I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

31 maggio – Il Tar del Lazio, rigettando il ricorso di Volkswagen, ha confermato la maximulta da 5 milioni di euro inflitta nel 2016 dall’Antitrust per i fatti collegati al Dieselgate. L’Ad di Nissan, Hiroto Saikawa, si è detto interessato a incontrare il presidente di Fca, John Elkann, per parlare della proposta di fusione con Renault. Il CdA di Renault è stato chiamato a riunirsi martedì 4 giugno per discutere della proposta di fusione avanzata da Fca, l’obiettivo è quello di arrivare a una fusione tra eguali, entrambi con il 50% di quote, oltre a quello di formare il terzo gruppo automobilistico automotive mondiale (senza per ora il coinvolgimento esplicito di Nissan-Mitsubishi). 

30 maggio – Èstata presentata la nuova versione della Renault Twingo rivista nel look sia all’interno che all’esterno. Secondo il quotidiano nipponico Nikkei, Fca ha chiesto un incontro a Nissan e Mitsubishi per spiegare la proposta di fusione con Renault, riferendosi a una lettera inviata in Giappone dal presidente di Fca, John Elkann. Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha declinato la possibilità di acquistare quote di Fca al pari dello Stato francese che detiene una quota in Renault, da parte dello Stato italiano “Non ne vedo il motivo”, ha detto il ministro. La Giunta comunale di Napoli ha approvato la delibera che determina, per un periodo di due anni, la sosta gratuita per le vetture elettriche e un sistema di agevolazioni economiche per la sosta delle auto ibride. 

29 maggio – Ben 186 investigatori hanno passato al setaccio gli uffici Porsche a Stoccarda per verificare un presunto caso di frode, partito dall’addio improvviso del manager Uwe Hueck, capo del consiglio di fabbrica della casa tedesca, ma anche membro della fondazione Pforzheim, per la quale carica avrebbe percepito dalla stessa Porsche, somme di denaro non proporzionate alla sua attività in azienda. Volkswagen, attraverso Seat, ha firmato un accordo per partecipare in Cina, usando la joint Venture con JAC, per partecipare al progetto Smart City a Hefei, città da 5 milioni di abitanti, nella provincia di Anhui, nel quale si prevede la costruzione di un centro di ricerca entro dal 2021. L’Ad di Ferrari, Louis Camilleri ha descritto la nuova auto sportiva del Cavallino SF90 “una pietra miliare della storia della Ferrari, perché completamente rivoluzionaria”. 

28 maggio – Secondo quanto riportano i media francesi, sarà lo stesso presidente di Renault, Jean Dominique Senard, a fornire maggiori dettagli ai partner Nissan e Mitsubishi riguardo alla proposta di fusione avanzata da Fca, “Credo – ha affermato il manager transalpino – che i recenti eventi rappresentino una buona notizia per l’intera alleanza e mi accerterò che ci siano vantaggi anche per Nissan e Mitsubishi”, nel frattempo il numero uno di Nissan, Hiroto Saikawa, ha precisato che la Casa giapponese non era stata coinvolta nelle trattative iniziate tra Fca e Renault. Secondo il presidente di Fca, John Elkann, “la nostra proposta di fusione con Renault creerà il potenziale per costruire una partnership globale con tutte e tre le grandi aziende coinvolte”. Secondo il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire, lo Stato manterrà il 7,5% delle azioni della nuova entità che si verrà a formare con la fusione tra Fca e Renault e vigilerà sugli interessi nazionali.

26 maggio – Secondo il quotidiano economico giapponese Nikkei, i marchi Alfa Romeo e Maserati sarebbero l’elemento di forza nel segmento delle auto di lusso nella futura alleanza con Renault, ma potrebbero essere anche l’ago della bilancia per quanto riguarda l’interesse di Nissan e Mitsubishi che in questo momento stanno ancora considerando gli scenari di un eventuale accordo allargato con Fca all’intera Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. Secondo gli analisti, un eventuale accordo Fca-Renault, se venisse allargato anche all’intera Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, potrebbe portare alla creazione del più grande gruppo automobilistico del mondo in grado di produrre oltre 15 milioni di unità l’anno, staccando di molto Volkswagen e Toyota, con un valore di 33 miliardi di euro nella sola configurazione a due Fca+Renault. Secondo il presidente di Fca, John Elkann, l’eventuale alleanza con Renault “Sono operazioni che si possono fare e portano benefici per entrambi i Paesi (Italia e Francia, ndr)”. Il CdA di Reanult, “dopo un attento esame dei termini della proposta di Fca, ha deciso di studiare con interesse l’opportunità di una tale combinazione”, lo afferma una nota del gruppo francese. “Il governo francese (azionista di Renault con il 15% delle quote, ndr) è favorevole e incoraggia la fusione tra Fca e Renault, anche se al momento aspetta di conoscerne tutte le condizioni”, lo ha affermato il portavoce dell’esecutivo transalpino Sibeth Ndiaye. Il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire, ha incontrato il presidente di Renault, Jean Dominique Senard, per parlare dell’operazione Fca-Renault

