I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Numeri, persone e fatti di prima pagina

Le immatricolazioni ai privati, nel mese di agosto, hanno toccato il 65,8% contro il 64,9% dell?agosto dello scorso anno, mentre nei primi otto mesi la quota si ? fermata al 63,4%. Negli otto mesi, le immatricolazioni ai privati hanno perso l?8,8%, il noleggio il 9,5% e le immatricolazioni a societ? l?8,9%. (09/2013)

Pessime notizie anche dai mercati francese e spagnolo: in agosto, la Francia ha registrato una contrazione dell?11% con 85.565 targhe e la Spagna, gi? martoriata da una lunga sequenza di cali, ha perso un ulteriore 18%, registrando 38.872 immatricolazioni. (09/2013)

La Golf con 274.984 immatricolazioni (+0,8%) e la Polo con 166.435 targhe (-11,3%) sono in vetta alla classifica dei modelli pi? venduti in Europa dopo i primi 7 mesi, secondo quanto elaborato da Jato Dynamics. Dietro alle due Volkswagen, Ford Fiesta (9,1%), Renault Clio (+19,6%), Peugeot 208, Opel Corsa, Nissan Qashqai, Opel Astra e BMW Serie 3. (09/2013)

Secondo quanto calcolato dalla IAD, in Europa Occidentale al termine dei primi 6 mesi del 2013 sono state immatricolate 14.976 vetture elettriche, in crescita del 38% sull?analogo periodo dello scorso anno. Il mercato dove c?? la quota pi? alta di elettriche ? la Norvegia (3,40%), mentre il mercato che ha registrato la crescita maggiore ? la Francia, passata, in sei mesi, da 2.271 a 4.779 immatricolazioni (+110,4%), grazie all?ingresso sul mercato della Renault Zoe che ha totalizzato 3.594 vendite, seguita dalla ?sorella? Nissan Leaf con 536 unit?.? In Italia, le elettriche immatricolate in sei mesi sono state 398, il 39,2% in pi? rispetto alle 286 del primo semestre 2012. (09/2013)

In Europa Occidentale sono state immatricolate nel mese di luglio 950.444 automobili, in crescita del 4% rispetto alle 914.274 unit? del luglio 2012. ?Dei 5 grandi mercati, la Germania ha chiuso con 253.146 targhe, +2,1%, ?la Francia con 150.248, +0,9%, la Gran Bretagna con 162.228, +12,7%, la Spagna con 75.024, +14,8%. Solo l?Italia ha registrato l?ennesimo mese negativo, con 107.514 targhe e un ?1,9%. Nei primi 7 mesi dell?anno, l?Europa Occidentale ha portato a casa 7.004.005 vendite, in flessione del 5,4%. Secondo la Lmc automotive, questo dato riflette per l?intero 2013 11.,385.863 targhe, in flessione dl 3,2%. (08/2013)

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...

 

Il Sondaggio

Ritenete sia realistico il piano Di Maio per portare su strada, in Italia, entro 5 anni, un milione di vetture "ricaricabili" (al costo, secondo Bloomberg, di 9 miliardi di euro)?