I cookie ci aiutano a fornire, proteggere e migliorare i servizi di InterAutoNews.
Continuando a usare il nostro sito, accetti la nostra normativa sui cookie.

Le immatricolazioni di auto nuove a settembre sono state 166.956, ha detto il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture: significa che la crescita sullo stesso mese del 2016 (154.399 immatricolazioni) è stata dell'8,1% - e questo nonostante un giorno lavorativo in meno. Ne consegue che il cumulato dei 9 mesi 2017 si porta a quota 1.533.710 unità e che la crescita sullo stesso periodo gennaio-settembre del 2016 è del 9% (allora si era a quota 1.407.020). Ancora: salgono a 15 i trimestri positivi consecutivi, e l'obietivo dei 4 anni di incrementi è molto prossimo.

Di "ottimi segnali di salute e interesse da parte del pubblico nei confronti del nostro settore e della mobilità privata" parla Michele Crisci, presidente Unrae. Che al tempo stesso non può però esimersi dal "rilevare che il fenomeno delle autoimmatricolazioni, finalizzate a sostenere le quote di mercato, comincia ad acquisire contorni importanti, rendendo più complesso il dimensionare correttamente le previsioni per il 2018”.

Un fenomeno certificato, questa volta, anche dal Centro Studi e Statistiche Unrae, secondo una cui analisi mirata il livello delle giacenze di autovetture autoimmatricolate presso la sola Rete dei concessionari ha raggiunto le 168.000 unità, che rappresentano oltre un mese di vendita.

Le autoimmatricolazioni di Case e Dealer hanno rappresentanto il 23% circa dei volumi totali, senza tenere conto che quasi il 50% degli stessi è stato fatto negli ultimi 3 giorni di settembre.

Secondo Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, "il mercato 2017 si avvia a sfiorare i 2 milioni di auto grazie soprattutto all'iniezione costante di km0, che peserà circa il 15% del totale, ovvero oltre 330.000 vetture. Il che equivale a 136.000 pezzi in più del 2016, tra km0 e demo. Mentre il canale dei privati flette del -4%, questi i dati reali per chi volesse fare un ragionamento corretto e asettico. Noi non siamo mai stati contro le kmzero che, circa dal 2000 ad oggi, si sono rivelate un vero e proprio canale di vendita. Siamo però preoccupati perché in questa misura potrebbero diventare una patologia, ammesso e non concesso non lo siano già. Ritengo che chi si soffermi a leggere solo l’aumento del mercato in toni trionfalistici non stia svolgendo il proprio compito nella sua interezza. Certamente è un momento buono, però bisogna saper evidenziare anche le cose che non vanno. E nei numeri del 2017 ci sono diverse ombre”.

L'analisi della struttura del mercato parla di una flessione del canale Privati (-3,9%), figlia - si legge nel comunicato Unrae - "di una migrazione verso il Noleggio a lungo termine, specie nel Sud Italia, e per un effetto uscita Km 0 dalle giacenze concessionarie". Il Canale Noleggio cresce del 26,8%, con il Breve Termine a +93,4% (praticamente raddoppiata la quota percentuale dal 3,4% del settembre 2016 al 6,1% di quest’anno) a il Lungo Termine a +10,2% (con una rappresentatività del 19,9% nel mese e del 22,9% del cumulato).
Le vendite a società registrano un aumento del 24,3% (rappresentano il 26,8% delle immatricolazioni del mese), anche se il canale è trainato dalle autoimmatricolazioni (circa l’80% del targato).

Quanto alle alimentazioni, invece, da sottolineare il trend positivo del Diesel  (+8,5% nel mese, +8,6% nei 9 mesi). Bene anche il Gpl (con una crescita del 16,9% a settembre e un +27,2% nel cumulato), l'Ibrido (+48,7% nel mese e +70,3% nel cumulato) e l'Elettrico (+25% nel mese e +49,3% nel cumulato), mentre si continua a registrare il calo del metano che nei primi 9 mesi dell’anno perde il 32,3% e quasi un punto percentuale in quota rispetto allo scorso anno.
Mercato Italia - Settembre 2017 - immatricolazioni per marca

Se Torino va a Milano, e la politica gioca a fare autogol

Perciò Torino va a Milano, nel senso del Salone dell’auto che cambia residenza. Lascia la città che gli era propria, lascia la dimora, il Parco Valentino, che lo ha visto rinascere e prosperare e affermarsi addirittura come standard con il quale dovranno misurarsi da qui in avanti gli show dell’auto, laddove pochi, pochissimi, avrebbero scommesso sulla sua capacità di durare oltre due, tre edizioni. Sono state invece cinque, l’ultima delle quali illuminata dalla presenza di 700mila visitatori e di 54 Marchi auto. Un trionfo di pubblico e di critica. Poi, è entrata in scena la politica – bassa, rigorosamente con la minuscola. E Torino, perciò, se ne va a Milano. Naturalmente, il fulmine a ciel sereno scagliato da Andrea Levy, presidente del Salone, che annunciando il trasloco ha insieme fornito le date del primo appuntamento milanese e quella della conferenza stampa di presentazione, qualche dubbio consistente lo ha prodotto. Si è detto: non si può improvvisare su due piedi un trasloco di questa portata; e in Italia, poi, dove la burocrazia è padrona e per ottenere permessi ci possono volere anni; e per andare a Milano, infine, che ha un’agenda degli eventi in cui, per trovare un buco libero, bisogna fare i salti mortali… E ancora, si è detto, un imprenditore che ha dimostrato di saperci fare, e Andrea Levy lo è, procede per programmi, non per improvvisazioni o colpi di testa. Quindi, si è concluso, la decisione di lasciare Torino non nasce dall’ultimo scontro con l’amministrazione locale – il vicesindaco Guido Montanari in testa, con la sua “speranza nella grandine” affinché mandasse all’aria l’ultima edizione del Salone del Parco Valentino - ma era stata già presa da tempo, si aspettava solo un casus belli per metterla in atto, e il casus belli è puntualmente arrivato.

Leggi tutto...