I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

30 marzo – Secondo indiscrezioni del Financial Times, per quanto riguarda Fca ci sarebbero all’orizzonte pochi possibili scenari, tra i più salienti la ricerca di accordi per piattaforme di condivisione di ricerca e sviluppo con i competitor oppure la fusione o l’unione con un grande gruppo tecnologico, ma non sarebbe presa in considerazione da John Elkan, in questo momento, la possibilità di vendere completamente il ramo auto dell’impero Exor. Carlos Tavares, amministratore delegato di Psa ha smorzato le voci di un possibile interesse del Gruppo francese nei confronti di Fca.

29 marzo – Lo stabilimento ex-Pininfarina di Grugliasco torna a vivere grazie a tre aziende, Leva, Febametal e Sargomma, che hanno acquisito l’area industriale per oltre 3,4 milioni da Finpiemonte Partecipazioni tramite la SIT (Società di sviluppo investimenti e territorio), che creeranno entro in paio di anni circa 400 nuovi posti di lavoro. Fca ha realizzato un videoprogetto denominato What’s Behind,  per descrivere il lavoro che c’è dietro le quinte nello sviluppo di nuovi prodotti automobilistici. Un attacco hacker ha compromesso i dati personali di oltre 3 milioni di clienti della Toyota in Giappone. 

28 marzoDaimler e Geely hanno annunciato una joint venture con quote paritarie al 50% per Smart, la prossima generazione della city car verrà prodotta in Cina per iniziare le vendite globali con la nuova generazione nel 2022.

27 marzoRenault, secondo il Financial Times, vorrebbe riaprire entro 12 mesi i colloqui con Nissan per arrivare a una fusione delle due Case, già alleate dal 1999, per poi acquistare Fca. Ford ha deciso di chiudere due delle sue fabbriche in Russia, si tratta dell’impianto di assemblaggio di Vsevolozhsk e quella di Naberzehnye Chelny, mentre quella di Yelabuga resterà aperta e si occuperà della produzione del Transit, la decisione è stata presa dagli azionisti della joint venture Ford Soller, come parte di una revisione strategica intesa a migliorare la redditività a breve termine e l’efficienza degli investimenti in un contesto economico difficile come quello russo. La Commissione Europea ha dato il suo primo via libera ai limitatori di velocità sulle auto che dovrebbero arrivare per il 2022. 

26 marzo – Sono state già 500.000 le Skoda Superb di terza generazione, l’auto del primato è uscita dalla fabbrica di Kvasiny in Repubblica Ceca lo scorso 22 marzo. Secondo il Financial Times, Geely potrebbe annunciare l’acquisto del 50% di Smart al prossimo Salone di Shanghai. La città di Torino ha deciso di premiare quegli automobilisti che rinunceranno a usare il trasporto privato per il pubblico con 100 buoni mobilità ad altrettanti cittadini che per un anno, dopo la rottamazione della loro vecchia auto, decideranno di non comprarne un’altra.

25 marzoJim Ratcliffe, l’imprenditore britannico che ha dato vita a Grenadier, un fuoristrada che si ispira al Land Rover Defender, ha siglato un accordo con la MBtech e con BMW, la prima si occuperà dell’engineering del veicolo, la seconda fornirà i motori, la produzione, invece avverrà in Gran Bretagna, con l’incognita Brexit per i costi finali. L’azienda di car sharing E-Vai del Gruppo FNM che opera in Lombardia e la BeCharge che è specializzata in infrastrutture di ricarica, hanno deciso di collaborare per lo sviluppo della rete di colonnine di rifornimento per le auto elettriche prevedendo un sistema che possa ruotare attorno alla multimodalità nei trasporti, centrata sulle stazioni delle Ferrovie Nord di Milano. L’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi ha annunciato il lancio dell’Alliance Intelligent Cloud, una nuova piattaforma che consentirà ai veicoli prodotti dai tre costruttori di fornire servizi connessi a bordo nei 200 mercati mondiali nei quali sono commercializzati, la piattaforma si basa sulle tecnologie cloud e di intelligenza artificiale fornite da Microsoft Azure.