25 maggio – Secondo quanto riportato dal Financial Times, Fca sarebbe in trattative avanzate per una collaborazione con Renault per un probabile ingresso all’interno della esistente Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi attraverso uno scambio azionario, per il quotidiano finanziario il gruppo Fca sarebbe interessante agli occhi dell’Alleanza per la sua presenza strategia nei mercati nord americani e per i marchi Alfa Romeo e Maserati.  

24 maggioFca ha celebrato, presso lo stabilimento produttivo di Melfi, l’uscita dalla Fiat 500 X numero 500.000. EnelX e Nissan parteciperanno alla sperimentazione a Milano del sistema vehicle to grid, la tecnologia che permette alle vetture elettriche di ricevere o dare elettricità alla rete cittadina. 

23 maggioFca appronterà una nuova fabbrica di motori GSE Turbo nel suo stabilimento di Betim in Brasile per trasformarlo nel maggiore polo industriale per motori e trasmissioni dell’America Latina.  Bosch dovrà pagare una multa da 90 milioni di euro nell’ambito dell’inchiesta tedesca sul Dieselgate. EnelX ha intenzione di entrare nel mercato del rifornimento delle auto elettriche in Germania. Landi Renzo e la Hydrogenics Corporation si sono alleate per realizzare un prototipo di pila a idrogeno per alimentare i camion.

22 maggioFca ha festeggiato a Buenos Aires i 100 anni della presenza in Argentina di Fiat. Sarà la tecnologia legata alla blockchain ad assicurare un approvvigionamento per la filiera produttiva di Volkswagen che punta a gestire in modo sempre più efficiente i suoi oltre 40mila fornitori. 

21 maggio Volvo Car Group ha annunciato di aver firmato alcuni accordi a lungo termine con Catl e Lg Chem (aziende produttrici di batterie), per assicurarsi forniture per un valore di alcuni miliardi di dollari. 

20 maggio – Il Governo inglese ha deciso di rivedere la politica di incentivi alle auto ibride plug-in per colpire quei cittadini che ricevono il sostegno all’acquisto di queste auto ma non le ricaricano alle colonnine, creando un danno al sistema tecnologico installato per la ricarica e all’ambiente. La Mann + Hummel ha sviluppato un sistema di filtraggio del particolato per i freni auto. 

17 maggioHyundai Motor Group e la Rimac Automobili hanno annunciato una partnership per lo sviluppo di mezzi elettrificati con un investimento rispettivamente di 64 e 16 milioni di euro. Renault ha annunciato la sperimentazione del suo veicolo commerciale elettrico EZ-Flex con il gruppo La Poste. L’ex-velocista giamaicano, ora imprenditore della mobilità, Usain Bolt, ha presentato un quadriciclo elettrico denominato B-Nano che sarà commercializzato a partire dal 2021. L’Antitrust italiano ha avviato una istruttoria su Google per presunto abuso di posizione dominante dopo il rifiuto da parte del colosso informatico, di non integrare nel market app Google Play l’applicazione “EnelX Recharge” che serve agli utenti per la ricarica delle batterie delle auto elettriche. 

16 maggioCitroën, sta proseguendo nella sua strategia di rinnovamento e di elettrificazione della gamma, prevedendo una novità all’anno ed entro il 2020 l’elettrificazione di ogni nuovo modello.

15 maggio Donald Trump ha deciso di far slittare di altri sei mesi, l’applicazione dei dazi doganali per le auto di Giappone ed Europa, per dare più tempo ai negoziati in scadenza il prossimo 18 maggio. Secondo il presidente di Seat, Luca De Meo, “andiamo verso una dematerializzazione del prodotto e della vendita auto: nel settore cambierà la catena del valore e la maggior parte di questo valore tra 3 o 4 anni sarà nel software e non più nell’hardware delle vetture. È sbagliato rifiutare il cambiamento, tutta la filiera, compresi i Dealer, che vogliamo siano attori protagonisti, deve capire come gestire le linee di business della mobilità del futuro, a prescindere dai benefici nel breve termine”.

