I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

2020

30 settembre Kia ha comunicato la nascita di una propria rete di ricarica europea per veicoli elettrici e ibridi plug in, con accesso a 167mila stazioni di ricarica grazie alla collaborazione con Digital Charging Solutions. La produzione industriale in Giappone, malgrado la ripresa cinese, non è decollata dopo i mesi di chiusura per il Covid-19, nel mese di agosto, le otto principali Case automobilistiche hanno registrato un calo su scala globale del 12,1% a 1,87 milioni di vetture; nello specifico Toyota ha prodotto poco più di 634.000 auto (-6,7% rispetto allo stesso mese del 2019), Honda e Nissan hanno registrato rispettivamente un calo del 6,4% e del 25,1%, mentre Suzuki è l’unica azienda in ripresa che registra un +1,3%, grazie soprattutto ai numeri dell’India che ha registrato un +11,1% per la Casa di Hamamatsu. L’industria automobilistica britannica, secondo la BBC, rischia contraccolpi economici importanti in caso di un accordo finale di libero scambio post Brexit – senza dazi doganali – nei negoziati tra Bruxelles e Londra, in una lettera indirizzata all’associazione di categoria, il capo negoziatore di Londra, Lord David Frost, ha rivelato che le richieste fatte a nome di Boris Johnson di includere la componentistica extracomunitaria all’interno di un eventuale accordo quadro sono state respinte dalla Ue, con l’inevitabile conseguenza che la produzione automobilistica venga caricata di dazi più elevati quando venduta sul mercato europeo. Car.Software, la divisione di Volkswagen che dallo scorso primo gennaio ha la responsabilità per il settore in car-software di tutti i brand del Gruppo, ha annunciato l’acquisizione del settore programmi e soluzioni digitali per i sensori video di Hella Aglaia Mobile Vision GmbH

29 settembre – La Commissione Europea ha multato Brose e Kiekert per un totale di 18 milioni di euro per aver preso parte a due cartelli per la fornitura di sistemi di chiusura per automobili nello spazio economico dell’Unione, una terza azienda, la Magna, non è stata multata in quanto ha fornito informazioni relative ai cartelli alla commissione. 

28 settembre Mitsubishi Motor è pronta ad annunciare tra i 500 e i 600 prepensionamenti a partire da metà novembre, la decisione è la conseguenza del piano aziendale discusso a metà luglio che ha determinato la diminuzione della forza lavoro del 20% a causa della crisi del Coronavirus che ha portato a una diminuzione della produzione in Giappone del 69%. Volkswagen ha varato un investimento da 15 miliardi di euro in mobilità elettrica tra il 2020 e il 2024 in Cina insieme alla joint venture Saic Volkswagen, Faw-Volkswagen e Jac Volkswagen, che produrranno 15 modelli entro il 2025, il 35% dei quali elettrificato. “In un anno difficile come questo contiamo di chiudere in Italia superando le 30mila unità e una quota superiore al 2%”, lo ha affermato Marco Toro, presidente e Ad di Nissan Italia. Fca ha patteggiato 9,5 miliardi di dollari per chiudere la disputa sulle presunte informazioni fuorvianti in merito alla revisione interna sui sistemi di controllo delle emissioni in Usa. Lo stato della California ha deliberato una legge per la quale non potranno essere più vendute, a partire dal 2035, auto a combustione interna all’interno dei suoi confini, si tratta del primo stato americano a prendere una decisione del genere. BMW ha lanciato l’evento itinerante #ElectrifYuo, con il quale la Casa di Monaco porterà in cinque città italiane i suoi prodotti elettrificati per promuovere la sua strategia in tema di sostenibilità.

24 settembre Kia Motors, nei primi otto mesi dell’anno ha registrato in Europa una quota di mercato del 3,6% con 259.442 unità di cui 68.611 unità elettrificate. 

23 settembre – Il Gruppo Psa ha acquistato 10 milioni di azioni ordinarie di Peugeot da Dongfeng Motor Group, pari a circa l’1,10% del capitale del marchio con il leone, inoltre subordinatamente alla finale approvazione del board di Dongfeng, verrà modificato lo Share Repurchase Agreement in vigore con Psa, prevedendo che le restanti azioni detenute dal costruttore cinese pari a 20,7 milioni di unità saranno vendute da Dfg a Psa entro il 31 dicembre 2020, oppure se non saranno vendute al gruppo francese, potranno essere vendute a terzi entro la fine del 2022. Grazie agli investimenti sull’elettrificazione, entro fine settembre le fabbriche Fca di Mirafiori e Grugliasco cesseranno di utilizzare il contratto di solidarietà per il rientro al lavoro di tutti gli addetti. 

