I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

A giugno, un effetto calendario tutt’altro che propizio spiana la strada al segno meno. Nei 28 Paesi dell’Ue, Malta esclusa, il mese registra un calo del 7,8% con 1.446.183 nuove immatricolazioni. Dall’inizio del 2019 si tratta del quinto segno negativo, il primo dopo il modesto +0,04% di maggio. Tutti e 5 i Paesi di riferimento scendono al di sotto della parità, ed è l’Italia (-2,1%) a fare da leader della graduatoria di fronte alla Germania che perde il 4,71%, al Regno Unito che incassa un calo del 4,9%, alla Spagna in rosso dell’8,34% e infine alla Francia a -8,43%. Sempre a giugno si fa notare il risultato della Svezia che lascia oltre il 51% delle vendite portando il proprio cumulato a -25,57%. In questo scenario il bilancio di metà anno non può che essere sfavorevole e le 8,18 milioni di autovetture immatricolate nel semestre corrispondono a un calo del 3,1%; da scomporre nel -3,6% dei 15 e nel +1,4% dei 12 Paesi nuovi membri. Quanto alla situazione dei singoli Gruppi, nel primo semestre 2019 il Gruppo Volkswagen perde il 4,3%, con solo Seat in positivo (+6,0%); Psa perde l’1,0%, con solo Citroën in positivo (+6,9%); Renault si peggiora dello 0,9%, ma con Dacia che si migliora di oltre il 10%; Fca scende del 9,5%, con i pesanti cali di Fiat (-10,2%) e di Alfa Romeo (42,4%). Giù anche per le premium di rango BMW e Daimler, unite da un calo dello 0,8%.
Mercato Europa - Giugno 2019 - Vendite per Gruppi e Marche
Mercato Europa - Giugno 2019 - Vendite per Paese

Se a caccia del cliente ormai si va con il fucile

All’inizio di ottobre la concessionaria Carolina Ford di Honea Path, cittadina della Carolina del Sud, Usa, ha avviato la campagna promozionale “God, Guns and America”. La promessa è: a ciascun acquirente di un veicolo, la concessionaria farà dono di una copia della Bibbia, di una bandiera degli Stati Uniti e di un buono sconto da 400 dollari per l’acquisto di un fucile, da utilizzarsi presso un negozio specializzato di Abbeville, alla cui contea Honea Path appartiene.
Il fucile in questione è uno Smith & Wesson M&P 15: per chi è pratico, si tratta di una carabina semiautomatica in stile AR 15; per chi non è pratico, è un fucile progettato per i corpi di polizia ma poi destinato anche al mercato dei privati, e ha l’aspetto molto aggressivo di un’arma da guerra; per tutti, è il modello di arma da fuoco preferito dagli autori delle stragi in chiese, scuole, uffici pubblici avvenute nell’ultimo decennio negli Stati Uniti.
“Se stavate aspettando una grande offerta su un’auto nuova o usata, questo è il momento di coglierla al volo!”, l’entusiastico invito da parte della concessionaria. Il cui management non ha partorito l’idea nel corso di un week-end a elevato tasso alcolico, come potrebbe sembrare, ma dopo un paio di formali e sobrie riunioni in cui si è cercata la giusta risposta alla domanda: cosa può sedurre la nostra clientela? La conseguenza, essendo quella di Honea Path un’area ad altissima densità di cacciatori, è nota.
A essere precisi, lo ha sottolineato Derrick Hughes, general manager di Carolina Ford, mentre Bibbia e bandiera a stelle e strisce non sono negoziabili, l’offerta non impone l’obbligo di accettazione del voucher per acquistare il fucile: lo si può rifiutare, e allora i 400 dollari vengono scontati dal prezzo del veicolo che si acquista (ma solo se è nuovo: per chi punta all’usato, o il fucile o il fucile). E poi, ha aggiunto Hughes, attenzione a buttarla in p olitica: “Affari, sono solo affari. Cercavamo un’idea per incrementare vendite e visite in concessionaria, l’abbiamo trovata. E funziona”.

Leggi tutto...

 

Il Sondaggio

Crescita di privati e noleggio a breve e lungo termine, calo delle autoimmatricolazioni e delle vendite a società: il 2019 dovrebbe chiudere al di sotto di quota 1.900.000 immatricolazioni: ritenete sia questa la dimensione reale del mercato Italia?