22 marzo – Il gruppo tedesco Sixt ha conquistato la leadership europea nel settore dei servizi per la mobilità grazie ai risultati finanziari del 2018 che sono cresciuti del 12,6% sino alla cifra di 2,93 miliardi di euro. Il Presidente americano, Donald Trump, non sembra essere in accordo all’idea di azzerare i dazi per le auto europee, nel contempo ha aperto alla possibilità queste saranno realizzate in impianti negli Usa. Il produttore di batterie svedese Northvolt e Volkswagen hanno dato il via alla Europea Battery Union, un consorzio di cui avranno la guida e di cui faranno parte aziende e istituzioni europee attive nella ricerca sulle batterie. Secondo Volvo i margini sulle auto elettriche nel 2025 saranno analoghi a quelli derivanti dalle auto termiche. Pininfarina ha chiuso il 2018 con un risultato netto di 2,2 milioni di euro, quasi il doppio rispetto al 2017 e un valore di produzione di 105,3 milioni di euro, in aumento del 21% grazie soprattutto alla fornitura di servizi di stile in Italia e Cina. Dopo due anni dall’acquisizione da parte di Geely, Lotus si appresta al ritorno sul mercato con una nuova versione della sportiva Evora. Il Gruppo Renault ha avviato in Olanda e Portogallo le prime sperimentazioni su larga scala delle ricarica bidirezionale in corrente alternata dei veicoli elettrici (Vehicle to Grid), una tecnologia che sfrutta un caricabatterie bidirezionale posto all’interno del veicolo che consente di ridurre il costo delle colonnine di ricarica. Secondo uno studio governativo effettuato in Francia, il costo dello stop completo alle auto benzina e diesel potrebbe costare addirittura 500 miliardi di euro alle casse dello Stato transalpino e alle attività commerciali francesi fino al 2040.

20 marzoBMW ha chiuso il 2018 con un aumento delle consegne nel mondo dell’1,1% rispetto al 2017 a 2.490.664 unità mantenendo stabili i ricavi (-0,8%) a quota 97,480 miliardi di euro, aumentando nel contempo le spese per ricerca e sviluppo del 12,8% (a 6,890 miliardi) ma anche le spese in conto capitale del 7,3% a 5,029 miliardi di euro, nel complesso il grupp tedesco ha visto scendere l’EBIT del 7,9% (9,121 miliardi di euro) con un maggiore impatto nel settore automotive (-21,6%), seguito dalle due ruote a -15,5%. “Le moderne tecnologie diesel abbattono le emissioni CO2”, lo ha detto il Cfo di BMW Nicolas Peter, specificando che il gruppo “crede nel diesel e continuerà a sviluppare questa tecnologia”. Dal prossimo primo aprile, i brand BMW, Mini e Rolls Royce saranno riuniti in una sola struttura commerciale che prende il nome di “C” come consumer. Dopo due anni dalla firma del protocollo di intesa, Toyota e Suzuki hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per iniziare a considerare collaborazioni concrete in nuovi campi, tra i quali è indicata la realizzazione per entrambi i marchi, di modelli sviluppati sulle piattaforme del partner. GM ha annunciato che investirà 10 miliardi di reais (2,32 miliardi di euro) in due fabbriche nello stato di San Paolo, in Brasile, aggiungendo 400 dipendenti ai 15.000 che già ha e beneficiando anche degli incentivi fiscali che il governo carioca concede alle case automobilistiche che decidono di investire nel Paese (-25% sulla tassa di circolazione dei beni e dei servizi). Ford ha deciso di investire 900 milioni di dollari e di assumere 900 persone nello stato americano del Michigan, per potenziare la sua produzione di auto elettriche e senza guidatore. Bugatti starebbe pensando di far rivivere la gloriosa berlina di lusso Royale in una nuova creazione che verrà realizzata molto probabilmente sulla base della prossima Porsche Taycan (primo auto 100% elettrica del marchio tedesco). È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto che autorizza il rifornimento in modalità self service per i distributori a metano. Il Ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha proposto l’utilizzo di una “targa personale” per i veicoli, in pratica in caso di cambio auto gli automobilisti potranno portare con se la targa già presente su quella usata, per un risparmio di 41,78 euro, mentre se si rottama una vettura la targa andrà restituita alla motorizzazione, non si tratta di una proposta inedita, già nel 2010 il Codice della Strada introduceva la targa personale non entrata in vigore per la mancata uscita dei regolamenti attuativi. 

