I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

28 febbraio - Verrà presentato al prossimo Salone di Ginevra il concept Suv di Skoda Vision X su piattaforma MQB, in grado di abbattere fino a 89g/km le emissioni di CO2 grazie al suo motore 1,5 l. TGI a metano (monovalente con serbatoio di benzina limitato a 12 litri)  accoppiato alla tecnologia “mild hybrid” che utilizza un motore elettrico da 48V che funge anche da motorino di avviamento e da generatore di energia.

27 febbraio - Secondo i media americani, la cinese Geely avrebbe avuto dei contatti con Fca prima di concludere l’investimento in Daimler, l’accordo con Fiat Chrysler non è andato a buon fine per le differenze di valutazione del gruppo italo americano rispetto al piano 2018 presentato in questi mesi. Secondo uno studio della piattaforma europea Electromobility, l’Italia è in ritardo su tutti gli aspetti della mobilità elettrica. Nel delicato processo di allontanamento alla Comunità Europea, la Gran Bretagna sta decidendo di mantenere le norme UE nell’ambito dell’industria dell’auto e in quello della condivisione dei dati, diversamente da quanto starebbe accadendo in altri settori, dove verrebbero decisi distacchi parziali o completi dalla situazione comunitaria. Il Sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha annunciato al vertice delle donne per l’ambiente di Città del Messico, la messa al bando dei veicoli privati alimentati a gasolio per il centro storico della capitale d’Italia a partire dal 2024. Pesante il bilancio dell’operazione “Safety Car2” della Polizia di Stato che ha visto 352 denunce in stato di libertà e 618 veicoli rubati restituiti ai legittimi proprietari, tra cui 27 autocarri, dopo la verifica di 983.487 veicoli (di cui 802.801 con il sistema informatico Mercurio e 180.626 manualmente) che ha coinvolto 9.416 equipaggi e 20.619 agenti della Polizia Stradale che ha operato anche in collaborazione con le Polizie Locali d’Italia.

26 febbraio - Verona è la prima città in Italia a utilizzare il sistema “Vai118” che permette alle ambulanze in codice rosso di trovare sul proprio percorso semafori sempre col verde, per accelerare in sicurezza l’arrivo dei pazienti in ospedale. Seat ha presentato al Mobile Wolrd Congress di Barcellona, l’integrazione che porta a bordo delle sue auto l’app Shazam, “il 70% di chi usa questa applicazione lo fa muovendosi a più di 30 km/h, il che significa che lo fa spostandosi in metro o più verosimilmente in auto”, ha detto il presidente di Seat, Luca de Meo. Sempre Seat al MWC di Barcellona, ha presentato anche Leon Cristobal, una nuova concept car equipaggiata con ben 15 assistenti di sicurezza con l’obiettivo di ridurre gli incidenti e di abbassare i premi delle assicurazioni.

25 febbraio - Debutterà in Europa al prossimo Salone di Ginevra la Polestar 1, prima vettura del marchio svedese spin off di Volvo dedicato alla produzione di veicoli elettrici ad alte prestazioni. Ben 30 esperti dell’industria e docenti universitari ha eletto Pirelli “Miglior produttore di pneumatici dell’anno” nell’ambito del Tire Technology International Awards for Innovation and Excellence 2018 che si è tenuto lo scorso 21 febbraio ad Hannover.

23 febbraio - Il costruttore cinese Geely che già controlla Volvo, secondo alcune indiscrezioni, avrebbe acquistato il 10% di Daimler per 7,5 miliardi di euro, diventando il maggior investitore nella Casa tedesca. BMW ha siglato un accordo con la cinese Great Wall per arrivare a costruire in Cina le versioni elettriche della gamma Mini, togliendo ai siti europei l’esclusiva sulla produzione della storica vettura di origini inglesi.

