I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Forte di un giorno lavorativo in più, gennaio apre il 2018 facendo segnare una crescita del 6,8% nel complesso dei 28 Paesi dell’Unione Europea, Malta esclusa, cui vanno sommati i risultati dei 3 Paesi di area Efta. In termini di volumi, le nuove immatricolazioni sono state 1.286.378, ben 82.385 in più rispetto a gennaio 2017. Di queste, il 34% - oltre 28.000 unità - fa capo alla Germania che, con una crescita a due cifre da oltre 11 punti e un immatricolato complessivo di 269mila nuove automobili, mette in mostra tutte le potenzialità non pienamente espresse nel corso del 2017. Anche la Spagna consuntiva una crescita consistente e, con 100mila targhe, segna un impressionante +20%. Dopo un dicembre in rosso, i Paesi Bassi trovano nuovo vigore e crescono in doppia cifra: +10% netto. Ulteriore scivolone per il Regno Unito che si vede costretto a incassare un -6% da oltre 10mila unità, sempre su gennaio 2017. Naturalmente, insieme con la Germania, anche il Gruppo Volkswagen mostra i muscoli e chiude il primo mese dell’anno con oltre 316mila nuove targhe, aumentando dell’8,7%, ma soprattutto vedendo crescere al suo interno Skoda e Seat, entrambe con incrementi prossimi al 20%. Bene anche Peugeot e Citroën. Meno brillante Fca, che non va oltre un +1,2% dovuto al freno di Fiat che perde quasi 6 punti, ma che trova conforto - per quel che può - con Jeep.
Mercato Europa - Gennaio 2018- Vendite per Paese
Mercato Europa - Gennaio 2018 - Vendite per Gruppi e Marche

 

Progetti e dignità, il settore torna a schierarsi

Si è levato un bel vento, tra Roma e Verona, dove l’automobile si è data convegno. Vento di programmi. Programma è una bella parola: promette impegno. 
Molto ce ne ha messo l’Unrae nel costruire la propria visione strategica della mobilità. Una visione indubbiamente lucida, sorretta da un ragionamento che, anche a prima vista, è di una logica disarmante. La natura non fa salti; l’industria (e i mercati) nemmeno, nonostante a volte le apparenze sembrano dire il contrario. L’evoluzione procede per gradi, insomma. L’industria dell’auto non si arrocca, non si chiude a riccio, tutt’altro. È disponibile al cambiamento, si è preparata. Sa e capisce. Questo è quello che ci è stato dimostrato a Verona. Insieme, in una sorta di prova generale, ci è stata mostrata l’ampia documentazione - creata anche con il contributo del Cnr e del Censis - che, facendo vera informazione, sostiene in modo solido e concreto l’impresa. Che non si annuncia semplice: per i rappresentanti delle Case estere il prossimo passo del progetto è far capire alle istituzioni italiane, ai decisori, la necessità di programmare anche (soprattutto) loro. Ma questo è il mare nel quale l’auto deve navigare in Italia. Lo sa, e anche a questo - a non mollare - si è preparata.

Leggi tutto...

 

Il Sondaggio

Il mercato Italia continua ad apprezzare il diesel, in controtendenza rispetto all'Europa. Secondo voi: