I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Numeri, persone e fatti di prima pagina

Il ritorno nel mondo dell?automobile della Promotor di Alfredo Cazzola si ? concretizzato il 15 novembre, quando di fronte ai rappresentanti della stampa, l?imprenditore bolognese insieme all?Amministratore Delegato della fiera di Milano, Enrico Pazzali, ha annunciato la nascita del Milano Auto Show,? previsto negli spazi del centro espositivo di Rho dall?11 al 21 dicembre 2014. (11/2013)

Il duro comunicato (si afferma che non c?? bisogno di un salone dell?auto in Italia) diffuso dalla Fiat poche ore dopo la presentazione stampa del nuovo Milano Auto Show da parte della Promotor di Alfredo Cazzola e dell?AD della Fiera di Milano, Enrico Pazzali ha scosso l?ambiente italiano dell?auto, gi? attraversato da troppe polemiche con risvolti spesso pi? politici che imprenditoriali.? La reazione del businessman bolognese? non si ? fatta attendere: ?Il mestiere della Fiat ? di produrre automobili, il nostro ? di organizzare fiere e comunque sono certo che la Casa di Torino cambier? opinione una volta che avremo esposto nelle sedi che riterr? opportune i dettagli del nostro progetto?. (11/2013)

Si susseguono gli incontri fra i massimi rappresentanti della GL events e della Fiera di Bologna per varare un progetto comune teso al rilancio del Motor Show, la cui 37^ edizione ? in programma per i primi di dicembre di quest?anno ? era stata annullata a seguito della rinuncia delle Case auto operanti in Italia ad esporre le loro novit? negli spazi della Fiera bolognese. L?AD di GL events Italia, Giada Michetti, ha affermato che ? gi? pronto ed approvato dalla Casa madre un piano innovativo per dare vita all?edizione 2014, sempre nel corso del mese finale dell?anno. (11/2013)

Il mercato italiano dell?automobile nuova ha visto l?immatricolazione, nel mese di ottobre, di 110.841 vetture, con un flessione del 5,6% rispetto alle 117.397 unit? targate nell?ottobre dello scorso anno. Il cumulato dei primi dieci mesi cumula dunque 1.111.520 nuove vetture, con una contrazione dell?8,02% rispetto al 1.208.470 unit? immatricolate nell?analogo periodo dello scorso anno. (11/2013)?Clicca qui per consultare i dati

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...

 

Il Sondaggio

Ritenete sia realistico il piano Di Maio per portare su strada, in Italia, entro 5 anni, un milione di vetture "ricaricabili" (al costo, secondo Bloomberg, di 9 miliardi di euro)?