I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Crollo verticale, difficile definirlo altrimenti. Il mercato Italia delle auto nuove a settembre ha fatto -25,4% sullo stesso mese del 2017. Le immatricolazioni, dicono i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, sono state 124.976, quindi 42.500 unità in meno delle 167.469 dello scorso anno.
Il 50% dell’immatricolato del mese è stato effettuato negli ultimi tre giorni lavorativi, le auto-immatricolazioni di Case e Concessionari dovrebbero aver contato per circa il 18% del totale delle immatricolazioni mensili.
Al netto delle esigenze di smaltimento dello stock, il trimestre luglio-settembre chiude così a -6,9%. Nei primi 9 mesi del 2018 il cumulato è di 1.491.261 unità, contro 1.534.349 del gennaio-settembre 2017: -2,8% la differenza.

Un risultato negativo così forte certo non può essere imputato al giorno lavorativo in meno. Maggiore l'impatto, certamente, dell'anticipo degli acquisti a luglio e agosto causa entrata in vigore delle nuove norme di omologazione dal 1° settembre (e la contemporanea indisponibilità di nuovi prodotti a norma da parte di alcuni Marchi). Ma un ruolo importante sembra aver giocato, sia pur di riflesso, anche il "patto anti-smog della Pianura padana", che se da un lato blocca la circolazione di veicoli vecchi, dall'altro non chiarisce quali saranno le prossime mosse e se e come riguarderanno veicoli nuovi alimentati a benzina e diesel. L'incertezza, insomma, che ferma il mercato.

"I blocchi della circolazione per le vetture più anziane, e quindi più inquinanti e meno sicure, sono un segnale positivo nell’ottica del rinnovo del parco più volte da noi auspicato e sollecitato", ha commentato Michele Crisci, presidente di Unrae. "In tal senso l’Associazione plaude all’introduzione di questa tipologia di misure, che però andrebbero accompagnate con messaggi chiari e concreti, in questa fase di transizione verso motorizzazioni a impatto zero, ispirati al principio della neutralità tecnologica e, quindi, riferiti alla possibilità di sostituire i veicoli anziani con mezzi più moderni e innovativi, compresi i diesel Euro 6, considerati i virtuosi livelli di emissione raggiunti. In effetti oggi le campagne di demonizzazione delle autovetture a gasolio stanno disorientando e impaurendo i clienti, anche alla luce dell’impatto sul valore residuo della propria vettura”.
A sostegno di questo ragionamento, l'analisi del Centro Studi e Statistiche Unrae, dalla quale emerge che, nelle tre principali città per numero di immatricolazioni annue, le vendite di diesel a clienti privati si stanno riducendo in modo considerevole. Negli 8 mesi di questo anno, nel comune di Milano la flessione è del 28,6%, a Roma del 22,3%, a Torino del 37,4% .
In totale, il calo delle vetture diesel tra i privati è del 15,8%. “Pensare di poter fare a meno nell’immediato di una motorizzazione che ancora oggi rappresenta oltre il 50% del mercato – commenta Crisci – significa creare un buco produttivo che il nostro Paese non può nell’immediato colmare con altre motorizzazioni, senza considerare i riflessi negativi sulla necessità di rinnovo del parco circolante e sul raggiungimento degli obiettivi europei in tema di emissioni”.
Ancora: "L'Unrae ribadisce che il percorso verso una mobilità a impatto zero per le persone e l’ambiente è già una strada segnata, occorre definirne e accompagnarne la transizione. Nel frattempo è necessario che sia avviato un processo virtuoso che consenta al nostro Paese di raggiungere gli obiettivi fissati dalle normative europee, senza penalizzare una motorizzazione rispetto a un’altra e attraverso l’adozione di misure efficaci di svecchiamento del parco e di realizzazione delle necessarie infrastrutture per la ricarica elettrica”.

