I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

29 giugno – Il Ministro per lo Sviluppo Economico e vice premier, Luigi Di Maio, continua a spingere per la revoca della concessione autostradale ad Atlantia, promettendo giustizia per i 43 morti della tragedia del crollo del Ponte Morandi di Genova.

28 giugnoPsa, dopo aver chiuso un accordo con IG Metall, il comitato aziendale dei lavoratori tedeschi di Opel, ha deciso di investire nello stabilimento di Russelheim per assicurare il futuro della fabbrica con la produzione della nuova generazione della Astra a partire dal 2021. È nato il primo social mobility network italiano, si chiama PopMove e permette di condividere la propria auto quando non la si usa. Volkswagen entra nel business del car sharing, lanciando a Berlino il servizio WeShare, che mette a disposizione degli utenti registrati 1.500 e-Golf alle quali, dal 2020, si aggiungeranno 500 e-up! e poi le prime ID.3. Non ci saranno aumenti di tariffa per i tratti autostradali di competenza di Autostrade per l’Italia, sino al 15 di settembre, il provvedimento della società del Gruppo Atlantia di posticipare i rincari previsti per il 1° luglio è stata presa per favorire gli spostamenti degli italiani verso le mete di vacanza”.

27 giugno – Nel 2018 sono stati 5,2 milioni gli italiani che hanno effettuato l’iscrizione ai servizi di sharing mobility, un milione in più rispetto al 2017. La multiutility Garda Uno, ha lanciato il progetto di car sharing elettrico E-Way, che utilizzerà le Renault Zoe, oltre a installare 32 punti di ricarica nel territorio del lago di Garda. 

26 giugnoJeep Cherokee ha conquistato, per il secondo anno consecutivo, il primo posto nella classifica tra i modelli di auto “più americani” fra quelli costruiti in Usa, secondo l’American-Made Index di Cars.com, infatti, il Suv di Fca è l’auto che meglio soddisfa le condizioni per essere considerata un autentico prodotto a stelle e strisce. Secondo i dati dell’Acea, nel corso del 2018, le emissioni di CO2 in Europa sono aumentate dell’1,6%.

25 giugnoHiroto Saikawa, numero uno di Nissan, ha affermato che “l’azienda è pronta a rivedere la partecipazione azionaria nell’Alleanza con Renault se dovesse rendersi necessario”, mentre riguardo al progetto di fusione con la Casa francese, il parere del manager nipponico è chiaro: “non è competitivo per Nissan”, sempre all’assemblea degli azionisti, Nissan ha poi approvato il progetto di riforma della governance voluto dai vertici della società dopo l’arresto di Carlos Ghosn, Renault rimane con il 43% delle azioni, quindi con il capitale di controllo, ma ha assicurato il passaggio della mozione voluta da Nissan con i suoi voti. Le prime due auto del marchio vietnamita VinFast, la berlina Lux A2.0 e Lux SA2.0, progettate da Pininfarina, usciranno dalla fabbrica di Dinh Vu, uno stabilimento con capacità produttiva attuale di 250.000 vetture all’anno (a regime saranno 500mila). Il tavolo della mobilità che si è tenuto a Berlino, si è concluso con l’obiettivo di portare 10 milioni di auto elettriche sulle strade entro il 2030.

24 giugno – Il marchio sportivo Cupra che fa parte di Seat (Gruppo Volkswagen) avrà una nuova sede a Martorell, andando a occupare l’attuale struttura nata per Seat Sport. Volkswagen ha aperto un nuovo centro di sviluppo informatico presso la Fabbrica di Vetro di Dresda, nel quale operano per ora 80 specialisti di Information Technology. Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha annunciato un piano di incremento delle colonnine di ricarica per i veicoli elettrici in previsione di 330.000 fra auto e furgoni elettrici che dovrebbero circolare nella capitale britannica nel 2025, passando da 2.300 punti di ricarica rapida a 33.700 e da 4.100 a 47.500 colonnine convenzionali. Tesla ha aggiunto una nuova funzionalità alla sua Model 3 che può essere usata come maxi simulatore di guida per video game da usare solo in fase di parcheggio.

