I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Febbraio -1,4%: questo dice il mercato Italia delle auto nuove, secondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Le immatricolazioni del mese appwna concluso sono state infatti 181.734, contro le 184.350 dello stesso mese del 2017. Di conseguenza il cumulato del I bimestre del 2018 è di 359.907 immatricolazioni, con un incremento dell'1% rispetto alle 356.384 registrate nel periodo gennaio-febbraio 2017.

Segno negativo a parte, cos'altro si può leggere nel risultato di febbraio? Poco di nuovo, in realtà. La continuità di alcuni trend tutt'altro che positivi, intanto. Come l'iperattività degli ultimi 3 giorni, quando di fatto è stato immatricolato il 46% circa del totale mercato. O come l'inesorabile flessione del canale dei privati, arrivata nel mese alla doppia cifra (-13%), con una perdita di circa 7 punti percentuali di quota, visto che a febbraio i privati hanno coperto soltanto la metà delle vendite complessive (il 50,5%). Un risultato che, secondo Michele Crisci, presidente di Unrae, "conferma il bisogno di diverse reti di vendita di far ruotare più velocemente le giacenze di vetture già autoimmatricolate che vengono prevalentemente vendute ai privati, drenando così parte della vendita di auto nuove. Inoltre, si assiste a un graduale passaggio dalla proprietà al possesso, attraverso nuove formule di noleggio a lungo termine a privati”.
A conferma delle parole di Crisci, un’analisi condotta dal Centro Studi Unrae su dati consolidati dei primi 6 mesi 2017 (e relativi a 185.000 autoimmatricolazioni) dimostra che queste Km0 sono state acquistate per il 40,7% da clienti privati mentre un 28% è andato a Dealer e rivenditori, che a loro volta alimenteranno il canale privati.

Il problema degli stock e di una rotazione sempre più lenta ha sottolineato anche Mario Beretta, presidente di Federauto: "La contrazione a doppia cifra delle vendite a privati può essere motivata dalla persistente necessità per i Concessionari di ridurre gli stock di Km0, che continuano ad alimentarsi di mese in mese, sotto la pressione generalizzata degli obiettivi assegnati dalle Case, oltre che dalla scelta di molte famiglie di rinviare la decisione di un acquisto importante, come già avvenuto in altri periodi pre-elettorali".

A trarre vantaggio dalla "fuga dei privati" è stato a febbraio soprattutto il canale del noleggio, che ha guadagnato 5 punti di rappresentatività, attestandosi al 29,6% grazie a un aumento del 18,9%, con 54.216 immatricolazioni. Bene è andato il breve termine (+15,1%), meglio il lungo termine (+22,7%). Aumento di volumi anche per le società (+7,8%), che hanno rappresentato a febbraio il 19,9% delle vendite, sempre grazie all’andamento delle autoimmatricolazioni.

Per quanto riguarda le alimentazioni, l’analisi della struttura del mercato evidenzia l’incremento delle vetture ibride (+20% e quota al 3,5%). In particolare, eccellente la performance delle ibride plug-in, che nel mese - secondo i dati Unrae - hanno incrementato i volumi del 65,5%. Bene anche le elettriche che, spinte soprattutto dal canale noleggio, hanno raddoppiato i propri volumi.
A questo, ha corrisposto la flessione del diesel (-0,9%), della benzina (-5,4%) e del Gpl (-10,1%). In crescita, invece, il metano che, grazie alle promozioni commerciali e ad alcuni nuovi modelli, tornato al 2,3% di quota.

In conclusione, commenta ancora Michele Crisci, "la mobilità è in evoluzione. Il nuovo corso è già tracciato dalla necessità di rispettare l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici (COP 21), nonché il Regolamento europeo che fissa a 95 g/km di CO2 il limite delle emissioni entro il 2020. Unrae insiste sulla necessità di un raccordo con questi obiettivi seguendo le stesse raccomandazioni della Commissione Europea che sta lavorando sugli standard, basandosi sul principio della neutralità tecnologica. Pertanto raccomanda alle forze politiche che vinceranno la tornata elettorale di considerare seriamente il tema della mobilità sostenibile nei loro piani di governo, tenendo conto anche del tessuto economico, produttivo e distributivo italiano. Non ci aspettiamo una scossa, piuttosto un processo. Si tratta di accompagnare la transizione, cioè cominciare a far collaborare il trasporto pubblico con quello privato, pianificare incentivi per le infrastrutture e un sostegno necessario, magari fiscale, per la vita quotidiana di automobilisti che oggi hanno una sensibilità ambientale, ma anche un budget da rispettare, per stimolare il rinnovo del parco anziano, un passaggio obbligato prima ancora dei blocchi alla circolazione”.

Mercato Italia - Febbraio 2018 - immatricolazioni per marca

Se il food delivery consegna lezioni a domicilio

I l titolo è perentorio: “2030: il food delivery ucciderà i ristoranti. E dalle case spariranno le cucine”. L’articolo, pubblicato dal sito Business Insider, porta la firma di Valerio Mammone. Abbonda di dati e virgolettati, è molto dettagliato. Non parla del mercato delle automobili, naturalmente, ma può risultare istruttivo, se si ha voglia di uscire dalla logica “il nostro è un business unico”. 
Food delivery: consegna di cibo a domicilio. In Italia, ci dice Mammone, il fenomeno esplode nel 2015, con nuove startup (Glovo, Foodora, Deliveroo, UberEats...) venute a rompere il dominio di Just Eat. Nel 2017 il mercato vale 201 milioni di euro, +66% sul 2016. Nel primi mesi del 2018, tra piatti pronti o semplice spesa, più di 4 milioni di italiani hanno scelto la consegna a domicilio almeno una volta al mese. Utilizzatori più assidui: i Millennial, fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Entro il 2022 si prevede che le piattaforme di food delivery genereranno un giro d’affari da 2,5 miliardi di euro. 
Il punto centrale dell’asse che i ristoratori hanno costituito con le piattaforme di food delivery - spiega Business Insider - sono i big data. Migliaia di informazioni vengono raccolte ed elaborate ogni giorno dalle piattaforme e poi, dice Samuele Fraternali dell’Osservatorio e-commerce B2C, “i dati vengono rivenduti ai ristoratori, che così possono profilare gli utenti, sapere quali prodotti vanno di più, quali sono i servizi preferiti, quali zone e fasce orarie rendono di più... Il ristoratore non paga tanto il dato, quanto la sua rielaborazione”.

Leggi tutto...

 

Il Sondaggio

Ritenete sia realistico il piano Di Maio per portare su strada, in Italia, entro 5 anni, un milione di vetture "ricaricabili" (al costo, secondo Bloomberg, di 9 miliardi di euro)?