22 febbraio - Presentata a Maranello la nuova Ferrari SF71H che sarà impegnata nella stagione 2018 della Formula1. Secondo il direttore di Anfia e Chairman del Comitato Saloni e Fiere di Oica, Gianmarco Orda “Il Motor Show di Bologna deve rafforzare la sua importanza” nel panorama dei Saloni europei, in cui Ginevra rimane quello di riferimento. Le emissioni di CO2 di gennaio 2018 derivate dall’uso della benzina e del gasolio per autotrazione sono calate di circa 80.000 tonnellate rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Secondo Maurice Turrettini, presidente del Salone di Ginevra, “la kermesse svizzera diventerà in futuro l’equivalente europeo del CES di Las Vegas”, questo anche grazie alla partnership siglata con l’IFA di Berlino che è la più grande rassegna internazionale dedicata all’elettronica. Nel frattempo alla presentazione del Salone di Ginevra 2018 che è avvenuta a Milano, è stata annunciata la presenza di 110 novità, di cui 89 mondiali e 21 europee. Secondo una ricerca dell’Unrae realizzata analizzando i dati di vendita del 2017, il colore grigio è il preferito dagli italiani con il 34,7% delle preferenze, segue il bianco (al 28,8%), il nero (al 15,4%), mentre l’azzurro/blu è all’8,4%.

21 febbraio - La fabbrica Mercedes di Sindelfingen, dove fino a oggi è stata costruite la Serie S, inizierà presto la produzione dei “taxi robot” a guida autonoma, per i quali verranno coinvolti solo 1.000 lavoratori specializzati a fronte dei 25.000 attualmente in forze nel complesso industrale, per l’adozione di una elevata automazione per la quale Daimler ha pianificato di stanziare 2,1 miliardi di euro tra il 2015 e il 2020.

20 febbraio - Renault ha introdotto un nuovo motore elettrico sulla versione 2018 della sua auto 100% elettrica Zoe, si tratta della versione R110, capace di 80 kW (110 cv) e 225 Nm di coppia, progettato per migliori prestazioni e capace di guadagnare ben 2” nel passaggio da 80 a 120km/h, la nuova elettrica di Renault sarà ordinabile in Italia a partire da aprile 2018. Secondo il Ceo di Uber, Dara Khosrowshahi, il servizio “Air” con taxi volanti, sarà una realtà tra 10 anni, vista la sperimentazione che inizierà nel 2020 negli Usa.

19 febbraio - Fiat prosegue con la sua politica di incentivi ai professionisti e alle Partite Iva, mettendo a disposizione 20 milioni di euro di contributi che scadranno il 31 marzo (o a esaurimento) dopo i 10 già terminati a gennaio. La Lamborghini Huracan donata a papa Francesco è esposta al Museo Lamborghini di Sant’Agata Bolognese fino al 12 maggio, quando verrà messa all’asta da Sothesby’s che devolverà il ricavato in beneficenza. Volkswagen introdurrà, a partire dal 2019, lo standard WLANp per tutti i veicoli del suo gruppo, si tratta di un sistema di comunicazione vehicle-to-vehicle in grado di creare una rete tra auto e infrastrutture in grado di migliorare la sicurezza rilevando in tempo reale le condizioni del traffico e delle strade.

17 febbraio - Terzo mandato alla guida del Gruppo Renault per Carlos Ghosn, il manager ha però subìto una “spiacevole” diminuzione del suo compenso del 30%, fortemente voluto dal Governo francese. La conferma del rinnovo di Ghosn deve essere ratificata dall’assemblea degli azionisti che si terrà il prossimo 15 giugno. Il CdA di Renault ha inoltre chiesto la nomina di Thierry Bolloré quale direttore generale aggiunto, indicando di fatto il successore di Ghosn al termine di questo terzo mandato.

15 febbraio - Il mercato europeo dell’auto ha fatto segnare a gennaio 2018 un incremento del 6,8% rispetto allo stesso mese dello scorso anno (EU+Paesi EFTA) con 1.286.378 unità vendute. Segno più per quasi tutti i mercati dell’Unione: Spagna (+20,3%), Germania (+11,6%), Italia (+3,4%), Francia (2,5%), mentre il Regno Unito è in calo del 6,3%. 

14 febbraio - Il Gruppo Psa sta per lanciare una nuova generazione di veicoli multispazio per i suoi marchi Peugeot, Citroën, Opel/Vauxhall sulla piattaforma EMP2 che avranno motori e assistenti alla guida di ultima generazione con disponibilità di 5 o 7 posti nell’abitacolo e verranno prodotti nelle fabbriche di Vigo in Spagna e di Mangualde in Portogallo.

13 febbraio - Italdesign, che dal 2010 fa parte del Gruppo Volkswagen, ha compiuto 50 anni. Fondata da Giorgetto Giugiaro e Aldo Mantovani, Italdesign ha sviluppato dal 1971 oltre 200 modelli di auto, dall’Alfasud alla Volkswagen Golf. Il costruttore vietnamita VinFast Trading and Production ha siglato un contratto con Pininfarina per lo sviluppo di due auto (un Suv e una berlina), il target per il produttore è quello di realizzare 50.000 veicoli entro il 2025 e di lanciare la prima vettura nel settembre 2019. La Gran Bretagna per effetto della Brexit, ha perso anche la competenza sulle omologazioni dei veicoli circolanti in Europa, il che significa per i produttori di auto inglesi, di dover procedere a omologazione europea in sede diversa rispetto a quella di fabbricazione, complicando e rendendo più oneroso il processo.

12 febbraio - L’Italia si conferma primo Paese in Europa per quanto riguarda l’utilizzo dei carburanti alternativi, lo scorso anno sono state infatti vendute sul nostro mercato 230.010 unità su 953.355 totali nei Paesi EU/Efta di veicoli eco friendly, ma tra queste sono veramente poche sul nostro territorio le vetture ibride o elettriche per la mancanza delle infrastrutture e degli incentivi che sono invece presenti ovunque in Europa. Le auto alimentate a gas (metano o GPL) sono state vendute in Europa hanno avuto una crescita del 21,6% rispetto all’anno precedente, per un totale di 205.667 unità, di queste ben 161.785 (il 78,7%) sono state vendute in Italia.

9 febbraio - La produzione italiana di autoveicoli è cresciuta del 3,9% a dicembre 2017 rispetto allo stesso mese del 2016, mentre nel corso dell’anno passato la crescita del settore è stata dell’8,1%, lo rileva l’Istat.

8 febbraio - L’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi ha annunciato di aver firmato un memorandum di intesa con DiDi Chuxing (piattaforma cinese di trasporti gestita tramite app) per valutare le possibilità di una futura collaborazione su un nuovo programma di car sharing elettrici in Cina. Iveco Defence Vehicles ha consegnato all’Agenzia norvegese per i Materiali della Difesa la sua quarta fornitura di veicoli LAV (Light Armoured Vehicles) in un lotto da 62 blindati, sono 4.000 i LAV consegnati oltre che in Italia alla Difesa, in altri 12 Paesi. Idea Institute farà nascere a Torino la prima limousine elettrica che si chiamerà Venere e sarà marcata dal produttore cinese Lvchi Auto che prevede anche la produzione di una nuova citycar elettrica, il che permetterà di mantenere il lavoro delle 120 persone che sono già in organico e di assumerne almeno altre 40/60.

7 febbraio - Le autorità doganali dell’Unione Europea hanno deciso l’obbligo di registrazione sulle importazioni di pneumatici nuovi e ricostruiti per autobus o autocarri provenienti dalla Cina a partire dal primo febbraio (Reg. UE 2018/163), tale provvedimento è giustificato da un’indagine in corso da parte della Commissione Europea che intende verificare se le importazioni dal Paese della Grande Muraglia siano oggetto di pratiche di dumping o abbiano usufruito di sovvenzioni di Stato.