19 marzo – La famiglia Peugeot si è detta pronta a sostenere possibili operazioni di fusioni o acquisizione, incluso con il Gruppo Fca, ma tra gli obiettivi (anche come partner potenziali) ci sono anche Juguar Land Rover e GM. Lo Stato francese potrebbe schierarsi a favore della fusione tra Fca e Psa in virtù del suo 12% nel capitale del gruppo transalpino, nonostante la concorrenza che verrebbe a crearsi con Renault di cui detiene il 15% delle azioni. 

15 marzo – Nel primo mese del 2019 il mercato auto è crollato al punto da far stimare all’Istat un calo tendenziale del 21,5%, il più ampio da giugno 2009 (quando era -21,6%), in discesa anche gli ordinativi del 21,7%. Porsche ha ottenuto nell’esercizio 2018 nuovi record consegnando 256.255 auto (+4% rispetto al 2017), un +10% nei ricavi arrivati a 25,8 miliardi di euro, l’utile operativo è cresciuto del 4% rispetto all’anno precedente raggiungendo i 4,3 miliardi di euro, ma sono scesi i ricavi sulle vendite al 16,6% (erano al 17,6% nel 2017). Porsche e Lamborghini hanno in studio un piano per collaborare nel settore delle auto sportive. La Commissione Europea ha approvato l’acquisizione di Magneti Marelli da parte del fondo americano FFR & Co.,  ai sensi del regolamento sulle concentrazioni dell’UE. 

14 marzoAudi del 2018 ha immatricolato nel mondo 1,871 milioni di veicoli contro 1,879 milioni del 2017, questo ha generato una diminuzione dei ricavi, scesi da 59,789 miliardi di euro a 59,248 milioni nello scorso anno. Toyota punta a mandare un suo veicolo sulla Luna entro il 2030, si tratta di un rover a 6 ruote dotato di motori elettrici alimentati fuel cell (capace di percorrere 10.000 chilometri). La Landi Renzo, società produttrice di impianti Gpl e Metano per auto, ha chiuso il 2018 con un utile netto a 4,5 milioni, in crescita (rispetto ai 3,7 milioni) del 2017, in salita anche il fatturato a quota 188,1 milioni (+12,5% rispetto al 2017). 

13 marzoFca ha richiamato 862.520 auto negli Stati Uniti per le emissioni su sollecito dell’Agenzia delle emissioni americana, sono coinvolte auto a benzina fino al 2011 fra le quali la Jeep Compass, il Dodge Journey, il Dodge Avenger e il Dodge Caliber. L’azienda italiana Fimer, ha presentato una colonnina di ricarica superveloce da 350 kW (corrente continua) in grado di rifornire in soli 10 minuti di connessione alle batterie la quantità di energia necessaria per percorrere 200 chilometri.

12 marzo -   Il Ceo del Gruppo Volkswagen, Herbert Diess, ha confermato la buona performance fatte registrare nel 2018, con un utile di 5,9 miliardi di euro, in leggero calo rispetto ai 6 dell’anno precedente, i ricavi sono arrivati a 235.849 miliardi di euro (+2,7%) con 10,9 milioni di veicoli venduti globalmente (+1,1%).