14 maggio John Elkann, presidente di Fca, ha confermato l’inizio dei lavori presso la fabbrica di Mirafiori, per installare la linea di produzione della Fiat 500 elettrica che vedrà la luce nel 2020. McLaren Automotive ha raggiunto il traguardo delle 20.000 unità prodotte presso lo stabilimento di Woking in Inghilterra, il modello record è una McLaren 600LT Spider. Il marchio Lotus, dal 2017 di proprietà Geely, sta assumendo in Inghilterra 200 ingegneri che saranno impiegati nel nuovo centro R&D. Anfia, Federauto e Unrae, hanno chiesto al governo, nell’ambito dell’Automotive Dealer Day, risorse per rinnovare il parco circolante, costruire infrastrutture, una cabina di regia comune con le istituzioni e una visione del futuro strutturata per il comparto automotive. 

13 maggio Seat ha venduto, in tutti i mercati nei quali è coinvolta, 202.600 auto nel primo quadrimestre del 2019 (+7%), mentre Cupra ha consegnato 7.900 unità (+82,3%), i migliori mercati di Seat sono stati quello tedesco (+13,4%), quello inglese (+7,6%) e il francese (+14,6%), mentre in Italia la crescita è stata del 13,8%. Opel ha richiamato in Europa circa 210.000 utilitarie con motori a benzina a causa di possibili problemi nelle emissioni di ossidi di azoto, i modelli interessati sono le Adam e Corsa con motori 1,2 e 1,4 litri. Con l’ordinanza n.12309/19 la Corte di Cassazione ha stabilito che le multe effettuate con autovelox sono impugnabili se l’apparecchio è posto in senso opposto a quello di marcia.

11 maggio – Secondo l’agenzia nipponica di stampa Kyodo, Nissan si sta apprestando a ridurre le sue stime sul fatturato nel prossimo business plan, concentrandosi sulla redditività, abbandonando le strategie di Carlos Ghosn che puntava, invece, sui volumi di vendita. L’Ad di Lamborghini, Stefano Domenicali, ha annunciato la marca avrà presto una supercar ibrida. 

10 maggio - Si chiamerà “Marelli” il gruppo nato dalla Calosnic Kansei e Magneti Marelli. “Il compito di Seat è quello di costruire auto elettriche per milioni e non per milionari”, lo ha detto il presidente della Casa, Luca De Meo. Mazda Motor Corporation ha chiuso l’anno fiscale lo scorso 31 marzo con un totale di 1.561.000 unità vendute nel mondo, il successo maggiore della marca è avvenuto nel mercato Asean che ha registrato un progresso del 18%, mentre in Europa sono state consegnate 270.000 auto. La Sardegna è ai primi posti per l’incremento di immatricolazioni di auto ibride nel 2018, lo scorso anno questo tipo di vetture ha registrato un +37,8%, al terzo posto dietro Piemonte e Liguria

9 maggio – I Concessionari hanno chiesto al vice presidente del consiglio, Matteo Salvini, un cambio di passo del governo.

8 maggio – “Stiamo chiaramente condividendo gli obiettivi degli accordi di Parigi sul clima, il nostro target è quello di creare una società che sia virtualmente CO2 neutrale entro il 2050”, lo ha dichiarato Juergen Stackmann, membro del board di Volkswagen. Secondo i dati di Anfia, l’ecobonus ha determinato un aumento delle vendite di auto elettriche nel mese di aprile a 1.200 unità di EV e più di 536 ibride plug in, numeri che corrispondono all’1% del mercato. Bosch ha annunciato che entro il 2020 raggiungerà la neutralità ambientale nelle sue 400 sedi in tutto il mondo. Alliance Ventures, il fondo che investe nelle start up per l’Alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, ha annunciato la firma di una partnership con Plug and Play per sviluppare l’open innovation in Cina. 

7 maggio – Il produttore californiano di veicoli elettrici Mullen Technologies ha stretto una collaborazione con la cinese Qiantu per costruire la supercar Qiantu K50 in Usa, mettendosi così al riparo dalle ripercussioni della guerra commerciale che Usa e Cina stanno attuando. Ferrari ha chiuso il primo trimestre del 2019 con un utile netto di 180 milioni di euro (+22%), le consegne sono state 2.610 (+22,7%), i ricavi netti pari a 940 milioni di euro (+13,1%), l’ebit adjusted è pari a 311 milioni di euro (+14,1%) con un margine Ebitda del 33,1%, dati in coerenza con le previsioni dell’anno 2019. I conti di Cnh Industrial del primo trimestre 2019 hanno registrato un utile netto record a 264 milioni di dollari (0,9 dollari ad azione), ricavi consolidati pari a 6,5 miliardi di dollari, per il 2019 si confermano gli obiettivi dei ricavi a 28 miliardi di dollari. La sperimentazione dei veicoli a guida autonoma in Italia è ora possibile grazie all’autorizzazione del Ministero dei Trasporti che ha concesso alla VisiLab di Parma di condurre prove su strada nelle città di Torino e Parma.