6 febbraio - L’industria italiana esporta la maggior parte dei veicoli che produce in America, che assorbe il 18% del totale, generando un saldo positivo di 3,1 miliardi di euro, segue la Germania (12,5%) e la Francia (12%), nel complesso è il mercato europeo il miglior cliente delle auto italiane con il 54% dell’export. Porsche investirà 6 miliardi di euro nello sviluppo della mobilità elettrica, concentrandosi su vetture ibride plug-in e su modelli solo elettrici, lo ha deciso il board del marchio tedesco, aumentando di circa 3 miliardi e mezzo di euro la cifra inizialmente messa a budget, la punta di diamante del progetto Mission E sarà una nuova Porsche 100% elettrica in fase di studio. Una piccola flotta di Hyundai Nexo a celle combustibile e dotate di sistemi di guida autonoma di livello 4 (guida 100% autonoma) ha percorso i 190 chilometri che separano Seoul da Pyeongchang utilizzando per la connessione dei dati la nuovissima rete 5G che la Corea del Sud sta sperimentando. La compagnia assicurativa Generali e Quattroruote stanno stilando un capitolato di valutazione dei sistemi ADAS per valutare quali siano in grado di evitare gli incidenti, che sarà la base per il calcolo delle nuove tariffe assicurative che quindi terranno conto per l’Rca dei risultati ottenuti in specifici test. Ford ha sperimentato con successo l’utilizzo di esoscheletri tra gli addetti del suo impianto di Valencia per migliorare la qualità del lavoro dei propri operai e sollevarli dalla fatica nelle operazioni più pesanti di assemblaggio dei veicoli.

5 febbraio - Nissan ha deciso di investire 9,5 milioni di dollari in Cina per raggiungere i 2,6 milioni di auto vendute nel Paese asiatico entro il 2022, grazie e soprattutto a oltre 20 modelli elettrici per soddisfare le stringenti normative sulle emissioni. A beneficiare dell’investimento sarà la Dongfeng Motor, con la quale Nissan ha stretto una joint venture, che dovrà aumentare le vendite di 1,7 volte entro il 2022 sui livelli record del 2017 di 1,52 milioni di unità con ricavi a circa 47,6 miliardi di dollari. Nissan ha inoltre comunicato che tutti i modelli di lusso del brand Infinity saranno elettrici entro il 2025. Il 2017 è stato un anno di successi per la strategia ecologista di Toyota che ha visto la vendita di 1,52 milioni di veicoli elettrificati con una crescita dell’8% rispetto al risultato del 2016, il target del costruttore giapponese entro il 2030 è quello di far assorbire dai mercati mondiali 5,5 milioni di veicoli elettrificati l’anno. Anche Seat a breve avrà il suo primo modello 100% elettrico, si chiamerà E-Born e verrà costruito sulla piattaforma MEB del Gruppo Volkswagen.

4 febbraio - Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti sta mettendo a punto un protocollo di certificazione dedicato alle autoscuole per l’insegnamento di uno stile di guida più ecologico possibile.

3 febbraio - Inizia bene l’anno in Italia il Gruppo Psa, che ha registrato a gennaio 2018 con i marchi Citroën, DS e Peugeot 22.004 immatricolazioni tra vetture e veicoli commerciali, pari a una quota di mercato dell’11,53%, miglior risultato degli ultimi 5 anni, mentre se si aggiungono i numeri di Opel, la quota sale al 16,26%, piazzandosi al secondo posto dopo Fca e davanti a Volkswagen nelle statistiche generali.

2 febbraio - Honda rivede le sue stime sull’utile, grazie all’accelerazione delle vendite e all’indebolimento dello yen, prevedendo un risultato netto di mille miliardi di yen al 31 marzo rispetto a una valutazione iniziale di 585 miliardi di yen, mentre l’utile netto ha visto una impennata dell’83% a 951 miliardi di yen per un aumento delle vendite del 12% a 11.400 miliardi di yen. In relazione alla vicenda dei test sulle emissioni effettuati in Germania su animali ed esseri umani, il manager BMW, responsabile per il gruppo tedesco facente parte della società Eugt (creata appositamente per le sperimentazioni), ha chiesto di lasciare le mansioni attualmente ricoperte per sostenere le indagini interne sulla vicenda. Reazione opposta da parte di Daimler, per la quale il Ceo Dieter Zetsche è convinto che il diesel non sia da eliminare, al contrario “una strada da percorrere sarebbe sostituire i vecchi diesel con quelli nuovi, più efficienti” ha detto Zetsche.