Alla posizione di Unrae fa eco quella di Federauto, espressa dal presidente Adolfo De Stefani Cosentino: "A nostro avviso il mese ha iniziato a mostrare i segnali di caduta della domanda, per un evidente effetto di retroazione legato ai provvedimenti antismog assunti nella macro-area padana e non solo, comunque con una forte eco a livello nazionale. La crescita di ibride ed elettriche rispecchia una maggiore attenzione verso i temi della mobilità sostenibile, ma i diversi approcci seguiti da Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto evidenziano la necessità di introdurre criteri di omogeneità con regole univoche stabilite da un ente centrale e non lasciate alla discrezionalità delle amministrazioni locali. Altrimenti si rischia di creare danni al mercato e distruggere valore".

L'analisi del mercato di settembre, tra le motorizzazioni il diesel ha perso il 38,3% dei volumi ed è sceso al 47,9% del totale mercato. Nel cumulato dei primi 9 mesi la quota è del 53,3% (-3,5 p.p.). In flessione molto più contenuta la benzina (-6,3% e una rappresentatività che sale al 38,7%), mentre calano del 24,2% le vetture a Gpl e del 62,7% quelle a metano, che si fermano all’1% di quota. Bene le ibride, +28,2%, che in settembre hanno superato le immatricolazioni del Gpl, raggiungendo nel mese una quota del 6,1% (+ 2,5 p.p.), mentre nel cumulato rappresentano il 4,3% del totale. Forte crescita per le vetture elettriche (+168,7%) che si portano allo 0,4% di quota.
I canali di vendita hanno tutti pagato pegno. Le immatricolazioni ai privati a -16,3% nel mese e -4,8% nel cumulato (rispettivamente al 59,9% e 54,8% di quota). Molto forte il calo delle società: -34,5% nel mese e -4% nei 9 mesi. Il noleggio, risultato il canale peggiore a settembre (-38%), si mantiene in territorio positivo nel cumulato dei 9 mesi (+3,2%, e quota salita al 24,3%).
Mercato Italia - Settembre 2018 - immatricolazioni per marca

Il terzo lato del triangolo, il nostro convitato di pietra

Francesco è un insegnante e abita a Roma. Oggi ha deciso di andare al lavoro in centro senza prendere l’auto. Prende la bicicletta, perché “è il mezzo migliore per mantenere il distanziamento sociale, mi tiene in forma, è economica e, soprattutto, non inquina”.
Vediamo Francesco in bici: pedala su piste ciclabili che finiscono nel nulla, o su una scalinata, o contro un cavalcavia, o dentro il Tevere. Lo vediamo abbandonare la bici e optare per l’autobus: attende alla fermata per dieci minuti, un quarto d’ora, mezz’ora: inutilmente. Rinuncia, e opta per il car-sharing. Vediamo Francesco trafficare con lo smartphone solo per scoprire che la zona in cui si trova non è coperta dal servizio. Conclusione: “Basta, non possiamo ripartire se non cambiamo la mobilità delle nostre città”, dice Francesco, che poi indossa una maschera antigas e si avvia a piedi per le strade di Roma.
Tutto questo lo vediamo in un video, “2020 – Odissea della mobilità”, realizzato e lanciato da Greenpeace Italia in occasione della settimana della mobilità per “mostrare le difficoltà che vive quotidianamente chi cerca di muoversi all’interno della propria città”. 
Paradossale: è uno spot per l’automobile di proprietà. Affermazione cinica, ma tant’è: l’automobile forse non emoziona più come una volta, ma se ancora ha a che fare con la libertà, è proprio con la libertà di trovarla e usarla quando si vuole che ha a che fare. La nostra automobile. A Roma, certamente; e in tante altre città meno attente a sé e a chi le abita di questa Italia che viaggia a più velocità – una lenta, una molto lenta, un’altra praticamente ferma, e non soltanto perché siamo nel tempo dell’emergenza sanitaria.

Leggi tutto...