica dei sistemi di alimentazione per vetture elettrificate e nelle architetture per veicoli ibridi ed elettrici. Il costo della revisione dei veicoli aumenta di 9,95 euro. I concessionari autostradali devono installare colonnine di ricarica per veicoli elettrici di ultima generazione lungo le tratte di loro competenza almeno ogni 50 chilometri, lo prevede un emendamento alla manovra economica approvato in commissione bilancio, il termine per l’installazione è 180 giorni e nel caso i concessionari non provvedano, chiunque ne faccia richiesta si può candidare per installarle. 

18 dicembre – Secondo il Centro Studi di Confindustria “lo scoppio della pandemia ha inferto un duro colpo al settore italiano dell’automotive e nessuno dei suoi sotto comparti è stato risparmiato come si evince dal -21,9% per la produzione di autoveicoli, il -29,5% del comparto carrozzerie e del -30,5% del reparto componentistica”. Secondo il Presidente della Toyota, Akio Toyoda, “più veicoli elettrici costruiamo, peggiori diventano le emissioni di anidride carbonica, quindi quando i politici affermano ‘liberiamoci di tutte le auto a benzina’ lo capiscono?”, Toyoda ha sottolineato che per disporre di un’infrastruttura capace di supportare una flotta di veicoli elettrici al 100%, il costo per il Giappone sarebbe tra 135 e 358 miliardi di dollari, senza dimenticare che nel Paese del Sol Levante la maggior parte dell’energia è ricavata da centrali a gas naturale e un aumento della domanda non porterebbe benefici per l’ambiente. Lo stop al disboscamento e alla verniciatura della Gigafactory Tesla di Grunheide nei pressi di Berlino, è dovuto al mancato pagamento di una garanzia di circa 100 milioni di euro che l’azienda di Elon Musk avrebbe dovuto versare entro il 17 dicembre. Fca ha annunciato l’investimento di 150 milioni di dollari in India per la costruzione a Hyderabad, del suo nuovo hub digitale globale denominato Fca ICT India.

17 dicembre – Il mercato cinese rappresenta per Maserati il 25% del mercato globale della marca, attualmente, con 60.000 clienti in Cina, Maserati guarda con crescente interesse al mercato della Grande Muraglia anche perché la classe media cinese, dopo la crisi da Covid-19, è in continua espansione. Leasys ha acquisito le attività di car sharing e le stazioni di ricarica per veicoli elettrici della città di Torino da BlueTorino, la società francese del Gruppo Bolloré, questi asset saranno aggiunti al servizio di car sharing LeasysGO! recentemente lanciato. L’industria automobilistica cinese ha esportato nel mese di novembre 128.000 auto (+17,4% su base annua), mentre le importazioni sono state 107.000 (-12,3% rispetto a novembre 2019), da notare come nel periodo gennaio-novembre 2020 le esportazioni di veicoli cinesi siano diminuite del 15,8% raggiungendo 955.000 unità totali. La Mercedes ha annunciato la fine della produzione di auto in Brasile chiudendo la fabbrica di Iracemapolis che fu inaugurata nel 2016 nello Stato di San Paolo per la produzione delle Classe C e GLA

16 dicembre BMW ha previsto un margine di profitto tra il 2% e il 3% nella parte alta delle propria guidance per il 2020, con un flusso di cassa di 1,5 miliardi di euro, lo ha riferito Nicolas Peter, direttore finanziario della Casa di Monaco di Baviera.

15 dicembreVolkswagen, in una riunione del consiglio di sorveglianza, ha confermato la fiducia al Ceo, Herbert Diess, contestualmente è stato varato un importante piano di riduzione dei costi industriali, compresi quelli del personale, in questo ambito è stato ribadito che i due asset italiani, Lamborghini e Ducati continueranno a far parte di Volkswgen AG, mentre il marchio Bentley ricadrà come responsabilità di gestione, su Audi. Anfia sostiene che “nel 2020 gli effetti della pandemia ridurranno del 14% il carico fiscale sulla motorizzazione, pari a 11 miliardi di euro di gettito in meno, l’impatto negativo sulle casse dello Stato sarà solo parzialmente mitigato dalle misure di incentivazione all’acquisto di nuove auto, anche per questo motivo, è indispensabile rifinanziare il 2021”. 

14 dicembre – Il Gruppo Hera ed Eni hanno rafforzato la loro partnership creata per trasformare gli olii vegetali esausti di uso domestico in olio vegetale idrotrattato (Hvo), un bicomponente per il gasolio con l’obiettivo, nel 2021, di aumentare i quantitativi conferiti a Eni grazie alla collaborazione del Gruppo AcegasApsAmga e Marche Multiservizi, che raccoglieranno fino a 1.500 tonnellate l’anno di olii (+40% rispetto alla proiezione di quanto verrà raccolto nel 2020). 

11 dicembreFca e Engie si sono aggiudicate 25 MW di capacità per la fornitura del gestore della rete italiana Terna, che contribuirà a rafforzare la stabilità del sistema elettrico nel contesto del costante aumento della penetrazione delle fonti rinnovabili. Leasys ha consolidato la propria strategia di espansione in Europa con l’ingresso in Danimarca e Portogallo, per l’azienda controllata da Fca Bank

10 dicembre – L’agenzia di rating Fitch ha assegnato a Leasys un rating a lungo termine pari a BBB+ (outlook negativo), un punteggio tra i più alti nel settore del noleggio e della mobilità. 

9 dicembreIneos Automotive ha acquisito lo stabilimento Mercedes-Benz di Hambach in Francia, nel quale si producevano le Smart, per iniziare a fine 2021 la costruzione del 4X4 Grenadier, per poter effettuare le prime consegne nel 2022. Landi Renzo ha siglato un accordo con l’egiziana National Organization for Military Production per la creazione di una nuova società paritetica al 50% volta alla produzione e vendita in Egitto di componenti e sistemi per la conversione a metano del parco circolante egiziano con l’obiettivo di almeno 100.000 conversioni l’anno. Volkswagen ha aumentato la sua quota nella joint venture con Jac in Cina dal 50% al 75%. Il tribunale amministrativo di Frankfurt am Oder ha reso noto la decisione di bloccare per il momento ulteriori disboscamenti di 82,9 ettari per l’ampliamento dell’impianto di Gruenheide di proprietà di Tesla, dove sta sorgendo la Giga Factory europea di Elon Musk

7 dicembre Fca ha annunciato che la produzione di Jeep Compass e Renegade Phev nello stabilimento di Melfi passerà dal 15 febbraio 2021 da 10 a 15 turni, si legge in una nota dell’azienda. Il CashBack di Stato è valido anche per gli acquisti di carburante per il 10% della spesa, in totale ogni persona potrà ottenere fino a 150 euro di cashback in un mese per questa classe merceologica.

4 dicembre Audi ha deciso di investire  circa 35 miliardi di euro nello sviluppo della mobilità sostenibile, di questi, 17 miliardi sono destinati alle tecnologie del futuro, mentre 15 miliardi di euro saranno destinati all’elettrificazione della gamma, gli investimenti includono anche sinergie del Gruppo Volkswagen derivanti dall’uso di piattaforme comuni. Secondo stime interne, Volkswagen non raggiungerà gli obiettivi europei in materia di emissioni di CO2 nel 2020 e forse non ci riuscirà nemmeno nel 2021, la qual cosa potrebbe aprire alle multe della Ue; Volkswagen ha già investito 35 miliardi di euro nella transizione elettrica e conta, per il 2030, di avere sul mercato 70 modelli elettrici. 

3 dicembre Pininfarina consolida la sua presenza sul mercato cinese dove prevede un’ulteriore espansione, aprendo una nuova sede a Shenzen. Il Gruppo Volkswagen è pronto a lanciare una piccola auto elettrica, sulle dimensioni della Polo, basata sulla piattaforma Meb, il cui nome potrebbe essere ID.1. Pirelli, in partnership con il fondo Bgo Logistic Fund 1 e il general contractor Gse Italia, realizzerà nel suo polo industriale di Settimo Torinese un magazzino per lo stoccaggio di pneumatici entro il 2021. Il Governo giapponese si prepara a eliminare la vendita di automobili a motore termico (sia diesel sia benzina) a partire dal 2035. 