1 febbraio - Il 2017 è stato un anno record per il Gruppo Daimler AG il cui fatturato è salito a 164,33 miliardi di euro con un incremento del 7% rispetto allo scorso anno, con Mercedes che ha venduto 3,3 milioni di unità (+9% rispetto al dato del 2016). Secondo il Centro Studi Promotor, il risultato di mercato in Italia a gennaio è in linea con le previsioni, che vedono un aumento su base annua del 4% rispetto al 2017 a 2.050.000, mentre per il 2019 dovrebbero essere 2.200.000 le unità vendute in Italia. Toyota e Chubu Electric Power hanno siglato una partnership per la produzione di accumulatori, ottenuti riciclando le batterie dei veicoli ibridi ed elettrici del costruttore nipponico, entro il 2020 con anche la costruzione di accumulatori di grande portata, denominati Storage Battery System in grado di stoccare ognuno circa 10.000 kW. Il car sharing milanese DriveNow ha provveduto alla sostituzione del suo parco introducendo nella flotta anche le Mini a tre porte tra 500 nuove auto che comprende BMW Serie 1, Serie 2 Active Tourer e Cabrio e i3 Rex.

 


Mercato, stock, Km0: chi vince al gioco dell’oca?

Ci risiamo. Il mercato ha dato numeri buoni a luglio, eccellenti ad agosto, il solito mese jolly. Un’estate apparentemente a gonfie vele, in Italia - in Europa  è stata addirittura clamorosa.  L’effetto Wltp, si è subito detto, ben sapendo quello che si diceva. Ovvero: la spinta delle campagne promosse da Concessionari e Case per smaltire gli stock di auto non conformi alle nuove procedure di omologazione in vigore dal 1° settembre ha prodotto quei volumi e quelle percentuali di crescita. Il punto è che, una volta di più, c’è da chiedersi se immatricolazione sia sinonimo di vendita. A occhio, non lo è, specie se si parla di vendita al cliente privato - che continua a tenersi abbastanza lontano dal mercato. Dunque, il giro appare essere il solito: si sono smaltiti gli stock rimpinguando altri stock. Che, in un modo o nell’altro, vanno a rimpinguare la flotta delle Km0, in carico ai Concessionari. Ad agosto, le Case non hanno praticamente fatto auto-immatricolazioni (e Fiat ha sacrificato così il 1° posto di Panda nella classifica dei modelli più venduti). I Dealer ne hanno fatto il 44,28% in più rispetto al 2017 - senza contare le 1.835 immatricolazioni intestate alle proprie società di noleggio a breve termine. Negli 8 mesi del 2018, sono arrivati a quota 160mila (+22.000 circa sul 2017), a fronte del -25,6% di quelle delle Case (-19.000 unità). I dati sono di Data Force e dicono che i vasi continuano a comunicare: da una parte le auto-immatricolazioni calano, dall’altra crescono. Che si tratti di forzature, lo lasciamo dire a chi le fa e poi se ne lamenta. Che il mercato finirà per pagare questo gioco è fuor di dubbio. Resta da capire quando. La speranza è che non sia necessario sedere sulla riva del fiume, per capire quando accadrà.

xxxxxx

Nessuna nuova sul fronte delle rappresentanze dei Dealer. Il che non è una buona nuova. Le strade, tra Federauto e i promotori della nuova associazione, si sono definitivamente separate con lo scambio di lettere di inzio estate. Posizioni inconciliabili, dialogo inesistente. Fine della possibile collaborazione. Che era la strada auspicata da qualcuno, all’interno della compagnia dei “fuoriusciti”: la Federauto a fare la propria politica, il nuovo gruppo con funzione di task force e l’incarico di occuparsi di uno dei tanti temi che incombono sul business e sugli imprenditori che lo portano avanti. Oggi lo spettro dell’aumento dell’Iva, domani quello del Regolamento europeo - solo per citare due delle aree di intervento in cui il lavoro di lobby potrebbe (avrebbe potuto?) risultare più che utile. Ma no: separati nella stessa casa, si procederà così.

Leggi tutto...