11 marzo – L’ex-presidente di Nissan-Renault-Mitsubishi, Carlos Ghosn, potrebbe partecipare al CdA degli azionisti di Nissan se arrivasse il benestare della corte distrettuale di Tokyo. Volkswagen ha creato l’Ideation:Hub nuova unità che si occupa di seguire le aziende che muovono i loro primi passi nell’ambito della mobilità e della tecnologia. Entrerà in vigore il prossimo 2 aprile il nuovo contratto di lavoro per i 66.000 dipendenti Fca che prevede un aumento del 2% annuo e un rafforzamento del bonus annuale legato agli obiettivi di produttività ed efficienza. Tesla aumenterà i prezzi su alcuni dei suoi modelli e terrà aperti alcuni dei suoi punti vendita, nonostante gli annunci di chiusura delle concessionarie fisiche a vantaggio di vendite online. La vendita di nuove auto in Cina ha registrato un calo del 13,8% a 1,48 milioni di unità, segnando l’ottava flessione mensile consecutiva e la sesta a doppia cifra.

10 marzoFiat Chrysler potrebbe far slittare il piano di eliminare il diesel dalla sua produzione di auto diesel entro il 2022.

8 marzo – La produzione italiana di autoveicoli si è ridotta a gennaio 2019 del 18,1% su base annua, secondo l’Istat, in calo tutto il comparto mezzi di trasporto che ha lasciato a terra il 3,9% rispetto a gennaio 2018. Tesla ha ottenuto da alcune banche cinesi un finanziamento da 521 milioni di dollari per la costruzione di un suo impianto in Cina. Secondo i media tedeschi, Volkswagen starebbe considerando di tagliare dai 5.000 ai 7.000 posti di lavoro nell’ambito del suo piano di risparmio da 5,9 miliardi entro il 2023. Maserati è impegnata a sviluppare una gamma di motori a benzina elettrificati che sostituiranno progressivamente quelli che vengono forniti da Ferrari. Con le nuove colonnine di ricarica Tesla Supercharging V3 da 250 kW, i tempi di ricarica di un’auto elettrica si possono accorciare sino a diventare quasi paragonabili a quelli che servono per rifornire una vettura a carburante fossile permettendo l’immissione di energia sufficiente per 120 km di autonomia in soli 5 minuti.  

7 marzo – Con il progetto “Eccentric Stockholm” la capitale svedese sta sperimentando le consegne notturne a una catena di fast food con camion ibridi plug in, per abbassare i livelli sonori dei mezzi pesanti che circolano nel centro. 

6 marzo – L’Ad di Fca, Mike Manley, ha confermato il piano di investimenti da 5 miliardi di euro per le fabbriche italiane in un incontro con la stampa al Salone di Ginevra. Il procuratore Sheila Polk della contea di Yavapai in Arizona, ha sentenziato che Uber non è perseguibile penalmente per l’incidente mortale causato da uno dei suoi veicoli a guida autonoma un anno fa. 

5 marzo – Dopo le decisioni già prese da Nissan e Honda, anche BMW e Toyota minacciano di chiudere le loro fabbriche in Gran Bretagna in caso di Brexit senza accordo con la UE, a rischio c’è soprattutto la produzione dell’iconica Mini a Oxford. Brembo ha aumentato il suo impegno nelle nuove tecnologie per l’automotive “superando abbondantemente per gli investimenti quel famoso 5% del fatturato per passare a una percentuale più alta” ha detto il presidente di Brembo, Alberto Bombassei. Honda ha annunciato al Salone di Ginevra che accelererà la commercializzazione di motori elettrici in Europa, fissandola al 2025 quando venderà nel vecchio continente solo auto a zero emissioni. 