22 settembre – Il gruppo Punch ha acquisito il centro di ingegneria di GM a Torino, diventando distributore ufficiale della casa americana per i clienti business di motori e cambi. La società sino-coreana Songuo produttrice di veicoli per la mobilità sostenibile, ha siglato un memorandum of understanding con Pininfarina lo scorso 15 di settembre, con il quale la factory italiana supporterà Songuo nello sviluppo di un piano industriale. Hyundai ha deciso di estendere la diffusione del suo marchio Genesis oltre che in Usa e Corea del Sud anche in Gran Bretagna, in Germania e con molta probabilità anche in Italia, dove potrebbe arrivare il Suv GV80 e le berline G80 e G90. Highways England si prepara a introdurre a breve un nuovo limite di velocità in autostrada, scendendo dalle attuali 70 miglia all’ora (112,6 km/h) a 60 miglia all’ora (96,6 km/h), il provvedimento, che sarà temporaneo, è per verificare se una minore velocità in zone particolarmente inquinate può consentire di ridurre le emissioni di NOx. 

21 settembrePolestar ha pubblicato una ricerca per la quale all’uscita dall’impianto di produzione della sua Polestar 2 (completamente elettrica) la sua impronta in termini di emissioni di CO2 è pari a 26 tonnellate, un valore decisamente maggiore a quello registrato per costruire una Volvo XC40 a benzina, tale valore elevato è dovuto principalmente all’alto consumo energetico necessario per la costruzione delle batterie; il punto di pareggio tra i due veicoli avverrebbe dunque passati i 50.000 km dell’auto a combustione interna, in quel momento il consumo di carburante avrà superato le emissioni di CO2 dell’auto elettrica. La nuova Opel Mokka 100% elettrica potrà essere prenotata dal 22 settembre, la conferenza di presentazione della nuova auto sarà trasmessa in tempo reale sulla piattaforma Youtube. 

18 settembre – Secondo quanto affermato dal Ceo di Volkswagen, Ralf Brandstaetter, il nuovo Suv elettrico ID.4 “riunisce due importanti obiettivi della nostra strategia Transform 2025+: quello di realizzare l’offensiva elettrica e quella Suv del marchio Volkswagen, entrambe attraverso un unico veicolo”. La Banca Europea degli Investimenti ha concesso 800 milioni di euro di finanziamento a Fca per la produzione di veicoli elettrici a batteria e veicoli ibridi ricaricabili. Renault ha lanciato tramite il suo sito internet, renault.it, il Virtual Showroom uno spazio di presentazione virtuale dei propri prodotti elettrici ed elettrificati. Fca, tramite la sua controllata Leasys, si arricchisce di un nuovo tassello verso la mobilità sostenibile con l’installazione di 10 punti di ricarica rapida presso l’Aeroporto Internazionale Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino, l’obiettivo del gruppo italo-americano è quello di arrivare, a fine 2020 a installare presso i Leasys Store in tutta Italia 1.200 punti di ricarica grazie anche al supporto del partner EnelX

17 settembre – Secondo Car Magazine, Volkswagen starebbe vendendo alla croata Rimac la Bugatti, l’accordo tra le parti sarebbe già stato approvato dai vertici Volkswagen, ma deve ancora essere firmato dal consiglio di sorveglianza. Kia ha sette modelli elettrici pronti per essere immessi sul mercato entro il 2027, ma il piano più ampio prevede di avere il 25% delle vendite totali del marchio composto da soli veicoli elettrici entro il 2029.

16 settembre – L’Ad di Haah Motors Holdings, Duke Hale (ex-Isuzu ed ex-Ceo di Lotus Cars), ha annunciato che produrrà negli Stati Uniti, oltre i Suv del marchio cinese Vantas anche i Suv compatti del marchio – sempre cinese – T-Go partendo da una piattaforma di provenienza Chery. Ferrari ha confermato il suo piano presentato nel 2018 che prevedeva 15 lanci di nuove vetture per il 2022. Secondo il responsabile delle attività europee di Fca, Pietro Gorlier, “Serve un piano comune, frutto di un lavoro congiunto tra pubblico e privato per affrontare le sfide del settore” usando se necessario anche le opportunità del Recovery Fund, “bisogna sostenere gli investimenti e ora con la pandemia ci sono le risorse. Il settore auto stava già affrontando molte sfide, ma la pandemia ha accelerato il cambiamento e se non affrontiamo queste sfide con un piano unico sarà un problema, non solo per noi produttori, ma anche per i fornitori e per la società tutta” ha concluso il manager Fca. Il Parlamento ha introdotto, nel DL Semplificazioni una disposizione che consente di snellire le procedure di sostituzione decennale dei serbatoi di Gpl e metano degli autoveicoli. I costruttori auto sono preoccupati per l’annuncio della Commissione europea di un inasprimento dei limiti fissati per la riduzione globale della CO2 di almeno del 55% entro il 2030, mentre in precedenza il limite era stato fissato al 40% sempre entro il 2030.

