I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

2014

29 agosto – La Fiat comunica che il limite dei 500 milioni non è ancora stato superato nell'esercizio del diritto di recesso per la fusione con Chrysler da parte dei soci della Fiat e non c'è nessun rischio che possa saltare la fusione; l’ad Sergio Marchionne dice: "Mi rassicura il fatto che la stragrande maggioranza dei nostri azionisti abbia scelto di continuare nel proprio impegno di azionisti fedeli", il presidente John Elkann commenta "sono lieto di questo risultato, attendiamo ora il completamento di questo progetto”. Il presidente della Regione Piemonte Chiamparino auspica l’organizzazione a Torino di un Salone dell'Automotive. L'AvtoVAZ ha presentato al Salone di Mosca la Niva 2016, prodotta in joint con la Gm, che sarà venduta tra due anni.

26 agosto – Il gruppo Volkswagen tra gennaio e luglio ha venduto oltre 5,78 milioni di auto, il 6% in più. La Fiat Automobili Srbija (Fas) nei primi sette mesi si è confermata prima esportatrice della Serbia con 921,6 milioni di euro, in aumento del 9,8%.

20 agosto - Il presidente della Fiat John Elkann sul calo di Borsa dice:"siamo comunque ottimisti, l'importante è arrivare all'obiettivo" della fusione, il  Wall Street Journal, sottolinea che ''se anche gli azionisti bloccheranno la riorganizzazione'', Marchionne ''non è tipo da mollare”.

19 agosto - Un report di Credit Suisse ha abbassato il prezzo obiettivo dei titoli Fiat a 6 euro e avverte che la quotazione negli Usa potrebbe essere "il primo passo per un aumento di capitale", alla Borsa di Milano le azioni perdono il 3,11%. La Norges Bank è risalita al 2,016% del capitale Fiat.

18 agosto - Reid Bigland è stato nominato responsabile del marchio Alfa Romeo per l'area Nafta.

12 agosto – La Fiat intende completare la fusione con Chrysler "come approvata", in una nota precisa che se il limite dei 500 milioni per il recesso fosse superato e la “Società decidesse di convocare una nuova assemblea straordinaria l'assemblea potrebbe semplicemente approvare un nuovo progetto di fusione”.

8 agosto – Il premier Renzi, che in occasione del viaggio in Oriente avrebbe avviato contatti con una casa automobilistica cinese, legata alla Bmw, che potrebbe essere interessata a investire, visiterà la Fiat di Termini Imerese.

7 agosto – Alla Borsa di Milano il titolo Fiat ha guadagnato il 5%. Secondo il verbale dell’assemblea del primo agosto la fusione tra Fiat e Crysler è stata approvata con il voto favorevole del 44,1% del capitale, quello contrario dell'8%, l'astensione dello 0,25% e la mancata partecipazione del restante 48% delle azioni, tra i favorevoli la People Bank of China, tra i contrari il Governo della Norvegia. Nel secondo trimestre la Chrysler ha avuto ricavi per 20,5 miliardi di dollari (+14%) e utile netto di 619 milioni in aumento del 22%, nel semestre i ricavi sono stati 39,4 miliardi e gli utili 1,1 miliardi rispetto a 696 milioni.

6 agosto – In Borsa la Fiat ha avuto un ribasso fino all'8,5% ; l’ad Sergio Marchionne dice che quello del recesso sulla fusione Fiat-Chrysler "è uno scenario esagerato", "le informazioni che arrivano dall'Italia generano un sentimento negativo” e “noi siamo trascinati dentro come parte” e aggiunge "se avessimo potuto scegliere avremmo scelto tempi migliori per annunciare la fusione".

5 agosto - La Fiat comunica che "non ha ricevuto alcuna dichiarazione di esercizio del diritto di recesso", in Borsa il titolo è stato congelato dopo un calo fino al 7,15%. La Bloomberg riporta che la Commissione sviluppo e il Dipartimento prezzi della provincia cinese di Hubei stanno concludendo le indagini su Chrysler e Audi riconoscendole colpevoli di pratiche monopolistiche.

