I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Numeri, persone e fatti di prima pagina

Con 433.452 unit? vendute in 11 mesi, in crescita del 5,9%, la Volkswagen Golf ? al vertice della Top 10 europea, secondo i calcoli di Jato Dynamics che colloca sul podio, a seguire, Ford Fiesta (271.912) e Renault Clio (263.943). Completano la classifica delle prime dieci Volkswagen Polo (245.730), Peugeot 208 (223.762), Opel/Vauxhall Corsa (222.164), Ford Focus (208.826), BMW Serie 3 (186.933), Audi A3 (155.765) e Skoda Octavia (153.719). Da notare che 4 delle dieci pi? vendute in Europa appartiene al Gruppo Volkswagen. (12/ 2013)

Il Panel InterAutoNews dei Concessionari per il mese di dicembre indica una previsione di 83.200 immatricolazioni (-4,9% rispetto al dicembre del 2012). Se il bersaglio dovesse essere centrato, il saldo del 2013 sarebbe di 1.297.437 targhe, di certo non lontano dalla pessima realt? che metter? in archivio un anno da dimenticare. Per dicembre viene anche indicata una raccolta di 93.764 ordini, in flessione del 5,2% rispetto a quanto fu archiviato nel dicembre del 2012. Il totale annuo avrebbe dunque un saldo di 1.295.340 contratti, in flessione del 4,8% rispetto alla raccolta dello scorso anno. (12/ 2013)

Il mercato italiano dell?automobile nuova si chiuder? nel 2014 con 1.323.206 immatricolazioni. E? quanto ha indicato, come media, il sondaggio semestrale di InterAutoNews, che ormai da anni viene condotto con le Case automobilistiche che operano in Italia. Intanto, emergono informazioni sull?entit? delle vendite delle Km0, che avrebbero raggiunto dopo 11 mesi le 145.000 unit?. Come conseguenza, il vero mercato, quelle delle vetture vendute a cliente finale, a fine 2013 non supererebbe le 1.185.000 unit?.(12/ 2013)

Mary Barra (51 anni) , una intera vita lavorativa trascorsa in General Motors, ? stata prescelta per prendere il posto del 65enne Dan Akerson, che dopo aver firmato la resa europea della Chevrolet e la chiusura della produzione Holden in Australia, lascer? il 15 gennaio 2014 la guida del colosso multinazionale alla Barra, entrata in GM 30 anni fa, dopo aver studiato nel General Motors Institute a partire dal 1980 e dopo aver conseguito l?MBA alla Stanford Graduate School of Business grazie ad una borsa di studio GM. (12/ 2013)

Carlos Tavares (55 anni) dopo aver lasciato il Gruppo Renault-Nissan approda in PSA andando ad occupare la posizione attualmente detenuta da Philippe Varin (61) per guidare il rilancio di Peugeot e Citroen, reso difficile da molti problemi non secondari. Il suo ingresso in PSA ? previsto a far data dal prossimo 1 gennaio, mentre la nomina a CEO avr? luogo nel corso del 2014. (12/2013)

Mercato, stock, Km0: chi vince al gioco dell’oca?

Ci risiamo. Il mercato ha dato numeri buoni a luglio, eccellenti ad agosto, il solito mese jolly. Un’estate apparentemente a gonfie vele, in Italia - in Europa  è stata addirittura clamorosa.  L’effetto Wltp, si è subito detto, ben sapendo quello che si diceva. Ovvero: la spinta delle campagne promosse da Concessionari e Case per smaltire gli stock di auto non conformi alle nuove procedure di omologazione in vigore dal 1° settembre ha prodotto quei volumi e quelle percentuali di crescita. Il punto è che, una volta di più, c’è da chiedersi se immatricolazione sia sinonimo di vendita. A occhio, non lo è, specie se si parla di vendita al cliente privato - che continua a tenersi abbastanza lontano dal mercato. Dunque, il giro appare essere il solito: si sono smaltiti gli stock rimpinguando altri stock. Che, in un modo o nell’altro, vanno a rimpinguare la flotta delle Km0, in carico ai Concessionari. Ad agosto, le Case non hanno praticamente fatto auto-immatricolazioni (e Fiat ha sacrificato così il 1° posto di Panda nella classifica dei modelli più venduti). I Dealer ne hanno fatto il 44,28% in più rispetto al 2017 - senza contare le 1.835 immatricolazioni intestate alle proprie società di noleggio a breve termine. Negli 8 mesi del 2018, sono arrivati a quota 160mila (+22.000 circa sul 2017), a fronte del -25,6% di quelle delle Case (-19.000 unità). I dati sono di Data Force e dicono che i vasi continuano a comunicare: da una parte le auto-immatricolazioni calano, dall’altra crescono. Che si tratti di forzature, lo lasciamo dire a chi le fa e poi se ne lamenta. Che il mercato finirà per pagare questo gioco è fuor di dubbio. Resta da capire quando. La speranza è che non sia necessario sedere sulla riva del fiume, per capire quando accadrà.

xxxxxx

Nessuna nuova sul fronte delle rappresentanze dei Dealer. Il che non è una buona nuova. Le strade, tra Federauto e i promotori della nuova associazione, si sono definitivamente separate con lo scambio di lettere di inzio estate. Posizioni inconciliabili, dialogo inesistente. Fine della possibile collaborazione. Che era la strada auspicata da qualcuno, all’interno della compagnia dei “fuoriusciti”: la Federauto a fare la propria politica, il nuovo gruppo con funzione di task force e l’incarico di occuparsi di uno dei tanti temi che incombono sul business e sugli imprenditori che lo portano avanti. Oggi lo spettro dell’aumento dell’Iva, domani quello del Regolamento europeo - solo per citare due delle aree di intervento in cui il lavoro di lobby potrebbe (avrebbe potuto?) risultare più che utile. Ma no: separati nella stessa casa, si procederà così.

Leggi tutto...

 

Il Sondaggio

Cosa frena la crescita del mercato delle auto elettriche in Italia?