15 settembre Opel ha inaugurato presso lo stabilimento di Russleheim in Germania la produzione della nuova Insignia, nello stabilimento tedesco Psa ha annunciato, dal 2021 anche la fabbricazione della nuova Astra e di una nuova auto a marchio DS Automobiles sul pianale della stessa Insignia. Fca e Psa hanno rivisto alcuni aspetti finanziari del loro accordo di fusione, in primo luogo sarà modificato il maxi dividendo da 5,5 miliardi previsto da Fca per i propri azionisti in vista dell’aggregazione con il gruppo francese in 3 miliardi di euro, mentre i restanti 2,5 miliardi sarebbero garantiti con la distribuzione di asset tra cui la società di componentistica Faurecia

14 settembre – Potrebbero essere quantificate in circa 110 miliardi di euro le perdite commerciali nei prossimi 5 anni se il Regno Unito uscisse dalla Ue con un “no deal”, scenario questo che metterebbe a rischio una platea di circa 14,6 milioni di nuclei familiari in Europa. “Continua a sorprendermi che si metta in dubbio l’entità dei nostri investimenti in Italia e che si sminuisca il valore di aver portato a Torino la 500 elettrica. Solo in Italia stiamo investendo 5 miliardi di euro, un impegno che tocca tutti i nostri stabilimenti, di cui due nel comprensorio di Mirafiori.” ha affermato Pietro Gorlier, Responsabile delle attività europee di Fca in occasione dell’inaugurazione nel piazzale logistico del Drosso dell’impianto pilota Vehicle-to-Grid (V2G). Marelli Corporation KK e Highly International Limited hanno comunicato di aver firmato un accordo che porterà alla costituzione di una joint venture denominata Highly Marelli Holdings Co (con sede legale a Hong Kong), che opererà in ambito automotive nel cosiddetto settore del “cabin comfort”, ovvero nello sviluppo di sistemi di climatizzazione adatti alle auto elettriche. BMW Brilliance Automotive (BBA) ha avviato la sua linea di produzione di batterie ad alto voltaggio nella provincia del Liaoning, nel sito si produrranno anche le batterie di quinta generazione che andranno a equipaggiare i modelli di prossima uscita della Casa bavarese.

11 settembre – Le vendite di veicoli elettrici e elettrificati in Cina stanno hanno registrato un incremento ad agosto con circa 109.000 vetture vendute (+25,8% rispetto allo stesso mese dello scorso anno), da inizio anno le vendite di questi veicoli sono state 596.000 con un calo – dovuto alla crisi Covid – del 26,4% rispetto allo stesso periodo del 2019). Nissan ha raggiunto quota 500mila Leaf prodotte a livello globale. McLaren ha deciso di mettere in vendita il suo quartier generale a Woking in Inghilterra. Maserati ha iniziato a svelare parzialmente il suo nuovo prototipo di auto sportiva elettrica denominato Folgore. Peugeot ha festeggiato il traguardo di 100.000 unità complessive vendute in Italia per i Suv 3008 e 5008. Si è esaurito il pacchetto di incentivi da 100 milioni di euro per l’acquisto di auto rientranti nella fascia di emissioni di CO2 91/110 g/km, per questo i rappresentanti dell’Unrae hanno lanciato l’appello per rifinanziare urgentemente il fondo. 

10 settembreMaserati ha presentato presso l’Autodromo di Modena il suo piano di sviluppo che prevede, entro il 2024, 16 lanci di modelli di cui 3 completamente nuovi, secondo le stime della Casa del tridente, entro il 2025 i suv rappresenteranno il 70% del suo volume di affari (ovvero il 40% in più rispetto a quanto accaduto nel 2019), nel frattempo è iniziata la raccolta ordini per la supersportiva MC20. Il prossimo 13 settembre verranno celebrati i 30 anni della fabbrica Bugatti automobili italiana, che fu inaugurata il 15 settembre 1990, durante l’evento saranno presenti alcuni esemplari della EB110, il modello che uscì dallo stabilimento di Campogalliano. Bosch e SAP hanno annunciato di aver siglato una partnership strategica con l’obiettivo di semplificare i processi aziendali digitali. Secondo i risultati di una campagna online lanciata da ABB e Green TV, i conducenti di più di 60 Paesi nel mondo avrebbero “promesso” di passare a un veicolo elettrico.

9 settembre Renault e Nissan hanno firmato una lettera di intenti con Uber (MoU) con l’obiettivo di consentire a Uber di elettrificare la sua offerta di mobilità in Europa, la partnership nasce a seguito di un progetto pilota di successo tra Nissan e Uber nel Regno Unito. 

