I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

A giugno, un effetto calendario tutt’altro che propizio spiana la strada al segno meno. Nei 28 Paesi dell’Ue, Malta esclusa, il mese registra un calo del 7,8% con 1.446.183 nuove immatricolazioni. Dall’inizio del 2019 si tratta del quinto segno negativo, il primo dopo il modesto +0,04% di maggio. Tutti e 5 i Paesi di riferimento scendono al di sotto della parità, ed è l’Italia (-2,1%) a fare da leader della graduatoria di fronte alla Germania che perde il 4,71%, al Regno Unito che incassa un calo del 4,9%, alla Spagna in rosso dell’8,34% e infine alla Francia a -8,43%. Sempre a giugno si fa notare il risultato della Svezia che lascia oltre il 51% delle vendite portando il proprio cumulato a -25,57%. In questo scenario il bilancio di metà anno non può che essere sfavorevole e le 8,18 milioni di autovetture immatricolate nel semestre corrispondono a un calo del 3,1%; da scomporre nel -3,6% dei 15 e nel +1,4% dei 12 Paesi nuovi membri. Quanto alla situazione dei singoli Gruppi, nel primo semestre 2019 il Gruppo Volkswagen perde il 4,3%, con solo Seat in positivo (+6,0%); Psa perde l’1,0%, con solo Citroën in positivo (+6,9%); Renault si peggiora dello 0,9%, ma con Dacia che si migliora di oltre il 10%; Fca scende del 9,5%, con i pesanti cali di Fiat (-10,2%) e di Alfa Romeo (42,4%). Giù anche per le premium di rango BMW e Daimler, unite da un calo dello 0,8%.
Mercato Europa - Giugno 2019 - Vendite per Gruppi e Marche
Mercato Europa - Giugno 2019 - Vendite per Paese

Se Torino va a Milano, e la politica gioca a fare autogol

Perciò Torino va a Milano, nel senso del Salone dell’auto che cambia residenza. Lascia la città che gli era propria, lascia la dimora, il Parco Valentino, che lo ha visto rinascere e prosperare e affermarsi addirittura come standard con il quale dovranno misurarsi da qui in avanti gli show dell’auto, laddove pochi, pochissimi, avrebbero scommesso sulla sua capacità di durare oltre due, tre edizioni. Sono state invece cinque, l’ultima delle quali illuminata dalla presenza di 700mila visitatori e di 54 Marchi auto. Un trionfo di pubblico e di critica. Poi, è entrata in scena la politica – bassa, rigorosamente con la minuscola. E Torino, perciò, se ne va a Milano. Naturalmente, il fulmine a ciel sereno scagliato da Andrea Levy, presidente del Salone, che annunciando il trasloco ha insieme fornito le date del primo appuntamento milanese e quella della conferenza stampa di presentazione, qualche dubbio consistente lo ha prodotto. Si è detto: non si può improvvisare su due piedi un trasloco di questa portata; e in Italia, poi, dove la burocrazia è padrona e per ottenere permessi ci possono volere anni; e per andare a Milano, infine, che ha un’agenda degli eventi in cui, per trovare un buco libero, bisogna fare i salti mortali… E ancora, si è detto, un imprenditore che ha dimostrato di saperci fare, e Andrea Levy lo è, procede per programmi, non per improvvisazioni o colpi di testa. Quindi, si è concluso, la decisione di lasciare Torino non nasce dall’ultimo scontro con l’amministrazione locale – il vicesindaco Guido Montanari in testa, con la sua “speranza nella grandine” affinché mandasse all’aria l’ultima edizione del Salone del Parco Valentino - ma era stata già presa da tempo, si aspettava solo un casus belli per metterla in atto, e il casus belli è puntualmente arrivato.

Leggi tutto...