21 giugno – Secondo Gerhard Dambach, Ad di Bosch Italia, “sono a rischio, tra collaboratori e indotto delle varie aziende che operano in Italia nel settore diesel, 150mila posti di lavoro” a causa della contrazione delle vendite delle auto a gasolio. Nissan ha deciso di avvicinarsi alle richieste di Renault riguardo al progetto di riforma della corporate governance e di confermare le nomine dell’amministratore delegato di Renault, Thierry Bolloré come membro di uno dei comitati, oltre a quella già prevista del presidente, Jean Dominique Senard, che sarà anche vicepresidente del CdA della Casa nipponica, in una nota la Casa francese, afferma che “la presenza di Renault nella nuova governance di Nissan (la Casa francese detiene il 43,7% di Nissan, ndr) conferma lo spirito di dialogo e di reciproco rispetto che esiste nell’Alleanza”. Psa ha iniziato la produzione nel suo nuovo stabilimento di Kenitra in Marocco, alla presenza del re Mohamed VI, la fabbrica raggiungerà una capacità produttiva di 200mila veicoli a partire dalla metà del 2020 e servirà 80 mercati, in Africa, Psa è l’unico costruttore automobilistico a coprire tutta la catena del valore, costituita in Marocco da 62 fornitori locali e 27 nuovi siti fornitori che sono stati creati proprio per alimentare la fabbrica. Nonostante i dubbi espressi dagli azionisti a seguito dell’arresto in Giappone dell’ex-tycoon Carlos Ghosn, il numero uno di Mitsubishi Motors, Osamu Masuko, ha riaffermato l’impegno dell’azienda a rimanere parte della sinergia con Nissan e Renault. Il ricercatore italiano Luca Carlone ha messo a punto, presso il Massachusetts Institute of Technology un algoritmo adatto alla guida autonoma che potrà essere usato per “vedere” nella nebbia.

20 giugno – Il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha affermato che “presto con il Politecnico di Milano, istituiremo al circuito di Monza, un centro di ricerca dedicato alla guida autonoma, lo stiamo predisponendo per la guida senza conducente effettuata con intelligenza artificiale”. Con la formula di noleggio condivisa 2Share, Volkswagen offre la possibilità di pagare la rata mensile a metà per due utenti, senza anticipo, soluzione dedicata a coloro che desiderano avere un’auto a disposizione, ma sanno che ne faranno un uso limitato condividendo i costi e l’auto con un altro utente. Renault e Nissan hanno firmato un accordo con Waymo – azienda di Google che sta sviluppando la guida autonoma con Fca – volto a esplorare i servizi di mobilità senza conducente, per il trasporto di passeggeri e la consegna merci, in Francia e in Giappone.

19 giugno – Entro il 2025, Volkswagen ha intenzione di impiegare 5.000 esperti digitali nella sua divisione Car.Software che svilupperà i programmi di gestione dei veicoli, “vogliamo creare un centro per l’auto digitale e la piattaforma Cloud con i migliori esperti del mondo”, ha affermato Christian Senger, membro del consiglio di amministrazione del brand Volkswagen e responsabile auto e servizi digitali. Continental sta investendo oltre 100 milioni di euro per l’espansione della propria linea di produzione e del Centro Ricerca e Sviluppo a Lousado in Portogallo.

18 giugnoIneos, il Gruppo del miliardario britannico Jim Ratcliffe, che sta sviluppando il fuoristrada Grenadier 4x4, ispirato al Land Rover Defender, sta pensando a una versione a idrogeno tanto che per sviluppare questa tecnologia ha avuto accesso al fondo britannico per i veicoli a basse emissioni di CO2, ottenendo un finanziamento di 28 milioni di euro. Smart è partner di E-Gap, la prima realtà in Europa a introdurre sul mercato un servizio di fast charge su richiesta in mobilità attraverso accumulatori montati su speciali veicoli che fungono da caricatori mobili.

17 giugnoHyunday e Kia hanno deciso di investire in Aurora, società specializzata nella tecnologia di self driving, per accelerare lo sviluppo della guida autonoma per i modelli futuri dei due marchi.

15 giugno – I dipendenti e gli operai della fabbrica Volkswagen di Chattanooga in Tennessee hanno bocciato il sindacato opponendosi alla creazione nello stabilimento di una rappresentanza del potente United Auto Workes, che rappresenta la totalità dei metalmeccanici statunitensi.

14 giugno – Il presidente di Anfia, Paolo Scuderi, durante il convegno “Da Automotive a Mobility, l’evoluzione della Qualità nell’Auto” è stato critico riguardo le ultime disposizioni del Governo per il comparto auto, giudicando il sistema introdotto di incentivo e disincentivo alle vendite di auto inquinanti penalizante. Il fatturato dell’industria italiana di autoveicoli, comunica Istat, è in calo anche nel mese di aprile, dove perde l’8,6% rispetto allo stesso mese del 2018, in particolare la flessione è del 7,4% per il mercato estero e del 9,3% per quello interno. L’impianto polacco di Bielsko-Biala di proprieta di Fca Powertrain ha prodotto il suo motore FireFly numero 100.000. Secondo uno studio di Pwc che è stato reso noto da Anfia, entro il 2022 il 100% delle nuove auto in Usa, Europa e Cina sarà connessa, mentre dal 2025 ci sarà un’accelerazione dell’elettrificazione grazie all’adeguamento dei prezzi e delle infrastrutture di ricarica. Fca ha siglato due accordi con Enel per lo sviluppo di soluzioni dedicate alla mobilità a sostegno della produzione e commercializzazione dei modelli ibridi plug-in e a batteria previsti nel piano industriale del Gruppo 2018-2022. 