4 marzo – Il figlio di Ferdinand Piech, Anton, ha fatto debuttare a Ginevra la sua supercar elettrica con il nome di Mark Zero, una GT da due posti. I dazi americani alle auto tedesche fanno innervosire il Ceo di Volkswagen, Herbert Diess, che ha affermato ai media tedeschi il danno che questa decisione statunitense potrebbe portare al Gruppo: “Potrebbero costarci tra i 2 e i tre miliardi di euro, nel caso peggiore si applicassero dazi del 25% e questo avrebbe conseguenze anche per i dipendenti, una vera minaccia che cerchiamo di evitare con tutte le forze. Investiamo 800 miliardi di dollari nella fabbrica di Chattanooga e cooperiamo in modo molto stretto con le imprese americane Ford e Microsoft, non per motivi politici, ma perché così vogliamo ampliare la nostra posizione sul mercato”. In Trentino Alto Adige, l’incentivo all’acquisto Ecobonus per le auto elettriche può arrivare fino a 12.000 euro. Aci lancia il fascicolo digitale del veicolo che permetterà di porre un freno alle truffe sui contachilometri, certificando la reale percorrenza dei veicoli e attestando addirittura gli interventi di manutenzione effettuati grazie alla tecnologia blockchain.

1 marzoRenault ha superato quota 200.000 veicoli elettrici venduti in Europa dal lancio della sua gamma a zero emissioni nel 2011. Visti i risultati negativi del mercato italiano dell’auto nei primi mesi del 2019 (-4,87% nei primi due mesi dell’anno), il Governo starebbe studiando incentivi alla rottamazione, come ha affermato Dario Galli. L’azienda cinese Tech Rules, oltre a pensare a una propria produzione di auto elettriche, vorrebbe vendere ai costruttori mondiali il suo sistema integrato “motore elettrico + range extender a turbina multi carburante”, la turbina, simile a quelle usate sugli aerei, permetterebbe una ricarica veloce delle batterie a bordo. 


Pragmatismo contro ideologia, sfida vitale per l’auto

Come guardare al materializzarsi parziale del Governo a Verona, durante Automotive Dealer Day, se non con sentimenti contrastanti? L’impegno assunto da Salvini – non solo circa la detrazione al 100% dell’Iva sulle auto aziendali – contiene in sé pragmatismo e una promessa generale di attenzione per il settore che hanno scaldato il cuore della platea. Al tempo stesso, in sottofondo ma abbastanza forte da farsi sentire, striscia il timore che al pragmatismo enunciato dalle parole possa seguire il nulla – volendo così escludere, intanto per il rispetto dovuto a chi lì lo ha portato per mano, che il vice Premier sia venuto a Verona per fare mera campagna elettorale. 

In Italia abbiamo un Governo bicefalo. Potrebbe non essere un male: due teste possono ragionare meglio di una soltanto. Il punto, però, è che i rapporti con chi ci governa ci sono stati rappresentati nel modo seguente. Si parla con l’esponente di una delle due anime (teste) dell’entità che guida il Paese. Gli si spiega la situazione e come siano necessari gli interventi A, B, C. La risposta è: “Hai ragione su tutto, noi vorremmo fare quello che chiedi, ma il problema è che gli altri…”.  Allora si va a cercare l’esponente degli “altri”. Gli si spiega la situazione e come siano necessari gli interventi A, B, C. La risposta è: “Non posso che darti ragione, bisognerebbe fare come dici, ma il problema è che gli altri…”. E così via, ad libitum – con i tecnici, quelli che conoscono la realtà e sanno come i problemi vadano affrontati, bloccati nel mezzo della contesa, terrorizzati. 

Suona per quello che è: una presa in giro. Ed è una pratica, a quanto pare, alla quale si attengono entrambe le teste del Governo bicefalo. Su questo banco di sabbia, per restare a Salvini e all’auto, sembra sia andata ad arenarsi la faccenda delle accise sulla benzina: “Ne taglieremo 7 appena saremo al Governo”, aveva detto il leader leghista il 1° marzo 2018, prima delle elezioni politiche; tutte e 7 le accise sono ancora lì.

Leggi tutto...