2 dicembre Elon Musk non ha escluso alleanze con produttori di auto tradizionali: “Non inizieremo sicuramente un procedimento di acquisizione ostile” – ha detto l’imprenditore statunitense – “ma se un concorrente dovesse trovare una buona idea compatibile con Tesla, se ne potrebbe parlare”. Mercedes-Benz, in coerenza con la sua strategia Ambition 2039, ha annunciato che utilizzerà per i suoi veicoli solo batterie fabbricate con cobalto e con litio provenienti da siti minerari certificati, per ridurre la percentuale di cobalto, fino a un limite del 10% nelle batterie di prossima generazione. 

1 dicembrePininfarina ha realizzato il nuovo design center del produttore auto Novem di Vorbach in Bavaria.

Barche diverse, ma il mare è uguale per tutti

In un film di qualche anno fa, Woody Allen raccontava la storiella delle due anziane signore ricoverate in una casa di cura. Sedute allo stesso tavolo, consumano un pasto. All’improvviso la prima dice: il mangiare qui è veramente orrendo. La seconda risponde: sì, e poi le porzioni sono così piccole... 
Ecco: più o meno la storia degli incentivi per l’acquisto delle auto stanziati dal Governo lo scorso anno e poi ancora nella Legge di Bilancio 2021. Si è sentito dire: sbagliata la tempistica, sbagliata la distribuzione, utili solo ad anticipare la domanda e quindi non realmente efficaci per rimettere in piedi il sistema. Eppure: perché porzioni così piccole?, si è alla fine sentito chiosare.
È vero: si poteva fare di più e si poteva fare meglio. E probabilmente sì, non hanno fatto e non faranno che anticipare la domanda, e si esauriranno troppo presto, e danneggeranno il mercato dei mesi a seguire… Tutto quel che si vuole. Ma resta il fatto che gli incentivi sono stati una conquista preziosa. Un passo avanti, e sudatissimo se si considera che una larga parte di quanti governano il Paese ritiene che l’unica auto realmente ecologica è l’auto che non esiste – non perché non è stata ancora inventata, ma perché l’auto non dovrebbe proprio esistere.
Per il settore auto italiano ci sono state cose buone anche dentro la tempesta del Covid, nell’infame 2020, ci ha ricordato il presidente di Federauto, De Stefani Cosentino. Su tutte la consapevolezza acquisita che, chiunque governi la nave, chiunque sia in sala macchine, il mare è lo stesso per tutti i naviganti. E quando si ingrossa a dismisura si fa squadra, si lavora tutti nella stessa direzione per portare la nave in porto. Le Case auto e le Reti di distribuzione, con l’eccezione di pochi casi, hanno lavorato insieme. E insieme hanno lavorato le associazioni della filiera. 
Al di là di risultati di mercato, fatturati, utili, questo è il lascito più prezioso del 2020. Non era scontato che andasse così, e lo conferma il fatto che – non appena svoltato l’angolo del 2021 – come se si fosse entrati in un’epoca altra, come se tutto fosse finito, il microcosmo di eletti che guida il Paese è subito tornato alle vecchie abitudini, nel tentativo forse di ristabilire la vecchia normalità (che invece non tornerà più), quella in cui all’improvviso c’è chi sfila una carta dal castello che fin lì si era miracolosamente tenuto in piedi e fa crollare tutto. La voglia di rissa, di menare le mani, è diffusa; la nuova normalità, gli impedimenti, i divieti generano pressioni enormi - ce lo dicono, anche, le torme di ragazzi che si danno appuntamento in questa o quella città per suonarsele di santa ragione. E ci si può spingere fino a comprendere come la costrizione possa generare desideri di rivolta. 
Ma è qualcosa che non porta da nessuna parte. Il sistema sano si salva proprio come tale, come sistema. Il settore auto in Italia ha certamente scelto questa strada. Non sarà per sempre, è certo: è stato però nel momento giusto, quando davvero serviva. 

Leggi tutto...