13 giugno – Secondo il ministro dell’economia francese, Bruno Le Maire, i colloqui tra Renault e Fca “possono essere ripresi dopo che si è ricreata la fiducia” con Nissan, ribadendo che “non siamo stati noi a far fallire il matrimonio tra Renault e Fca”. Secondo il “Quaderno d’Analisi” elaborato dal Centro Studi della Fondazione Ergo, il settore dell’auto rappresenta, componentistica compresa, il 5,6% del Pil italiano, con 93 miliardi di euro di fatturato e 250.000 addetti.

12 giugnoElon Musk, nel corso dell’Assemblea annuale degli azionisti di Tesla, ha affermato “Non c’è alcun problema di domanda, Tesla non è sull’orlo della bancarotta”. Secondo il Ceo di Uber, Dara Khosrowshahi, parlando del futuro delle auto autonome, ha affermato che ci vorranno più o meno di 15 anni prima di poter mettere in strada i propri taxi autonomi, comunque, nei prossimi 5 anni saranno introdotte delle funzioni e delle caratteristiche delle auto autonome. Audi ha richiamato 7.000 veicoli del modello E-tron, lo riferisce il giornale Welt, poiché in condizioni particolarmente sfavorevoli, potrebbe verificarsi un corto circuito e la batteria potrebbe prendere fuoco. Sono 3 milioni le Fiat 500 (compresi 500L e 500X) vendute in Europa. Fca e Figc hanno rinnovato il contratto di sponsorizzazione che vedrà gli azzurri della nazionale di calcio, usare auto Fiat fino al 2023. Il Presidente di Renault, Juean Dominique Senard, nel corso dell’assemblea generale del gruppo, ha pronunciato un discorso difendendo l’opportunità di una fusione con Fca

11 giugnoMitsubishi Motors Corporation ha celebrato il decennale del lancio della sua city car i-MiEV a zero emissioni, introdotta sul mercato nel 2009. Alibaba ha annunciato un accordo con Audi, Renault e Honda, per portare i suoi smart speaker e l’assistente vocale a bordo delle auto dei tre marchi commercializzate in Cina, la soluzione si chiama Tmall Genie Auto e si basa sull’intelligenza artificiale. 

10 giugno – La produzione italiana di autoveicoli, lo riporta l’Istat, è diminuita ad aprile 2019 dell’17,1% rispetto all’anno precedente nei dati corretti per gli effetti di calendario, mentre nei primi 4 mesi del 2019 la contrazione è del 14,7%. Hyundai Motor ha celebrato la produzione di 3 milioni di auto prodotte nel suo stabilimento di Nosovice in Repubblica Ceca, fondato nel 2008. Il Presidente di Renault, Jean Dominique Senard, avrebbe scritto una lettera a Nissan nella quale, secondo il Financial Times, si minaccia di bloccare una riforma della governance voluta dai giapponesi all’interno dell’Alleanza. Fca e Renault, starebbero cercando di riannodare il filo del negoziato e assicurarsi il supporto al progetto di fusione da parte di Nissan, la quale potrebbe chiedere a Renault di ridurre la quota del 43,4% nel suo capitale azionario in cambio del suo sì al matrimonio di Fca. Enel X ha installato le prime 12 di 20 colonnine di ricarica da 22 kW previste all’interno della Città del Vaticano. Volkswagen ha confermato il programma che prevede la costruzione in Europa (entro il 2025), di 36.000 punti di ricarica, di cui 11.000 installati presso le diverse sedi dell’azienda e nelle circa 3.000 concessionarie di tutte le maggiori città. 

8 giugno – I big dell’auto hanno scritto una lettera aperta alla Casa Bianca affinché il Presidente Trump non rottami le norme anti inquinamento dell’era Obama la cui entrata in vigore è prevista entro l’estate, questo rischierebbe di avere un mercato auto Usa spaccato in due, visto che almeno 13 Stati americani sono pronti a impugnare le nuove regole volute da Trump.