6 maggioVolvo Cars, nel primo trimestre 2019, ha aumentato le vendite ai privati del 9,4% per un totale di 161.320 vetture, mentre i ricavi netti sono stati 62.910 milioni di corone svedesi (+10,7% rispetto allo stesso periodo del 2018). Standard & Poors ha pubblicato una previsione sul mercato auto mondiale nella quale si prevedono crolli delle vendite sia in Cina che in Europa e negli Usa.

5 maggio – Nel 2020 Smart non verrà commercializzata negli Usa e nel Canada, lo ha deciso la Daimler.

4 maggioRolls Royce ha festeggiato i suoi 115 anni di attività, la marca inglese è stata fondata nel 1894 grazie alla collaborazione tra Charles Rolls e Henry Royce. Fca pagherà circa 800 milioni di dollari per chiudere l’accordo sul caso delle emissioni dei suoi motori diesel e per il mancato rispetto delle norme americane.

3 maggioFca ha chiuso il primo trimestre del 2019 con un utile netto di 508 milioni di euro (-47% rispetto al primo trimestre 2018), un ebit adjusted di 1,1 miliardi di euro in calo del 29%, ma allo stesso tempo vengono confermati i target fissati per l’anno in corso, secondo l’Ad, Mike Manley, “il 2019 sarà un anno solido”. Ola Kaellenius, che sostituirà alla guida della Mercedes Dieter Zetsche dal 22 maggio, ha partecipato a Shanghai a una tavola rotonda nella quale ha sottolineato come la gamma non verrà ristretta con l’arrivo delle nuove auto elettriche, ma verrà allargata fino a 40 modelli, e che servirà una razionalizzazione per assicurare un risparmio di 6 miliardi di euro. È in via di costituzione un consorzio in stile Airbus tra Germania e Francia per la costruzione di batterie per auto elettriche nel quale il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire, vorrebbe anche l’Italia.

2 maggioMazda ha iniziato la commercializzazione delle sue auto in Grecia grazie alla partnership con Syngelidis Group che si occuperà della distribuzione e della vendita. Fca ha perfezionato la cessione di Magneti Marelli alla Clasonic Kansei, fornitore nipponico di componenti auto, per 5,8 miliardi di euro. Per assicurarsi la costante fornitura di litio, il Gruppo Volkswagen ha firmato un memorandum con Gangfeng Lithium Company Ltd per l’approvvigionamento a lungo termine del minerale.

 


Se Torino va a Milano, e la politica gioca a fare autogol

Perciò Torino va a Milano, nel senso del Salone dell’auto che cambia residenza. Lascia la città che gli era propria, lascia la dimora, il Parco Valentino, che lo ha visto rinascere e prosperare e affermarsi addirittura come standard con il quale dovranno misurarsi da qui in avanti gli show dell’auto, laddove pochi, pochissimi, avrebbero scommesso sulla sua capacità di durare oltre due, tre edizioni. Sono state invece cinque, l’ultima delle quali illuminata dalla presenza di 700mila visitatori e di 54 Marchi auto. Un trionfo di pubblico e di critica. Poi, è entrata in scena la politica – bassa, rigorosamente con la minuscola. E Torino, perciò, se ne va a Milano. Naturalmente, il fulmine a ciel sereno scagliato da Andrea Levy, presidente del Salone, che annunciando il trasloco ha insieme fornito le date del primo appuntamento milanese e quella della conferenza stampa di presentazione, qualche dubbio consistente lo ha prodotto. Si è detto: non si può improvvisare su due piedi un trasloco di questa portata; e in Italia, poi, dove la burocrazia è padrona e per ottenere permessi ci possono volere anni; e per andare a Milano, infine, che ha un’agenda degli eventi in cui, per trovare un buco libero, bisogna fare i salti mortali… E ancora, si è detto, un imprenditore che ha dimostrato di saperci fare, e Andrea Levy lo è, procede per programmi, non per improvvisazioni o colpi di testa. Quindi, si è concluso, la decisione di lasciare Torino non nasce dall’ultimo scontro con l’amministrazione locale – il vicesindaco Guido Montanari in testa, con la sua “speranza nella grandine” affinché mandasse all’aria l’ultima edizione del Salone del Parco Valentino - ma era stata già presa da tempo, si aspettava solo un casus belli per metterla in atto, e il casus belli è puntualmente arrivato.

Leggi tutto...