8 settembreVolvo Cars ha annunciato di voler puntare a trasformare il suo business della vendita tradizionale delle auto in concessionaria in un’esperienza integrata di acquisti online/offline, con l’ambizione di arrivare con la sola attività web al 50% del suo volume globale entro il 2025, per questo il construttore svedese, di proprietà della cinese Geely, ha acquisito Upplands Motor, una concessionaria con sede a Stoccolma, insieme al Dealer Bra Bil con l’obiettivo di fondere le due aziende in una concessionaria sperimentale. L’Autodromo di Modena ospiterà il 9 settembre l’evento “MMXX: Time do be audacious” che accenderà le luci del palcoscenico mondiale della nuova mobilità di Maserati con la presentazione della supersportiva MC20. General Motors ha annunciato di aver acquisito l’11% del capitale di Nikola. Schaeffler, industria di componentistica per automobili tedesca, ha annunciato che ridurrà di 4.400 unità la sua forza lavoro entro il 2022 in 12 siti in Germania e in altri due Paesi europei, il Gruppo si aspetta da questa misura un risparmio operativo tra i 250 e i 300 milioni di euro all’anno. 

7 settembreFactory 56, l’innovativa fabbrica motori di Mercedes-Benz, con un investimento di circa 730 milioni di euro sta migliorando la sua efficienza del 25% e diminuendo le emissioni di gas nocivi, questi risultati fanno parte di un piano di investimento da 2,1 miliardi di euro che il costruttore ha stanziato per il sito industriale di Sindelfingen in Germania.

4 settembre – Secondo alcune fonti del Ministero dell’Industria cinese, General Motors sarebbe in fase avanzata con le trattative per una collaborazione con Saic Motor (di proprietà dello Stato cinese) e Guangxi Automobile Group per sviluppare una joint venture che punta a operare nei pick-up e nei veicoli commerciali. 

3 settembreFord ha annunciato l’intenzione di voler tagliare 1.400 posti di lavoro negli Stati Uniti entro la fine del 2020, il piano di austerità che la Casa intende approntare, mira a un risparmio totale di 11 miliardi di dollari e comprende un piano di uscite volontarie dall’azienda per i dipendenti vicini alla pensione. Renault ha annunciato il suo progetto di riorganizzazione, questo prevede la creazione di quattro business unit: Renault, Dacia, Alpine e Nuove Mobilità

Di speranza e di passione, ammissioni di colpa dovute

Ammissione di colpa, paragrafo 1. Su queste pagine si è molto scritto a proposito del disinteresse delle istituzioni italiane nei confronti del settore Automotive italiano. Si è scritto di disinformazione, non ascolto, non comprensione, ostilità, sfruttamento (del settore, come fosse un bancomat o una bestia da latte), eccetera. Lo si è fatto in passato, lo si è fatto con l’attuale Governo e le attuali istituzioni, perché – pur passando il tempo e i Governi – nel tempo è parso di intravedere una certa continuità di atteggiamento. D’altronde, fresco è ancora il ricordo di Salvini che si spende compiaciuto per l’Automotive italiano dal palco di Verona, ancora fresco – andando più indietro - è il ricordo della prima volta in cui si sentì parlare della necessità di istituire una cabina di regia, per coordinare e promuovere “la nuova cultura della mobilità, attenta alla coincidenza tra interessi individuali e collettivi”, perché la nuova mobilità “non accadrà girando una chiave, ma passerà attraverso un lungo periodo di transizione, dove sarà fondamentale la nostra capacità di fare sistema utilizzando al meglio le tecnologie disponibili, pianificando le necessarie infrastrutture e orientando le scelte di politica della mobilità verso l’equazione più efficiente per la collettività” (visione d’insieme, Massimo Nordio allora presidente di Unrae, luglio 2016). 
Ora. Appena qualche settimana fa, spettatori di una delle videoconferenze organizzate da #ADD20, l’Automotive Dealer Day in versione virtual-digitale, abbiamo appreso di essere in torto. E grandemente. Perché, ci è stato rivelato dal presidente di Unrae, Michele Crisci, e dal presidente di Federauto, Adolfo De Stefani Cosentino, Governo e istituzioni che oggi ci regolano e guidano, hanno più volte dimostrato disponibilità, interesse, perfino comprensione delle necessità, ragioni e argomentazioni del mondo dell’auto. Eravamo perciò pronti a rivedere la nostra posizione, ad accogliere con gioia il cambiamento epocale, quasi anche a fare ammenda e a riconoscere la nostra colpa. Senonché, quel giorno lì era l’8 ottobre e via mail ci è arrivato il comunicato congiunto Unrae-Federauto, che recava il titolo “Il mancato rifinanziamento dei fondi per il corrente anno vanifica…”, eccetera. 

Leggi tutto...