I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Numeri, persone e fatti di prima pagina

Con un lieve segnale di crescita (+0,4%) si ? chiuso il 2013 del mercato dell?usato, che ha fatto registrare 4.141.295 passaggi di propriet?. Nel solo mese di dicembre i passaggi hanno fatto registrare un aumento pi? vigoroso, chiudendo con un +6,7%. (01/2014)

Le Case automobilistiche ? ? cosa nota per chi frequenta dall?interno il mondo automotive - si dannano per trovare un nome nuovo da abbinare ad un modello inedito. La cosa diventa ancor pi? complessa se si tratta di lanciare un brand niuovoL?operazione non ? certo facile, tenuto conto che i nomi in uso o gi? registrati sono 800.000. Questa ? una delle ragioni per cui sempre pi? spesso le Case costruttrici riesumano nomi del passato. Oltretutto, come ? stato ampiamente spiegato dagli uomini di marketing, l?investimento necessario per conferire notoriet? ad un nuovo marchio o a un nuovo modello richiede cifre spesso molto importanti. (01/2014)

?

Con 433.452 unit? vendute in 11 mesi, in crescita del 5,9%, la Volkswagen Golf ? al vertice della Top 10 europea, secondo i calcoli di Jato Dynamics che colloca sul podio, a seguire, Ford Fiesta (271.912) e Renault Clio (263.943). Completano la classifica delle prime dieci Volkswagen Polo (245.730), Peugeot 208 (223.762), Opel/Vauxhall Corsa (222.164), Ford Focus (208.826), BMW Serie 3 (186.933), Audi A3 (155.765) e Skoda Octavia (153.719). Da notare che 4 delle dieci pi? vendute in Europa appartiene al Gruppo Volkswagen. (12/ 2013)

Il Panel InterAutoNews dei Concessionari per il mese di dicembre indica una previsione di 83.200 immatricolazioni (-4,9% rispetto al dicembre del 2012). Se il bersaglio dovesse essere centrato, il saldo del 2013 sarebbe di 1.297.437 targhe, di certo non lontano dalla pessima realt? che metter? in archivio un anno da dimenticare. Per dicembre viene anche indicata una raccolta di 93.764 ordini, in flessione del 5,2% rispetto a quanto fu archiviato nel dicembre del 2012. Il totale annuo avrebbe dunque un saldo di 1.295.340 contratti, in flessione del 4,8% rispetto alla raccolta dello scorso anno. (12/ 2013)

Il mercato italiano dell?automobile nuova si chiuder? nel 2014 con 1.323.206 immatricolazioni. E? quanto ha indicato, come media, il sondaggio semestrale di InterAutoNews, che ormai da anni viene condotto con le Case automobilistiche che operano in Italia. Intanto, emergono informazioni sull?entit? delle vendite delle Km0, che avrebbero raggiunto dopo 11 mesi le 145.000 unit?. Come conseguenza, il vero mercato, quelle delle vetture vendute a cliente finale, a fine 2013 non supererebbe le 1.185.000 unit?.(12/ 2013)

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...

 

Il Sondaggio

Ritenete sia realistico il piano Di Maio per portare su strada, in Italia, entro 5 anni, un milione di vetture "ricaricabili" (al costo, secondo Bloomberg, di 9 miliardi di euro)?