1 agosto – Gli azionisti Fiat hanno approvato a maggioranza la fusione con la Chrysler; l’ad Sergio Marchionne in assemblea ha detto che "grazie all'intenso lavoro degli ultimi cinque anni, ora siamo pronti a compiere il salto di qualità", di non avere  "il minimo dubbio che il piano sia fattibile e possa essere finanziato da risorse interne" e che la fusione “rappresenta un salto epocale”, che un “rischio insuccesso fusione c'e' ma gestibile”e “l'impegno in Italia resta immutato, non ridurremo le attività industriali in Italia"; l’obiettivo è di avere in cinque anni ricavi superiori a 130 miliardi di euro, utile operativo di circa 9 miliardi e utile netto di circa 5 miliardi con vendita di 7 milioni di veicoli; Marchionne aggiunge "Vendere Fca ai tedeschi ? Mai” e di sperare "che il governo non decida incentivi per il settore auto". Il presidente John Elkann assicura “l’ impegno personale e della mia famiglia per continuare a sostenere Fca” e “in Italia, dove la nostra storia è iniziata e dove vogliamo continuare a essere protagonisti attivi”, Elkann specifica "Noi non andiamo all'estero” ma solo “Abbiamo molto ampliato il perimetro delle nostre attività". Il consiglio di amministrazione di Fca quando la fusione sarà operativa sarà composto da John Elkann, Sergio Marchionne, Andrea Agnelli, Tiberto Brandolino D'Adda, Glenn Earle, Valerie A. Mars, Ruth J. Simmons, Ronald L. Thompson, Patience Wheatcroft, Stephen M. Wolf, Ermenegildo Zegna; esce il presidente della Ferrari Luca di Montezemolo. L’ad della Fiat Sergio Marchionne dice "stiamo attrezzando Mirafiori per produrre il suv Maserati Levante. Dovrà uscire a fine 2015”. Per il Centro Studi Promotor le agevolazioni  fiscali promesse dal governo saranno utili solo se immediate.

Barche diverse, ma il mare è uguale per tutti

In un film di qualche anno fa, Woody Allen raccontava la storiella delle due anziane signore ricoverate in una casa di cura. Sedute allo stesso tavolo, consumano un pasto. All’improvviso la prima dice: il mangiare qui è veramente orrendo. La seconda risponde: sì, e poi le porzioni sono così piccole... 
Ecco: più o meno la storia degli incentivi per l’acquisto delle auto stanziati dal Governo lo scorso anno e poi ancora nella Legge di Bilancio 2021. Si è sentito dire: sbagliata la tempistica, sbagliata la distribuzione, utili solo ad anticipare la domanda e quindi non realmente efficaci per rimettere in piedi il sistema. Eppure: perché porzioni così piccole?, si è alla fine sentito chiosare.
È vero: si poteva fare di più e si poteva fare meglio. E probabilmente sì, non hanno fatto e non faranno che anticipare la domanda, e si esauriranno troppo presto, e danneggeranno il mercato dei mesi a seguire… Tutto quel che si vuole. Ma resta il fatto che gli incentivi sono stati una conquista preziosa. Un passo avanti, e sudatissimo se si considera che una larga parte di quanti governano il Paese ritiene che l’unica auto realmente ecologica è l’auto che non esiste – non perché non è stata ancora inventata, ma perché l’auto non dovrebbe proprio esistere.
Per il settore auto italiano ci sono state cose buone anche dentro la tempesta del Covid, nell’infame 2020, ci ha ricordato il presidente di Federauto, De Stefani Cosentino. Su tutte la consapevolezza acquisita che, chiunque governi la nave, chiunque sia in sala macchine, il mare è lo stesso per tutti i naviganti. E quando si ingrossa a dismisura si fa squadra, si lavora tutti nella stessa direzione per portare la nave in porto. Le Case auto e le Reti di distribuzione, con l’eccezione di pochi casi, hanno lavorato insieme. E insieme hanno lavorato le associazioni della filiera. 
Al di là di risultati di mercato, fatturati, utili, questo è il lascito più prezioso del 2020. Non era scontato che andasse così, e lo conferma il fatto che – non appena svoltato l’angolo del 2021 – come se si fosse entrati in un’epoca altra, come se tutto fosse finito, il microcosmo di eletti che guida il Paese è subito tornato alle vecchie abitudini, nel tentativo forse di ristabilire la vecchia normalità (che invece non tornerà più), quella in cui all’improvviso c’è chi sfila una carta dal castello che fin lì si era miracolosamente tenuto in piedi e fa crollare tutto. La voglia di rissa, di menare le mani, è diffusa; la nuova normalità, gli impedimenti, i divieti generano pressioni enormi - ce lo dicono, anche, le torme di ragazzi che si danno appuntamento in questa o quella città per suonarsele di santa ragione. E ci si può spingere fino a comprendere come la costrizione possa generare desideri di rivolta. 
Ma è qualcosa che non porta da nessuna parte. Il sistema sano si salva proprio come tale, come sistema. Il settore auto in Italia ha certamente scelto questa strada. Non sarà per sempre, è certo: è stato però nel momento giusto, quando davvero serviva. 

Leggi tutto...