I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Numeri, persone e fatti di prima pagina

Dati i tempi, vanno considerate un successo le adesioni delle Case auto ad H2R,? che a Rimini, nell?ambito del grande appuntamento green di Ecomondo, offrir? ai visitatori dell?evento sia l?esposizione di prodotti, sia la possibilit? di provare le vetture pi? ecologiche. Al momento di scrivere queste note, le Case che hanno deciso di partecipare all?evento H2R sono BMW, Fiat, Ford, Mazda, Mercedes, Nissan, Smart, Volkswagen e Volvo. Saranno presenti ad H2R anche Enel, Bosch, Arval, CIRP Sapienza, Enea, CNR.? L?evento ? in calendario alla Fiera di Rimini dal 6 al 9 novembre. (10/2013)

Il 7 novembre alle 14,30 si svolger? alla Fiera di Rimini, nell?ambito degli eventi di H2R, la Conferenza sul Green Business della mobilit? automobilistica. Il nostro Direttore Tommaso Tommasi presenter? i risultati di un sondaggio effettuato presso i Concessionari auto operanti in Italia sull?opportunit? offerta dalle green car e sulla necessit? che i Dealer si misurino con forme pi? ampie di offerta di mobilit?. Al dibattito che far? seguito, parteciperanno numerosi esperti. (10/2013)

Secondo le indicazione del nostro Panel di Concessionari,? a fine ottobre risulteranno immatricolate 106.900 nuove automobili, con una flessione dell?8,94% rispetto all?ottobre dello scorso anno.? Quanto agli ordini, il nostro Panel ne prevede 108.400, in flessione del 14,15%. Ricordiamo he le immatricolazioni del mese di ottobre verranno diffuse alle 18 del 4 novembre, primo giorno lavorativo del nuovo mese. (10/2013)

La Spagna sugli scudi fra i? 5 grandi mercati europei che rappresentano i due terzi abbondanti delle vendite continentali. Grazie al piano di incentivi statali (1.000 euro, pi? 1.000 dalla Casa venditrice)? le immatricolazioni spagnole di auto nuove sono passate dalle 35.148 unit? del settembre 2012 alle 45.175 del settembre 2013.? Gli altri grandi mercati? hanno registrato risultati pi? o meno incoraggianti:? Gran Bretagna +12,1% con 403.136 targhe, Francia +3,4% con 142.166 targhe, Germania -1,2% con 247.199 immatricolazioni, l?Italia con un -2,9% dovuto alle 106.363 immatricolazioni.? Il governo spagnolo ha deciso di proseguire la campagna di incentivazione all?acquisto di nuove automobili. (10/2013)

La Volkswagen Golf ? al vertice della Top 10 delle auto pi? vendute in Europa dopo i primi 9 mesi del 2013, con 347.405 immatricolazioni (+2,1%). Seguono Ford Fiesta (222.184, -6,8%), Renault Clio (216.761, +20,2%), Volkswagen Polo (201.929 -10,3%), Peugeot 208 (189.645),? Opel/Vauxhall Corsa (188.705, -10,7%),? Nissan Qashqai (161.054, -0,4%), BMW Serie 3 (155.335, +20,1%), Opel/Vauxhall Corsa? (153.281, - 14,7%). (10/2013)

Buonsenso contro ideologia: la mobilità del Ministro

Ha detto: “Le ideologie sono le peggiori nemiche del futuro dei nostri figli”. 
Ha detto: “Con un pizzico di onestà intellettuale, si deve ammettere che il percorso va fatto discutendo di tutti i passaggi”. 
Ha detto: “La transizione ecologica potrebbe essere un bagno di sangue”.
Ha detto: “I prossimi sei anni sono come il primo stadio di un razzo: se lavora bene, il razzo raggiungerà la Luna. Se lavora male, il razzo finirà fuori orbita”.
Ha detto: “Innanzitutto lavoriamo sulla mobilità sostenibile, che prevede un cambio di infrastrutture e di sistemi produttivi molto significativo. Il programma è di aggiungere 29mila colonnine elettriche per la ricarica delle automobili a quelle attualmente esistenti. E dobbiamo diventare autosufficienti dal punto di vista della produzione delle batterie”. 
Ha detto: “Per me è fondamentale che ci sia la protezione delle categorie più deboli, che non vengano danneggiate decine di migliaia di persone che possono perdere il lavoro perché certe transizioni nell’industria si fanno in fretta”. 
Ha detto: “L’ideale sarebbe decarbonizzare tutto subito, ma sappiamo bene che questo non è possibile perché bisogna cambiare le infrastrutture, aumentare enormemente la nostra capacità di produrre energia rinnovabile e di conseguenza adeguare interi settori industriali e la mobilità. Non stiamo parlando di mettere su una centrale, ma di rivoluzionare un sistema”. 
Ha detto: “I cittadini non devono arrivare al punto di considerare antipatica la transizione ecologica perché sta creando loro dei problemi. Tutti devono capire che è importante farla, che non è ritardabile ma anche che ci devono mettere qualcosa di proprio perché si faccia il più presto possibile”. 
Ha detto: “La transizione deve avere un tempo specifico: se siamo troppo lenti falliremo come homo sapiens, ma se andiamo troppo veloci falliremo come società”. 
Ha detto: “Se si pretende di avere la sicurezza e la sostenibilità ambientali in sei mesi, risolvendo problemi che durano da secoli, credo che sia un po’ difficile ottenerle. Sarà un cammino lungo, in cui peseranno molto la volontà di collaborare e la buona fede di capire la portata dell’impegno”.

Leggi tutto...