6 giugno – Il Cda di Renault ha rinviato ogni decisione sulla fusione con Fca su richiesta dello Stato francese. Luigi di Maio ha dichiarato, riguardo alla mancata fusione Fca-Renault: “La Francia non ha fatto una bella figura, noi anche se in contatto con Fca, abbiamo rispettato una operazione di mercato. Nemmeno Renault è contenta dell’interventismo dello Stato francese. Se si fa mercato, una grande azienda parla con la sua omologa, non interferiscono ministri e presidenti della repubblica”. Con Arval Mobility Observatory, che prende il posto del precedente Corporate Vehicle Observatory, nasce una nuova realtà dedicata alla promozione di ricerche indipendenti sulla mobilità. Il Gruppo BMW ha proseguito il suo programma di investimenti in Messico, nonostante le pressioni contrarie del presidente Trump, con un miliardo di dollari impegnati nell’impianto di produzione di San Luis Potosi. Evolvea ha sviluppato un sistema anti truffa, denominato Diogene, in grado di leggere il chilometraggio reale di un’automobile; questo strumento è prodotto dalla società svizzera FgmTech

5 giugno – Il trend negativo globale che sta condizionando il settore automotive sarà visibile anche al prossimo Salone di Francoforte, nel quale non esporranno i gruppi Psa e Fca, assenti anche i marchi Nissan, Mitsubishi, Suzuki, Subaru e Volvo. La Cina ha comminato una multa da 23,6 milioni di dollari alla joint venture Changan Ford Motor per gli accordi di “rafforzamento del monopolio verticale”, di fatto vietando ai Concessionari di fissare i prezzi dei veicoli danneggiando l’equa concorrenza e i legittimi interessi dei consumatori. In una nota, Renault ha annunciato che il suo “Cda si è riunito con lo scopo di rivedere nel dettaglio gli elementi costitutivi della proposta ricevuta da Fca lo scorso 27 maggio” ed è stato deciso “di continuare a studiare con interesse l’opportunità di una fusione e di protrarre i colloqui su questo tema”. Il ministro dell’economia francese Bruno Le Maire ha dichiarato di non essere d’accordo alla fusione tra Renault e Fca “a ogni costo”, piuttosto la posizione del politico è quella di “prendere tempo per fare le cose per bene”, il ministro punta inoltre sulla centralità della Francia come sede del nuovo soggetto. BMW Group e Jaguar Land Rover, hanno annunciato una collaborazione per sviluppare unità di propulsione elettrica di nuova generazione. La Chevrolet Bolt EV, l’auto compatta 100% elettrica di GM è la piattaforma sulla quale Michelin sta collaudando Uptis, l’innovativa gomma-fachiro autoportante che non teme chiodi da 10 centimetri.

3 giugno Ubeeqo, azienda di Europcar Mobility Group, ha consolidato la sua leadership in Francia diventando il car sharing numero 1 a Parigi. Honda ha reso noto che il sistema di retrovisori laterali digitali sarà di serie sulla City Car Honda E.

1 giugno – “Con circa 800 milioni di euro di produzione prevista per il 2019, di cui 150 dovuti al piano cantieri, l’Anas prevede di rifare la pavimentazione stradale di 6.100 chilomentri, tali interventi sono una garanzia per la sicurezza di tutti i cittadini”, lo ha detto il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli.


Se Torino va a Milano, e la politica gioca a fare autogol

Perciò Torino va a Milano, nel senso del Salone dell’auto che cambia residenza. Lascia la città che gli era propria, lascia la dimora, il Parco Valentino, che lo ha visto rinascere e prosperare e affermarsi addirittura come standard con il quale dovranno misurarsi da qui in avanti gli show dell’auto, laddove pochi, pochissimi, avrebbero scommesso sulla sua capacità di durare oltre due, tre edizioni. Sono state invece cinque, l’ultima delle quali illuminata dalla presenza di 700mila visitatori e di 54 Marchi auto. Un trionfo di pubblico e di critica. Poi, è entrata in scena la politica – bassa, rigorosamente con la minuscola. E Torino, perciò, se ne va a Milano. Naturalmente, il fulmine a ciel sereno scagliato da Andrea Levy, presidente del Salone, che annunciando il trasloco ha insieme fornito le date del primo appuntamento milanese e quella della conferenza stampa di presentazione, qualche dubbio consistente lo ha prodotto. Si è detto: non si può improvvisare su due piedi un trasloco di questa portata; e in Italia, poi, dove la burocrazia è padrona e per ottenere permessi ci possono volere anni; e per andare a Milano, infine, che ha un’agenda degli eventi in cui, per trovare un buco libero, bisogna fare i salti mortali… E ancora, si è detto, un imprenditore che ha dimostrato di saperci fare, e Andrea Levy lo è, procede per programmi, non per improvvisazioni o colpi di testa. Quindi, si è concluso, la decisione di lasciare Torino non nasce dall’ultimo scontro con l’amministrazione locale – il vicesindaco Guido Montanari in testa, con la sua “speranza nella grandine” affinché mandasse all’aria l’ultima edizione del Salone del Parco Valentino - ma era stata già presa da tempo, si aspettava solo un casus belli per metterla in atto, e il casus belli è puntualmente arrivato.

Leggi tutto...